22 DREAMS
Island/Universal

Fra i padri fondatori del pop-rock britannico c’è un ritorno alla complessità: lo testimoniano piuttosto bene i nuovi lavori di Steve Winwood, Elvis Costello e Paul Weller. Dischi che non si negano divagazioni, piegandosi più all’estro dell’artista che a un solo genere. “22 Dreams” è probabilmente il più interessante del lotto: contiene in qualche modo gli estremi di Weller, quelli che vanno dal soul brutale, ancora bruciato dal punk (il pezzo che dà il titolo al cd), alla ballata – “All I Wanna Do (Is Be With You)” – dal cantato confidenziale, movimentato in “Have You Made Up Your Mind” e sconsolato in Invisible, al rock energico e avventuroso (“Push It Along”), fino a perdersi in una psichedelia che lambisce i toni della sperimentazione pura e semplice (“Song For Alice”), dell’evanescenza (“111”) e dell’onirico (“Night Lights”), vero tema conduttore di tutto l’album.
Un’album fatto di ventidue sogni e di ventun canzoni che potevano perdersi sui binari degli eccessi, e che invece offrono un corpo poderoso e ricco di inventiva, anche quando, per esempio in “Echoes Round The Sun”, le sfumature paiono avere la meglio. Proprio in questo brano si sentono le chitarre di Noel Gallagher e Gem Archer degli Oasis, mentre altrove spuntano Graham Coxon e Steve Cradock, degli Ocean Colour Scene. Se però nel precedente “As Is Now” vincevano proprio il ritmo e l’elettricità, qui ha la meglio una raffinatezza matura, ma che non ha rinunciato a molte frenesie della giovinezza. Il tono può anche essere trasognato, non retorico: nemmeno nell’avvolgente “Lullaby für kinder” che precede la struggente “Where’er Ye Go” seguita dalla particolarissima “God”, dialogo impossibile, ma non troppo, con il Creatore. Se Paul Weller voleva, con “22 Dreams”, “evocare gli spasmi e le angosce che stanno dentro all’immaginazione, impastati coi rimpianti di ogni giorno” (parole sue), è riuscito pure a dimostrare che la musica non ha ancora smesso di descrivere mondi migliori, a patto di essere, veramente, sentita.

 

Ultime recensioni Musica
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...