An Object
No Age

An Object

Sub Pop/Audioglobe
7

In una recente ricerca, si dimostrava come ogni genitore abbia un figlio prediletto, che non di rado è il maggiore. Ebbene, non ci stupiremmo – anzi, concorderemmo in pieno – se, fra tutti i suoi pargoli, la giovane madre noise-punk-nu gaze preferisse i No Age, tra i più adulti e navigati “del mazzo” (Japandroids, Male Bonding, Abe Vigoda, ecc.). Come spesso accade, però, non è detto che i figli scelgano la strada che un genitore aveva immaginato per lui. Chi aveva accolto Everything In Between tiepidamente, sentendo la mancanza dell’irruenza ruvida e acerba di Nouns, potrebbe considerare An Object come il tradimento definitivo. “Punk consapevoli” – nello stile di vita e nella ricerca di un modo non ripetitivo/convenzionale di fare musica – Dean Spunt e Randy Randall con il loro quarto album escono dal giro noise-punk-pop per avvicinarsi sempre di più a quello sperimentale.

Messe da parte alcune, riuscite, esplosioni di punk grumoso e melodico (C’mon, Stimmung, la botta anfetaminica con rullante tribal-wave di Lock Box, l’apertura con No Ground, affine ai soundscape ambient-noise dell’ultimo disco, ma più inquieta), An Object lascia da parte gli “aiutini” elettronici di Everything In Between per esplorare un territorio che potremmo definire di elettroacustica-punk: chitarre effettate che generano suoni manipolati sporchi e disorientanti, orizzonti nostalgici (I Won’t Be Your Generator), una chitarra a quattro corde usata come basso (che accentua il piglio post punk), spigolosità metropolitane ammorbidite dal violoncello (An Impression), white noise analogico e rarefatto (Commerce, Comment, Commence), vibrazioni percussive amplificate con vigore, voce talvolta palesemente “stonata” e la sensazione di avere tra le mani un album ricco di piccoli esperimenti, ma contemporaneamente grezzo e lo-fi. An Object risulta come un insieme di bozzetti che trovano completezza nel disegno d’insieme. Il quale, a ben guardare, giunge davvero inaspettato solo per dei genitori distratti.

Pubblicato sul Mucchio 710

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...