HEARTLAND
Domino/Self

Has A Good Home si intitolava il primo album del biondo canadese fino a poco fa noto come Final Fantasy. Questa sua terza fatica estesa, invece, potrebbe chiamarsi Has A New Name; solo che tanto nuovo il nome non è, visto che trattasi di quello che si trova sulla sua carta d’identità: Owen Pallett. Il quale, preoccupato – meglio tardi che mai! – della potenziale confusione col celeberrimo videogioco, ha deciso di non nascondersi più dietro a uno pseudonimo. Che ciò avvenga con il suo lavoro più a fuoco, poi, è una coincidenza quanto mai gustosa. Richiestissimo nel ruolo di violinista e arrangiatore, in primis con gli Arcade Fire, fin dagli esordi Pallett ha puntato quasi tutto sulla ricchezza e la fantasia delle orchestrazioni, ottenendo risultati egregi ma finendo talvolta per perdersi tra un rigo e l’altro, mancando così l’obiettivo della concretezza (perché è pur sempre di canzoni in senso stretto che si parla). Un problema che in Heartland non si pone, visto che al suo interno la scrittura delle partiture per archi e fiati e quella dei brani si sposano e compenetrano come non mai, con contrappunti e cambi di passo a seguire e assecondare stati d’animo e sfumature della voce. Senza contare, poi, un uso più deciso e organico dell’elettronica, che contribuisce a dare al tutto ulteriori stratificazioni e livelli di lettura (specie in Lewis Takes Off His Shirt, non distante dal calore sintetico e dall’incedere meccanico di certo krautrock). Inevitabile tracciare paragoni con Divine Comedy o Andrew Bird, per non tirare in ballo Scott Walker o gli altri padri del pop sinfonico meno allineato, a patto però di considerarli non tanto punti di riferimento, ma compagni di strada per un artista che, nel realizzare la sua opera più ambiziosa (si ascolti la mini-suite Tryst With Mephi stopheles), sembra aver finalmente spiccato il volo. Basta non pensare che stiamo parlando di un concept incentrato su un contadino iperviolento e sui suoi dialoghi unilaterali col Creatore…

tratto dal Mucchio n°667

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...