ULTIMA NOTTE A MALÁ STRANA
OTR/Universal

Un girovago della musica e della poesia: così si può tentare di definire Peppe Voltarelli, un tempo ormai lontano voce de Il Parto delle Nuvole Pesanti e ora una figura sfuggente, traboccante, grandiosamente viscerale. Difficile capire se sia più importante la sua carriera di attore, da cinema, da teatro, da semplice reading, magari del suo libretto Non finito calabrese, e altrettanto difficile districarsi a parole nelle maglie di Ultima notte a Malá Strana, nuovo album di un personaggio solare e triste, all’occorrenza. Una difficoltà che non ha nulla a che vedere con la scorrevolezza, anche parecchio sostenuta, delle singole canzoni, dove i ritornelli, la lingua (equamente dispersa fra dialetto nativo e italiano, scandita spesso alla Modugno, condita da qualche riso beffardo e un po’ amaro) e le musiche si rincorrono sempre. Pezzi migranti, ovvero nati durante una serie di tappe europee e americane, culminate recentemente a Montreal, nei quali l’artista si è trovato a portare in piazza – pardon, sul palco – la propria appartenenza a un Paese che quasi non c’è, a volte, e diventa dolorosamente reale solo quando ci si trova a essere italiani all’estero. Una valigia simbolica, piena di sonorità che spaziano dal rock al folk, complice la produzione di Finaz della Bandabardò, coinvolta nell’ottima cover de Gli Anarchici di Leo Ferré, con la voce di Erriquez, e che raccontano con sconsolata ironia la propria radice linguistica, non solo culturale. Storie e inquietudini, che lambiscono Il paese dei Ciucci, l’odio e l’amore per Sta città, il sudore delle Scarpe rosse impolverate, in una mescola che Peppe non rinuncia ad agitare, continuamente, a scapito di qualsiasi misura. Terreno e idealistico, il percorso del disco lambisce il cantautorato, anche tradizionale, degli ultimi sessant’anni dando un impeto e una forma nuova, se non innovativa almeno altamente credibile, sincera. Un figlio contemporaneo di Modugno che, se fosse ancora vivo Pasolini, sarebbe finito di certo in qualcuno dei suoi film.

tratto dal Mucchio n°671

Ultime recensioni Musica
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...