jaar
Nicolas Jaar

Sirens

Other People
8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese, enfant prodige ai tempi dell’esordio Space Is Only Noise, cinque anni fa, pretende attenzione. Per l’architettura sonora, ovviamente, e più ancora per il concept di cui è espressione. Le sue radici sono in Cile: tutto lo dichiara. La copertina: un “gratta e vedi” (con tanto di monetina allegata) che rivela un’opera del padre, l’artista Alfredo Jaar (esule insieme alla compagna per sfuggire alla dittatura militare), A Logo For America, esposta nel 1987 a Times Square. “Anche se diciamo no, il sì è ovunque”, recita la scritta in alto a destra, riferita al referendum che nel 1988 avviò il processo di transizione verso la democrazia. Nel brano posto al centro della sequenza, intitolato appunto No, avvincente ballata elettronica a ritmo di cumbia, affiorano brandelli di conversazione fra un bimbo (Nicolas) e il genitore (Alfredo), spezzoni della quale trapelano pure – fra arpeggi di chitarra e vaporosità ambient – dal precedente Leaves.

Sul fronte per così dire “politico” è rilevante l’epilogo, History Lesson: una sorta di doo wop astratto come piacerebbe a David Lynch. L’intestazione prelude a queste parole: “Primo capitolo: abbiamo fatto cazzate / Secondo capitolo: le abbiamo rifatte, e poi di nuovo, e di nuovo, e di nuovo / Terzo capitolo: non abbiamo chiesto scusa / Quarto capitolo: non l’abbiamo ammesso / Quinto capitolo: abbiamo mentito / Sesto capitolo: siamo finiti”. Destinatari, immaginiamo, gli Stati Uniti che presumono di assorbire in sé l’intera nozione di America (citofonare CIA e chiedere di Pinochet). Quanto alla musica, troviamo dell’altro, ed è imprevedibile: echi di post-punk – cui non dev’essere estranea la frequentazione fra Jaar e Lydia Lunch, dark lady della No wave – attraversano The Governor e, soprattutto, Three Sides Of Nazareth, dove aleggia l’ombra dei Suicide. Tantissima roba, insomma, concentrata in poco più di 40 minuti: Sirens ha la densità e il peso specifico del piombo.

Commenti

Ultime recensioni Musica
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...