Per primo è arrivato il trailer: la personificazione della morte (in inglese, Grim Reaper), con un abito rosa shocking che culla un peluche di panda e poi lo fa a pezzi; poi il video di Mr. Noah: l’interno di un cortile e di una casa angusta nel bel mezzo del litigio di una coppia, che diventa surreale attraverso il montaggio da capogiro della telecamera; infine il video di Boys Latin: un viaggio lisergico in forma di animazione stile “al bioparco sotto acido” che gioca con i concetti di trasformazione e paranoia. Un insieme di immagini allusive che raccontano bene il quinto album di Noah Lennox. Ma andiamo per gradi. Il precedente Tomboy era arrivato dopo le ovazioni di Person Pitch, con la sua atmosfera quasi sacrale e austera, scritto da una prospettiva chitarristica e con un carico di ansia da prestazione mai negato dall’autore (che a quei tempi aveva valutato l’ipotesi di abbandonare il suo moniker). Panda Bear Meets the Grim Reaper è un album in cui a spiccare è l’uso dei campionamenti e la scelta dei suoni – non una novità per i membri del collettivo – che però si collocano fra la dimensione terrestre dell’ultimo Centipede Hz degli Animal Collective e quella ultraterrena di Tomboy.

Suoni che sembrano arrivare da un parco giochi che galleggia nello spazio, in cui all’improvviso fa irruzione l’ululato di un cane (Mr. Noah), le note dolci di un carillon (Tropic of Cancer, quasi una ninna nanna), nebulose space pianistiche (Lonely Wanderer) o intermezzi a metà fra un videogioco e Doctor Who (Davy Jones’ Locker, Shadow of the Colossus). Melodie semplici e non senza aperture pop – del resto, in quanto a etichette, siamo passati dalla più weird e defilata Paw Tracks a una primadonna dell’indie come Domino – su cui si sente il tocco sci-fi di Peter Kember, in cui non mancano le cristalline peripezie vocali di Lennox ma che, al loro interno, custodiscono testi più carichi di inquietudine che in passato. “Are you mad?” ripete Noah in una delle pillole psichedeliche più efficaci dell’album, Come To Your Senses. “Yes, I’m mad”, è la risposta puntuale.

Commenti

Ultime recensioni Musica
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...