ULTIMA NOTTE A MALÁ STRANA
OTR/Universal

Un girovago della musica e della poesia: così si può tentare di definire Peppe Voltarelli, un tempo ormai lontano voce de Il Parto delle Nuvole Pesanti e ora una figura sfuggente, traboccante, grandiosamente viscerale. Difficile capire se sia più importante la sua carriera di attore, da cinema, da teatro, da semplice reading, magari del suo libretto Non finito calabrese, e altrettanto difficile districarsi a parole nelle maglie di Ultima notte a Malá Strana, nuovo album di un personaggio solare e triste, all’occorrenza. Una difficoltà che non ha nulla a che vedere con la scorrevolezza, anche parecchio sostenuta, delle singole canzoni, dove i ritornelli, la lingua (equamente dispersa fra dialetto nativo e italiano, scandita spesso alla Modugno, condita da qualche riso beffardo e un po’ amaro) e le musiche si rincorrono sempre. Pezzi migranti, ovvero nati durante una serie di tappe europee e americane, culminate recentemente a Montreal, nei quali l’artista si è trovato a portare in piazza – pardon, sul palco – la propria appartenenza a un Paese che quasi non c’è, a volte, e diventa dolorosamente reale solo quando ci si trova a essere italiani all’estero. Una valigia simbolica, piena di sonorità che spaziano dal rock al folk, complice la produzione di Finaz della Bandabardò, coinvolta nell’ottima cover de Gli Anarchici di Leo Ferré, con la voce di Erriquez, e che raccontano con sconsolata ironia la propria radice linguistica, non solo culturale. Storie e inquietudini, che lambiscono Il paese dei Ciucci, l’odio e l’amore per Sta città, il sudore delle Scarpe rosse impolverate, in una mescola che Peppe non rinuncia ad agitare, continuamente, a scapito di qualsiasi misura. Terreno e idealistico, il percorso del disco lambisce il cantautorato, anche tradizionale, degli ultimi sessant’anni dando un impeto e una forma nuova, se non innovativa almeno altamente credibile, sincera. Un figlio contemporaneo di Modugno che, se fosse ancora vivo Pasolini, sarebbe finito di certo in qualcuno dei suoi film.

tratto dal Mucchio n°671

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...