ORCAS
Morr Music

“Fields recording”, folk e indietronica sono, da sempre, le passioni che caratterizzano le opere di Benoit Pioulard, all’anagrafe Thomas Meluch da Portland; quelle di Rafael Anton Irisarri (l’altra metà degli Orcas) si incentrano, al contrario, sul più puro minimalismo e qualche scheggia impazzita di shoegaze. Dal loro incontro deriva un progetto che, pur risentendo per forza di cose delle loro personalissime
influenze, rifugge gli schemi e lascia il terreno libero a sfrenate fantasie. Spesso, come per “Standard Error” e “A Subtle Escape”, si muove da un tappeto di drones ripetuti all’infinito (ma di una soavità che di rado capita di ascoltare in opere del genere) per giungere a una forma canzone astratta i cui vocalismi trasmettono una magia tale da lasciare esterrefatti.
Altrove emerge vivido addirittura il fantasma di Tim Buckley che esalta una ballata rarefatta e spettrale solo per voce e pianoforte dal forte senso di angoscia (“Until Then”, una cover dei Broad-cast). L’evocazione di movimenti di algido immobilismo, solo in apparenza un controsenso, è il primo e più importante passo verso loop eterni (“Certain Abstractions”) che conducono allo spazio infinito: lì i suoni si fanno ancor più ovattati, le note si allungano all’infinito e un senso di pace assoluta (“Saw My Echo”, “High Fences”) pervade la cinematicità di una litania che come santo patrono si vota a Windy & Carl.

Tratto dal Mucchio n°693

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...