WAKE UP THE NATION
Island/Universal

Nel corso della sua pluridecennale carriera, prima alla guida di Jam e Style Council e poi da solista, Paul Weller ci ha abituato a cambi di rotta anche abbastanza inaspettati. Eppure, fino a un paio d’anni fa la sensazione era che stesse sempre più compensando con la classe la mancanza di stimoli veri. A scacciare l’immagine della rockstar seduta sugli allori aveva per fortuna provveduto 22 Dreams (2008), opera ambiziosa ed estesa in cui l’artista si confrontava con i generi più vari, rimettendosi parzialmente in gioco e uscendone a testa alta. Per molti versi Wake Up The Nation si muove sulla medesima falsariga, con però una differenza sostanziale: la sintesi. Perché, ove là i minuti erano sessantotto, qui non sono neppure quaranta, suddivisi in quattordici canzoni e due strumentali. Ne risulta una corsa a perdifiato attraverso il rock’n’roll, il northern soul, il funk più sensuale e la disco più lasciva, ma anche l’elettronica e il pop psichedelico. Un approccio che ha il suo culmine in Trees, all’interno della quale si succedono allegramente acid jazz, easy listening, distorsioni e tappeti di suoni in reverse, fino a una chiusura per solo piano e voce. Tale proteiformità si concretizza anche nella lista degli ospiti, da vecchie glorie come Clem Cattini e Bev Bevan (batteristi rispettivamente dei Tornados e di Move ed E.L.O.) a Kevin Shields dei My Bloody Valentine, non a caso nel brano più inquietante del lotto, 7 + 3 (Is The Striker’s Name), per non parlare del cammeo del già bassista dei Jam, Bruce Foxton, nella spigolosa Fast Car/Slow Traffic. Vale la pena ascoltare il tutto prima a volume altissimo, per farsi travolgere dall’impatto sonoro e dalle melodie, e quindi in cuffia, apprezzando così il brulicare di tastiere, chitarre, suonini ed effetti che si muovono nell’ombra per poi sbucare fuori all’improvviso e altrettanto repentinamente tornare nelle retrovie. Sotto qualsiasi punto di vista, un’esplosione di vitalità, creatività e genio clamorosa, tra i vertici della produzione del modfather.

tratto dal Mucchio n°669

Ultime recensioni Musica
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...
laurel-halo-dust
Laurel Halo

Dust

8

Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo...
a3406870115_10
King Gizzard And The Lizard Wizard

Murder Of The Universe

8

La fine del mondo come non lo avevamo conosciuto. È un’involuzione verso il Medioevo, culturale e mentale,...
chino-amobi-non-records-debut-album-paradiso
Chino Amobi

PARADISO

8.5

A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete...
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...