BACKSPACER
Universal

Sempre riconoscibili, i Pearl Jam: fin dalle prime note di Amongst The Waves, che Eddie Vedder affronta di petto, per poi lanciarsi nel consueto coagulo elettrico ad alto voltaggio che caratterizza una buona metà di Bakcspacer. Addio alla Sony, bentornato a Brendan O’Brien, coinvolto anche nella ristampa ad alta definizione di Ten, esordio mai dimenticato. Le energie vengono spese quasi subito, per esempio nella trascinante Gonna See My Friends, che replica all’infinito il modulo del rock-and-roll contemporaneo. I Pearl Jam, del resto, questo sono: un incrocio pesante e pensante fra le origini, il punk e quanto ha capovolto l’idea di hard nei Novanta.
Un suono da strada principale e non secondaria, comunque, dove nella maggior parte dei casi è la velocità a dettare legge: lo dimostrano il sussiego di Got Some, tanto per fare un esempio, oppure il martello percussivo di Force Of Nature che avanza all’unisono con le chitarre. Che poi in tutto questo siano le melodie (da quelle di Johnny Guitar alle armonie country-pop di Speed Of Sound, fino alla canzone più rotonda, una The End toccante senza retorica) a dettare legge non deve né può stupire: anche alle origini i Pearl Jam le hanno curate, pur nello stravolgimento strategico dei canoni. Ora che sono pure loro un canone, come affrontare questo ennesimo disco? Da fan, con sicura devozione; da critico – e scusate l’espressione, ma questo si cerca di essere, ogni tanto – con l’apprezzamento per la tenuta del lavoro nel suo complesso, di molte delle singole tracce, e con una discreta perplessità da comunicare. Nella loro intransigenza Vedder e soci raccontano storie direttamente al cuore di chi li segue: i riferimenti sono sempre più inestricabilmente interni e le rotte sonore rimangono, necessariamente, limitate.
Questo non riduce, ovviamente, molte delle emozioni del disco, che riesce ad avvicinarsi a quanto di meglio la band di Seattle abbia fatto negli ultimi quindici anni: semplicemente, non lascia margini allo stupore, sentimento importante per riuscire a volare davvero.

 

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....