Alone

Universal

Nella sensibilità artistica di Paolo Saporiti c’è parecchio spazio per i cantautori (leggi songwriter) esistenziali, quel pugno di personaggi che abbracciano musiche e versi in dissolvenza, attraversando tempi e mode anche parecchio lontani fra di loro. Un cenacolo ideale, che loro stessi vorrebbero disertare, per indole, e che raccoglie nomi come Tim (e Jeff) Buckley, Nick Drake, John Martyn, Elliott Smith; dalle nostre parti soprattutto Tenco, Ciampi e De André (almeno, quello della prima ora). Paolo ha alle spalle due album e un ep poco più che autoprodotti, e un buon numero di concerti in giro per l’Italia: una gavetta, chiamiamola così, di tutto rispetto che oggi lo ha portato fra le braccia di una major come la Universal, con le sue canzoni più intense e convincenti. Alone è affidato alla sua voce e al violoncello di Zeno Gabaglia, è stato prodotto da Teho Teardo (che gli ha dato una forma sibilante e inquieta) e ha il pregio del magnetismo e della buona scrittura. Da Rotten Flowers a Gelo, l’unico pezzo in italiano, non ci sono cedimenti di ispirazione o di struttura: forme scheletriche per un canto scarno e vibrante, che apre scenari desolati e talmente profondi da togliere il respiro. Nessun rifermento alla scena nostrana, ma un costante richiamo al folk universale a cui si accennava prima. L’unico difetto potrebbe essere la totale autoreferenzialità del progetto, ovvero la sua scarsa (nulla?) apertura a ciò che capita nel contemporaneo. Poco, pochissimo male: Alone è ipnotico e lirico come quasi nessun altro album in Italia è stato negli ultimi dodici mesi.

tratto dal Mucchio n°668

Ultime recensioni Musica
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...