jaar
Nicolas Jaar

Sirens

Other People
8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese, enfant prodige ai tempi dell’esordio Space Is Only Noise, cinque anni fa, pretende attenzione. Per l’architettura sonora, ovviamente, e più ancora per il concept di cui è espressione. Le sue radici sono in Cile: tutto lo dichiara. La copertina: un “gratta e vedi” (con tanto di monetina allegata) che rivela un’opera del padre, l’artista Alfredo Jaar (esule insieme alla compagna per sfuggire alla dittatura militare), A Logo For America, esposta nel 1987 a Times Square. “Anche se diciamo no, il sì è ovunque”, recita la scritta in alto a destra, riferita al referendum che nel 1988 avviò il processo di transizione verso la democrazia. Nel brano posto al centro della sequenza, intitolato appunto No, avvincente ballata elettronica a ritmo di cumbia, affiorano brandelli di conversazione fra un bimbo (Nicolas) e il genitore (Alfredo), spezzoni della quale trapelano pure – fra arpeggi di chitarra e vaporosità ambient – dal precedente Leaves.

Sul fronte per così dire “politico” è rilevante l’epilogo, History Lesson: una sorta di doo wop astratto come piacerebbe a David Lynch. L’intestazione prelude a queste parole: “Primo capitolo: abbiamo fatto cazzate / Secondo capitolo: le abbiamo rifatte, e poi di nuovo, e di nuovo, e di nuovo / Terzo capitolo: non abbiamo chiesto scusa / Quarto capitolo: non l’abbiamo ammesso / Quinto capitolo: abbiamo mentito / Sesto capitolo: siamo finiti”. Destinatari, immaginiamo, gli Stati Uniti che presumono di assorbire in sé l’intera nozione di America (citofonare CIA e chiedere di Pinochet). Quanto alla musica, troviamo dell’altro, ed è imprevedibile: echi di post-punk – cui non dev’essere estranea la frequentazione fra Jaar e Lydia Lunch, dark lady della No wave – attraversano The Governor e, soprattutto, Three Sides Of Nazareth, dove aleggia l’ombra dei Suicide. Tantissima roba, insomma, concentrata in poco più di 40 minuti: Sirens ha la densità e il peso specifico del piombo.

Commenti

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...