jaar
Nicolas Jaar

Sirens

Other People
8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese, enfant prodige ai tempi dell’esordio Space Is Only Noise, cinque anni fa, pretende attenzione. Per l’architettura sonora, ovviamente, e più ancora per il concept di cui è espressione. Le sue radici sono in Cile: tutto lo dichiara. La copertina: un “gratta e vedi” (con tanto di monetina allegata) che rivela un’opera del padre, l’artista Alfredo Jaar (esule insieme alla compagna per sfuggire alla dittatura militare), A Logo For America, esposta nel 1987 a Times Square. “Anche se diciamo no, il sì è ovunque”, recita la scritta in alto a destra, riferita al referendum che nel 1988 avviò il processo di transizione verso la democrazia. Nel brano posto al centro della sequenza, intitolato appunto No, avvincente ballata elettronica a ritmo di cumbia, affiorano brandelli di conversazione fra un bimbo (Nicolas) e il genitore (Alfredo), spezzoni della quale trapelano pure – fra arpeggi di chitarra e vaporosità ambient – dal precedente Leaves.

Sul fronte per così dire “politico” è rilevante l’epilogo, History Lesson: una sorta di doo wop astratto come piacerebbe a David Lynch. L’intestazione prelude a queste parole: “Primo capitolo: abbiamo fatto cazzate / Secondo capitolo: le abbiamo rifatte, e poi di nuovo, e di nuovo, e di nuovo / Terzo capitolo: non abbiamo chiesto scusa / Quarto capitolo: non l’abbiamo ammesso / Quinto capitolo: abbiamo mentito / Sesto capitolo: siamo finiti”. Destinatari, immaginiamo, gli Stati Uniti che presumono di assorbire in sé l’intera nozione di America (citofonare CIA e chiedere di Pinochet). Quanto alla musica, troviamo dell’altro, ed è imprevedibile: echi di post-punk – cui non dev’essere estranea la frequentazione fra Jaar e Lydia Lunch, dark lady della No wave – attraversano The Governor e, soprattutto, Three Sides Of Nazareth, dove aleggia l’ombra dei Suicide. Tantissima roba, insomma, concentrata in poco più di 40 minuti: Sirens ha la densità e il peso specifico del piombo.

Commenti

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...