Per primo è arrivato il trailer: la personificazione della morte (in inglese, Grim Reaper), con un abito rosa shocking che culla un peluche di panda e poi lo fa a pezzi; poi il video di Mr. Noah: l’interno di un cortile e di una casa angusta nel bel mezzo del litigio di una coppia, che diventa surreale attraverso il montaggio da capogiro della telecamera; infine il video di Boys Latin: un viaggio lisergico in forma di animazione stile “al bioparco sotto acido” che gioca con i concetti di trasformazione e paranoia. Un insieme di immagini allusive che raccontano bene il quinto album di Noah Lennox. Ma andiamo per gradi. Il precedente Tomboy era arrivato dopo le ovazioni di Person Pitch, con la sua atmosfera quasi sacrale e austera, scritto da una prospettiva chitarristica e con un carico di ansia da prestazione mai negato dall’autore (che a quei tempi aveva valutato l’ipotesi di abbandonare il suo moniker). Panda Bear Meets the Grim Reaper è un album in cui a spiccare è l’uso dei campionamenti e la scelta dei suoni – non una novità per i membri del collettivo – che però si collocano fra la dimensione terrestre dell’ultimo Centipede Hz degli Animal Collective e quella ultraterrena di Tomboy.

Suoni che sembrano arrivare da un parco giochi che galleggia nello spazio, in cui all’improvviso fa irruzione l’ululato di un cane (Mr. Noah), le note dolci di un carillon (Tropic of Cancer, quasi una ninna nanna), nebulose space pianistiche (Lonely Wanderer) o intermezzi a metà fra un videogioco e Doctor Who (Davy Jones’ Locker, Shadow of the Colossus). Melodie semplici e non senza aperture pop – del resto, in quanto a etichette, siamo passati dalla più weird e defilata Paw Tracks a una primadonna dell’indie come Domino – su cui si sente il tocco sci-fi di Peter Kember, in cui non mancano le cristalline peripezie vocali di Lennox ma che, al loro interno, custodiscono testi più carichi di inquietudine che in passato. “Are you mad?” ripete Noah in una delle pillole psichedeliche più efficaci dell’album, Come To Your Senses. “Yes, I’m mad”, è la risposta puntuale.

Commenti

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...