THE SLIP
www.nin.com

Con quella raccolta (…o accozzaglia?) di musica che era “Ghost I-IV”, Trent Reznor è riuscito ad innervosire anche i fan più convinti; figuriamoci poi chi verso di lui ha un atteggiamento un po’ più laico. Ebbene, era il caso di farsi perdonare. Veniamo subito al punto: con “The Slip” ci riesce, assolutamente, ben al di là del fatto che è un lavoro offerto gratis urbi et orbi da Reznor medesimo. Detto questo, può partire un rosario di critiche più o meno grandi: dal fatto che non c’è molto di nuovo in questa decina di tracce rispetto a quanto si sapeva già (anzi: di nuovo non c’è proprio nulla); alla considerazione che l’album, già breve di per sé, è occupato almeno per un quinto da tappeti ambient e poco più; alla notazione che Reznor ha forse tirato un po’ via la produzione, dato che in più occasioni l’impressione è che si poteva spendere qualche ora di studio in più nel rifinire determinate casse, determinate equalizzazioni, determinati mixaggi.
Tutto vero. Ma è altrettanto vero che questo è un buon disco, dove la scrittura è matura: nel senso che si sente uno studio e un progetto dietro a ogni singola traccia così come dietro al lavoro nella sua interezza. Hai detto poco. In anni in cui saper combinare songwriting e adrenalina pare un peccato mortale (ma solo perché è maledettamente difficile da fare, molto più semplice rifugiarsi nel glam-metal-nu-rock chiassoso o al contrario nelle romantiche esilità indie), i Nine Inch Nails rappresentano sempre una felice eccezione. Bisogna insomma evitare che i difetti di “The Slip” oscurino i suoi meriti. Poi, a pensar male, si potrebbe dire che con la pressione di una major rompicoglioni alle spalle Reznor ha sfornato in passato dischi migliori (…migliori?, epocali!), quindi non è detto che la libertà artistica e contrattuale appena guadagnata sia al cento percento un bene. Su questo, qualche dubbio ci resta. A costo di prenderci una pizza in faccia, noi questo glielo andremmo a dire. Dovreste farlo anche voi, senza nascondervi dietro al fatto che a ’sto giro la musica è gratis, offre Trent…

 

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...