NIN
Nine Inch Nails

Hesitation Marks

The Null Corporation/Columbia
8

Non sono segni di esitazione, come si penserebbe traducendo ingenuamente alla lettera il titolo, ma segni da ferite inferte con armi a lama, nel tentativo di suicidarsi o praticare dell’autolesionismo, quelli al quale si riferisce l’ottavo album dei Nine Inch Nails. Eppure i giorni perversi, in egual misura sadici e masochisti, del capolavoro The Downward Spiral dovrebbero essere ormai lontani. Vero che per l’artwork si torna a impiegare Russell Mills, come nel 1994: stavolta addirittura con copertine differenti a seconda che si scelga il cd standard, la versione per il mercato giapponese, la deluxe edition (con tre remix e intervista), il vinile o il download, ciascuno di essi provvisto di apposito master per garantire la miglior esperienza audio. Vero che si torna a concedere licenza di pubblicazione a una major, per semplificare le cose. Adesso Trent Reznor, però, è padre di famiglia, è mente sempre attiva nel campo delle nuove tecnologie – per quanto di recente si sia schierato contro la pirateria digitale – ed è musicista che si è tolto ogni soddisfazione grazie a rara apertura di vedute, raro spirito di conservazione (chi l’avrebbe scommesso…).

Dal 2009, quando annunciava una pausa dal suo progetto principale, perché mettersi in discussione è il segreto per rigenerare la creatività, l’artista americano non è rimasto inattivo: ha fondato gli How To Destroy Angels con la moglie Mariqueen Maandig, al debutto con Welcome Oblivion proprio quest’anno, e ha firmato due colonne sonore di successo, The Social Network e The Girl With The Dragon Tattoo per i film di David Fincher, al fianco dell’inseparabile Atticus Ross. Quest’ultimo, assieme all’altro fedelissimo Alan Moulder, co-produce Hesitation Marks, lavoro che non può passare inosservato: un po’ perché arriva dopo il deludente The Slip del 2008, un po’ perché si snoda per ben quattordici tracce in oltre un’ora di durata.

Attorno a Trent, che al solito compone e scrive in completa autonomia, cambia gran parte dei turnisti e arrivano ospiti come Lindsey Buckingham, ma poco importa. Quel che importa è che le registrazioni abbiano fruttato un disco valido, che da una parte mantiene un centro di gravità ribadendo stile unico e inconfondibile, quindi a essere onesti privo di stravolgimenti; dall’altra si apre a trame strumentali parecchio sciolte, a riflettere un momento esistenziale senza catene (leggasi tossicodipendenza e alcolismo), spezzate per la prima volta nel 2005 di With Teeth. C’è una padronanza nella rifinitura del sound che ha pochi eguali, non solo nell’ambito dell’elettronica sommata al rock, e in parallelo si riacquista il piacere di divertirsi. Tra melodia e aggressività, è il groove che ne esce rafforzato: accade già negli accattivanti singoli Came Back Haunted (trainato da un video girato dalla vecchia conoscenza David Lynch), Copy Of A ed Everything (che nell’affermare “Sono sopravvissuto a tutto”, “Sono a casa, sono libero” su spregiudicata base pop-new wave la dice lunga…).

L’ex Mr. Autodistruzione maneggia ciò che gli è più congeniale, ma non si arrende alla routine e azzecca ancora dei bei pezzi: una ballata come Find My Way, tra pianoforte e ghirigori sintetici, proietta i Depeche Mode in un futuro ignoto, mentre Various Methods Of Escape racconta di una voce che ha imparato a isolare l’emozione, I Would For You si riscalda con fiamme chitarristiche e While I’m Still Here attesta il connubio di fiati e macchine. Provate poi a stare fermi con le cadenze suadenti della dilatata All Time Low, che spazia da Oriente ai deserti dei Queens Of The Stone Age, oppure con il funk travestito da industrial di Satellite e i battiti marziali di Running, a giocare nel medesimo campionato dei Radiohead di The Kings Of Limbs. Certo, i momenti rabbiosi sono sporadici e non dettati dalla furia cieca dei tempi andati. Il contrario, d’altronde, sarebbe apparso caricaturale: ecco così che Disappointed fa del dancefloor il suo ring. Presi uno a uno, non vi saranno episodi indimenticabili (e qualche pasticcio, si senta In Two, ci scappa), eppure nel complesso abbondano soluzioni interessanti e raffinate, per un tragitto che potrebbe sembrare tirato per le lunghe ma che offre continuamente variazioni di passo, scarti a latere, vie di fuga. Se si ascolta più volte, la soddisfazione sale. Se si taglia, sgorga ancora del sangue. Se si esplora, sul pianeta NIN c’è tuttora vita.

 

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...