WAKE UP THE NATION
Island/Universal

Nel corso della sua pluridecennale carriera, prima alla guida di Jam e Style Council e poi da solista, Paul Weller ci ha abituato a cambi di rotta anche abbastanza inaspettati. Eppure, fino a un paio d’anni fa la sensazione era che stesse sempre più compensando con la classe la mancanza di stimoli veri. A scacciare l’immagine della rockstar seduta sugli allori aveva per fortuna provveduto 22 Dreams (2008), opera ambiziosa ed estesa in cui l’artista si confrontava con i generi più vari, rimettendosi parzialmente in gioco e uscendone a testa alta. Per molti versi Wake Up The Nation si muove sulla medesima falsariga, con però una differenza sostanziale: la sintesi. Perché, ove là i minuti erano sessantotto, qui non sono neppure quaranta, suddivisi in quattordici canzoni e due strumentali. Ne risulta una corsa a perdifiato attraverso il rock’n’roll, il northern soul, il funk più sensuale e la disco più lasciva, ma anche l’elettronica e il pop psichedelico. Un approccio che ha il suo culmine in Trees, all’interno della quale si succedono allegramente acid jazz, easy listening, distorsioni e tappeti di suoni in reverse, fino a una chiusura per solo piano e voce. Tale proteiformità si concretizza anche nella lista degli ospiti, da vecchie glorie come Clem Cattini e Bev Bevan (batteristi rispettivamente dei Tornados e di Move ed E.L.O.) a Kevin Shields dei My Bloody Valentine, non a caso nel brano più inquietante del lotto, 7 + 3 (Is The Striker’s Name), per non parlare del cammeo del già bassista dei Jam, Bruce Foxton, nella spigolosa Fast Car/Slow Traffic. Vale la pena ascoltare il tutto prima a volume altissimo, per farsi travolgere dall’impatto sonoro e dalle melodie, e quindi in cuffia, apprezzando così il brulicare di tastiere, chitarre, suonini ed effetti che si muovono nell’ombra per poi sbucare fuori all’improvviso e altrettanto repentinamente tornare nelle retrovie. Sotto qualsiasi punto di vista, un’esplosione di vitalità, creatività e genio clamorosa, tra i vertici della produzione del modfather.

tratto dal Mucchio n°669

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....