ULTIMA NOTTE A MALÁ STRANA
OTR/Universal

Un girovago della musica e della poesia: così si può tentare di definire Peppe Voltarelli, un tempo ormai lontano voce de Il Parto delle Nuvole Pesanti e ora una figura sfuggente, traboccante, grandiosamente viscerale. Difficile capire se sia più importante la sua carriera di attore, da cinema, da teatro, da semplice reading, magari del suo libretto Non finito calabrese, e altrettanto difficile districarsi a parole nelle maglie di Ultima notte a Malá Strana, nuovo album di un personaggio solare e triste, all’occorrenza. Una difficoltà che non ha nulla a che vedere con la scorrevolezza, anche parecchio sostenuta, delle singole canzoni, dove i ritornelli, la lingua (equamente dispersa fra dialetto nativo e italiano, scandita spesso alla Modugno, condita da qualche riso beffardo e un po’ amaro) e le musiche si rincorrono sempre. Pezzi migranti, ovvero nati durante una serie di tappe europee e americane, culminate recentemente a Montreal, nei quali l’artista si è trovato a portare in piazza – pardon, sul palco – la propria appartenenza a un Paese che quasi non c’è, a volte, e diventa dolorosamente reale solo quando ci si trova a essere italiani all’estero. Una valigia simbolica, piena di sonorità che spaziano dal rock al folk, complice la produzione di Finaz della Bandabardò, coinvolta nell’ottima cover de Gli Anarchici di Leo Ferré, con la voce di Erriquez, e che raccontano con sconsolata ironia la propria radice linguistica, non solo culturale. Storie e inquietudini, che lambiscono Il paese dei Ciucci, l’odio e l’amore per Sta città, il sudore delle Scarpe rosse impolverate, in una mescola che Peppe non rinuncia ad agitare, continuamente, a scapito di qualsiasi misura. Terreno e idealistico, il percorso del disco lambisce il cantautorato, anche tradizionale, degli ultimi sessant’anni dando un impeto e una forma nuova, se non innovativa almeno altamente credibile, sincera. Un figlio contemporaneo di Modugno che, se fosse ancora vivo Pasolini, sarebbe finito di certo in qualcuno dei suoi film.

tratto dal Mucchio n°671

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...