Per primo è arrivato il trailer: la personificazione della morte (in inglese, Grim Reaper), con un abito rosa shocking che culla un peluche di panda e poi lo fa a pezzi; poi il video di Mr. Noah: l’interno di un cortile e di una casa angusta nel bel mezzo del litigio di una coppia, che diventa surreale attraverso il montaggio da capogiro della telecamera; infine il video di Boys Latin: un viaggio lisergico in forma di animazione stile “al bioparco sotto acido” che gioca con i concetti di trasformazione e paranoia. Un insieme di immagini allusive che raccontano bene il quinto album di Noah Lennox. Ma andiamo per gradi. Il precedente Tomboy era arrivato dopo le ovazioni di Person Pitch, con la sua atmosfera quasi sacrale e austera, scritto da una prospettiva chitarristica e con un carico di ansia da prestazione mai negato dall’autore (che a quei tempi aveva valutato l’ipotesi di abbandonare il suo moniker). Panda Bear Meets the Grim Reaper è un album in cui a spiccare è l’uso dei campionamenti e la scelta dei suoni – non una novità per i membri del collettivo – che però si collocano fra la dimensione terrestre dell’ultimo Centipede Hz degli Animal Collective e quella ultraterrena di Tomboy.

Suoni che sembrano arrivare da un parco giochi che galleggia nello spazio, in cui all’improvviso fa irruzione l’ululato di un cane (Mr. Noah), le note dolci di un carillon (Tropic of Cancer, quasi una ninna nanna), nebulose space pianistiche (Lonely Wanderer) o intermezzi a metà fra un videogioco e Doctor Who (Davy Jones’ Locker, Shadow of the Colossus). Melodie semplici e non senza aperture pop – del resto, in quanto a etichette, siamo passati dalla più weird e defilata Paw Tracks a una primadonna dell’indie come Domino – su cui si sente il tocco sci-fi di Peter Kember, in cui non mancano le cristalline peripezie vocali di Lennox ma che, al loro interno, custodiscono testi più carichi di inquietudine che in passato. “Are you mad?” ripete Noah in una delle pillole psichedeliche più efficaci dell’album, Come To Your Senses. “Yes, I’m mad”, è la risposta puntuale.

Commenti

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...