81wnZoHlapL._SL1500_
Paolo Benvegnù

Earth Hotel

Woodworm/Audioglobe
8

La nostra sparuta compagnia di ospiti aveva presto imparato a riconoscersi quali uniche anime viventi residenti nell’immensa struttura… A quanto pare eravamo un gruppo molto riservato e, senza eccezioni, solitario”. Così narra nell’ultimo film di Wes Anderson, Grand Budapest Hotel, il personaggio dello scrittore ispirato a Stefan Zweig. Romanziere e biografo ungherese morto suicida in fuga dalle milizie naziste, è uno dei numerosi spiriti che si aggirano per i corridoi di Earth Hotel, i cui clienti non sembrano essere meno soli e sperduti. “Più ti stai vicino e più ti manchi”, recita il ritornello di Divisionisti, uno dei tanti brani che affrontano di petto il tema della distanza, dagli altri e da noi stessi. “Piccoli e fragilissimi” i film di Paolo Benvegnù hanno smesso di esserlo da qualche tempo, tanto che per spiegare la sua nuova fatica verrebbe quasi da rispolverare uno di quei paroloni che facevano da lasciapassare con i tomi del cinema d’essai italiano: “incomunicabilità”. Anche e soprattutto di questo parla Earth Hotel, il capitolo centrale di una (presunta) trilogia filosofica: meno letterario del precedente Hermann, leva l’ancora dai capolavori della narrativa mondiale e prende il largo verso una lingua nuova, intima e universale al tempo stesso.

È un album enorme e imperfetto, dove ogni minimo particolare può aprire nuove porte. Ad alleggerire il peso dei testi, mai così densi, provvedono l’uso di lingue straniere e svariate “voci fuori campo”. Ad esempio, sullo sfumare della ballata Avenida silencio si ascolta un appassionato monologo sulla responsabilità: “everyone is worth saving, even the monsters”, dice Rowan Pope in uno spezzone tratto della serie televisiva Scandal. È quella che Zweig avrebbe chiamato “compassione creatrice”, la propensione a condividere il dolore degli altri e tirare avanti. Se Hermann era un disco sulla storia dell’Uomo, questo è sull’Umanità, sia come condizione materiale, sia come moto d’amore verso questa “sparuta compagnia” che abita la terra quasi fosse un albergo.

Commenti

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...