CST103_5x5_300dpi
Ought

More Than Any Other Day

Constellation/Goodfellas
8

La protesta che per molti mesi, nel 2012, vide in piazza migliaia di studenti canadesi, ha dato frutti insperati; non tanto in termini di riscontri istituzionali (minime, in effetti, le concessioni governative) quanto piuttosto dal punto di vista dell’ispirazione: uno dei migliori album dello scorso anno – Images Du Futur dei Suuns – per stessa ammissione dei protagonisti aveva trovato sostanza organica in quegli avvenimenti; in quelle stesse settimane, gli Ought pubblicano l’ep d’esordio e iniziano a lavorare su More Than Any Other Day. Otto composizioni vicine alla perfezione nelle quali si respira, immediata, una discreta dose di elettricità che tuttavia non degrada mai in movimenti destrutturati; al contrario, anche gli episodi meno lineari – pochi, per la verità – si apprezzano per un sentire che (se non proprio pop) costeggia strutture armoniche e incroci di matrice post.

La tensione degli Shellac, la ritmica circolare e geometrica di June Of ’44 e Shipping News (Pleasant Heart), gli esperimenti votati ad un visionario intendere il pentagramma di Colossamite e U.S. Maple, le partiture in salire che hanno segnato le fortune di molti bei nomi della scena di Chicago (Today, More Than Any Other Day), i controtempi emo dei Don Caballero; prendete i richiamati nomi come metro di paragone e aggiungete che il quartetto ha la capacità di confezionare un debutto che, senza rimpianti, si lascia alle spalle le ceneri del punk, affianca per qualche intenso attimo la discografia degli Husker-Du (Gemini) e procede spedito verso la riscoperta di certo rock matematico (chi ha detto Cap ‘n Jazz?). Senza trascurare che Tim Beeler, vocalist e chitarrista dalle rosee prospettive, possiede
un carisma innato per fare in modo che quel fuoco che ancora brucia sotto la cenere trovi il tempo per riprendere violento: ecco, allora, che su The Weather Song c’è lo spirito del Lou Reed di I’m Waiting For The Man, mentre i violini e le tastiere rappresentano il valore aggiunto a quarantasei minuti al contempo rabbiosi e sublimi per i fan del maestro David Byrne.

Commenti

Ultime recensioni Musica
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...