Per primo è arrivato il trailer: la personificazione della morte (in inglese, Grim Reaper), con un abito rosa shocking che culla un peluche di panda e poi lo fa a pezzi; poi il video di Mr. Noah: l’interno di un cortile e di una casa angusta nel bel mezzo del litigio di una coppia, che diventa surreale attraverso il montaggio da capogiro della telecamera; infine il video di Boys Latin: un viaggio lisergico in forma di animazione stile “al bioparco sotto acido” che gioca con i concetti di trasformazione e paranoia. Un insieme di immagini allusive che raccontano bene il quinto album di Noah Lennox. Ma andiamo per gradi. Il precedente Tomboy era arrivato dopo le ovazioni di Person Pitch, con la sua atmosfera quasi sacrale e austera, scritto da una prospettiva chitarristica e con un carico di ansia da prestazione mai negato dall’autore (che a quei tempi aveva valutato l’ipotesi di abbandonare il suo moniker). Panda Bear Meets the Grim Reaper è un album in cui a spiccare è l’uso dei campionamenti e la scelta dei suoni – non una novità per i membri del collettivo – che però si collocano fra la dimensione terrestre dell’ultimo Centipede Hz degli Animal Collective e quella ultraterrena di Tomboy.

Suoni che sembrano arrivare da un parco giochi che galleggia nello spazio, in cui all’improvviso fa irruzione l’ululato di un cane (Mr. Noah), le note dolci di un carillon (Tropic of Cancer, quasi una ninna nanna), nebulose space pianistiche (Lonely Wanderer) o intermezzi a metà fra un videogioco e Doctor Who (Davy Jones’ Locker, Shadow of the Colossus). Melodie semplici e non senza aperture pop – del resto, in quanto a etichette, siamo passati dalla più weird e defilata Paw Tracks a una primadonna dell’indie come Domino – su cui si sente il tocco sci-fi di Peter Kember, in cui non mancano le cristalline peripezie vocali di Lennox ma che, al loro interno, custodiscono testi più carichi di inquietudine che in passato. “Are you mad?” ripete Noah in una delle pillole psichedeliche più efficaci dell’album, Come To Your Senses. “Yes, I’m mad”, è la risposta puntuale.

Commenti

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....