CST103_5x5_300dpi
Ought

More Than Any Other Day

Constellation/Goodfellas
8

La protesta che per molti mesi, nel 2012, vide in piazza migliaia di studenti canadesi, ha dato frutti insperati; non tanto in termini di riscontri istituzionali (minime, in effetti, le concessioni governative) quanto piuttosto dal punto di vista dell’ispirazione: uno dei migliori album dello scorso anno – Images Du Futur dei Suuns – per stessa ammissione dei protagonisti aveva trovato sostanza organica in quegli avvenimenti; in quelle stesse settimane, gli Ought pubblicano l’ep d’esordio e iniziano a lavorare su More Than Any Other Day. Otto composizioni vicine alla perfezione nelle quali si respira, immediata, una discreta dose di elettricità che tuttavia non degrada mai in movimenti destrutturati; al contrario, anche gli episodi meno lineari – pochi, per la verità – si apprezzano per un sentire che (se non proprio pop) costeggia strutture armoniche e incroci di matrice post.

La tensione degli Shellac, la ritmica circolare e geometrica di June Of ’44 e Shipping News (Pleasant Heart), gli esperimenti votati ad un visionario intendere il pentagramma di Colossamite e U.S. Maple, le partiture in salire che hanno segnato le fortune di molti bei nomi della scena di Chicago (Today, More Than Any Other Day), i controtempi emo dei Don Caballero; prendete i richiamati nomi come metro di paragone e aggiungete che il quartetto ha la capacità di confezionare un debutto che, senza rimpianti, si lascia alle spalle le ceneri del punk, affianca per qualche intenso attimo la discografia degli Husker-Du (Gemini) e procede spedito verso la riscoperta di certo rock matematico (chi ha detto Cap ‘n Jazz?). Senza trascurare che Tim Beeler, vocalist e chitarrista dalle rosee prospettive, possiede
un carisma innato per fare in modo che quel fuoco che ancora brucia sotto la cenere trovi il tempo per riprendere violento: ecco, allora, che su The Weather Song c’è lo spirito del Lou Reed di I’m Waiting For The Man, mentre i violini e le tastiere rappresentano il valore aggiunto a quarantasei minuti al contempo rabbiosi e sublimi per i fan del maestro David Byrne.

Commenti

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...