81wnZoHlapL._SL1500_
Paolo Benvegnù

Earth Hotel

Woodworm/Audioglobe
8

La nostra sparuta compagnia di ospiti aveva presto imparato a riconoscersi quali uniche anime viventi residenti nell’immensa struttura… A quanto pare eravamo un gruppo molto riservato e, senza eccezioni, solitario”. Così narra nell’ultimo film di Wes Anderson, Grand Budapest Hotel, il personaggio dello scrittore ispirato a Stefan Zweig. Romanziere e biografo ungherese morto suicida in fuga dalle milizie naziste, è uno dei numerosi spiriti che si aggirano per i corridoi di Earth Hotel, i cui clienti non sembrano essere meno soli e sperduti. “Più ti stai vicino e più ti manchi”, recita il ritornello di Divisionisti, uno dei tanti brani che affrontano di petto il tema della distanza, dagli altri e da noi stessi. “Piccoli e fragilissimi” i film di Paolo Benvegnù hanno smesso di esserlo da qualche tempo, tanto che per spiegare la sua nuova fatica verrebbe quasi da rispolverare uno di quei paroloni che facevano da lasciapassare con i tomi del cinema d’essai italiano: “incomunicabilità”. Anche e soprattutto di questo parla Earth Hotel, il capitolo centrale di una (presunta) trilogia filosofica: meno letterario del precedente Hermann, leva l’ancora dai capolavori della narrativa mondiale e prende il largo verso una lingua nuova, intima e universale al tempo stesso.

È un album enorme e imperfetto, dove ogni minimo particolare può aprire nuove porte. Ad alleggerire il peso dei testi, mai così densi, provvedono l’uso di lingue straniere e svariate “voci fuori campo”. Ad esempio, sullo sfumare della ballata Avenida silencio si ascolta un appassionato monologo sulla responsabilità: “everyone is worth saving, even the monsters”, dice Rowan Pope in uno spezzone tratto della serie televisiva Scandal. È quella che Zweig avrebbe chiamato “compassione creatrice”, la propensione a condividere il dolore degli altri e tirare avanti. Se Hermann era un disco sulla storia dell’Uomo, questo è sull’Umanità, sia come condizione materiale, sia come moto d’amore verso questa “sparuta compagnia” che abita la terra quasi fosse un albergo.

Commenti

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...