An Object
No Age

An Object

Sub Pop/Audioglobe
7

In una recente ricerca, si dimostrava come ogni genitore abbia un figlio prediletto, che non di rado è il maggiore. Ebbene, non ci stupiremmo – anzi, concorderemmo in pieno – se, fra tutti i suoi pargoli, la giovane madre noise-punk-nu gaze preferisse i No Age, tra i più adulti e navigati “del mazzo” (Japandroids, Male Bonding, Abe Vigoda, ecc.). Come spesso accade, però, non è detto che i figli scelgano la strada che un genitore aveva immaginato per lui. Chi aveva accolto Everything In Between tiepidamente, sentendo la mancanza dell’irruenza ruvida e acerba di Nouns, potrebbe considerare An Object come il tradimento definitivo. “Punk consapevoli” – nello stile di vita e nella ricerca di un modo non ripetitivo/convenzionale di fare musica – Dean Spunt e Randy Randall con il loro quarto album escono dal giro noise-punk-pop per avvicinarsi sempre di più a quello sperimentale.

Messe da parte alcune, riuscite, esplosioni di punk grumoso e melodico (C’mon, Stimmung, la botta anfetaminica con rullante tribal-wave di Lock Box, l’apertura con No Ground, affine ai soundscape ambient-noise dell’ultimo disco, ma più inquieta), An Object lascia da parte gli “aiutini” elettronici di Everything In Between per esplorare un territorio che potremmo definire di elettroacustica-punk: chitarre effettate che generano suoni manipolati sporchi e disorientanti, orizzonti nostalgici (I Won’t Be Your Generator), una chitarra a quattro corde usata come basso (che accentua il piglio post punk), spigolosità metropolitane ammorbidite dal violoncello (An Impression), white noise analogico e rarefatto (Commerce, Comment, Commence), vibrazioni percussive amplificate con vigore, voce talvolta palesemente “stonata” e la sensazione di avere tra le mani un album ricco di piccoli esperimenti, ma contemporaneamente grezzo e lo-fi. An Object risulta come un insieme di bozzetti che trovano completezza nel disegno d’insieme. Il quale, a ben guardare, giunge davvero inaspettato solo per dei genitori distratti.

Pubblicato sul Mucchio 710

Ultime recensioni Musica
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...