History of Modern
100%/Self

Toh, chi si rivede. Non è proprio una sorpresa inaspettata, dato che già da qualche anno c’erano sussulti targati Orchestral Manoeuvres In The Dark, con riapparizioni televisive tedesche e poi via via altre cose sparse, vedi tour (auto)celebrativi; ora però la faccenda è proprio seria, perché ci sono di mezzo canzoni nuove – o almeno inedite – e non è il solito “best of” penosamente (auto) imposto per ragioni mercantili. Loro giurano di farlo per diletto e non per soldi. Ha l’aria di esser vero. Ai due signori in questione va comunque dato un posto nella storia del pop: Enola Gay è un monumento. Un monumento, ma anche insieme la fortuna e la rovina degli OMD: il suo successo epocale e la sua perfezione hanno sempre messo in ombra o direttamente squalificato il resto del loro materiale. Perché succedeva che se facevano altra musica che comunque era buona, inevitabilmente si pensava che non era mai tanto buona come Enola Gay; se invece facevano schifezze, subito si sbottava “Eh, Enola Gay è stata una botta di culo, questi valgono poco, senti qua che roba”. Già. Andy McCluskey e Paul Humphreys, infatti, non sono né geni né cialtroni. Sono onesti mestieranti del pop che hanno cavalcato prima di altri l’innovazione tecnologica dell’inizio degli ’80 ponendosi quasi per caso al fianco di Human League o perfino dei New Order. Nella loro carriera hanno sempre alternato pezzi sostanzialmente ok a tracce banalotte e inconsistenti, ed è esattamente quello che hanno ripreso a fare anche nel 2010 con History Of Modern. Disco che però è in qualche modo onesto, perché non cerca di farsi penosi lifting per attualizzarsi, né è eccessivamente paraculo nel cercare l’effetto-nostalgia. I due compari sembrano dire, allargando le braccia e sorridendo: “Questo siamo stati e questo siamo; questo abbiamo fatto e questo ancora oggi facciamo. Non siamo fenomeni né vogliamo esserlo”.

tratto dal Mucchio n° 674

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...