BACKSPACER
Universal

Sempre riconoscibili, i Pearl Jam: fin dalle prime note di Amongst The Waves, che Eddie Vedder affronta di petto, per poi lanciarsi nel consueto coagulo elettrico ad alto voltaggio che caratterizza una buona metà di Bakcspacer. Addio alla Sony, bentornato a Brendan O’Brien, coinvolto anche nella ristampa ad alta definizione di Ten, esordio mai dimenticato. Le energie vengono spese quasi subito, per esempio nella trascinante Gonna See My Friends, che replica all’infinito il modulo del rock-and-roll contemporaneo. I Pearl Jam, del resto, questo sono: un incrocio pesante e pensante fra le origini, il punk e quanto ha capovolto l’idea di hard nei Novanta.
Un suono da strada principale e non secondaria, comunque, dove nella maggior parte dei casi è la velocità a dettare legge: lo dimostrano il sussiego di Got Some, tanto per fare un esempio, oppure il martello percussivo di Force Of Nature che avanza all’unisono con le chitarre. Che poi in tutto questo siano le melodie (da quelle di Johnny Guitar alle armonie country-pop di Speed Of Sound, fino alla canzone più rotonda, una The End toccante senza retorica) a dettare legge non deve né può stupire: anche alle origini i Pearl Jam le hanno curate, pur nello stravolgimento strategico dei canoni. Ora che sono pure loro un canone, come affrontare questo ennesimo disco? Da fan, con sicura devozione; da critico – e scusate l’espressione, ma questo si cerca di essere, ogni tanto – con l’apprezzamento per la tenuta del lavoro nel suo complesso, di molte delle singole tracce, e con una discreta perplessità da comunicare. Nella loro intransigenza Vedder e soci raccontano storie direttamente al cuore di chi li segue: i riferimenti sono sempre più inestricabilmente interni e le rotte sonore rimangono, necessariamente, limitate.
Questo non riduce, ovviamente, molte delle emozioni del disco, che riesce ad avvicinarsi a quanto di meglio la band di Seattle abbia fatto negli ultimi quindici anni: semplicemente, non lascia margini allo stupore, sentimento importante per riuscire a volare davvero.

 

Ultime recensioni Musica
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...