LONG LIVE PERE UBU
Cooking Vinyl/Edel

Per anni David Thomas è stato piuttosto sbrigativo nell’affrontare le origini letterarie dei suoi Pere Ubu: un inevitabile richiamo all’Ubu Roi di Alfred Jarry, certo, ma la questione ci era sempre sembrata una sorta di pretesto, un isolato impeto di entusiasmo giovanile per le avanguardie storiche proveniente da una band che fin dai primi vagiti aveva, senza proclami da scuola d’arte, cercato di produrre moderna e concreta popular music. Bizzarra, certo, a tratti volubile, ma dotata di una sua solida pragmaticità. Ora ritroviamo lo stesso Thomas impegnato nientemeno che in una ambiziosa rilettura dell’opera di Jarry: trasformata in una sorta di grottesca piece musical-teatrale, bislacca quanto i presupposti possono fare immaginare, la rilettura del Macbeth di Shakespeare operata dall’autore francese, cialtronesca, assurda e “priva di ogni redenzione”, accolta con sconcerto e ostilità dalla Parigi di fine Ottocento, diventa di fatto l’approdo più naturale per la storica band di Cleveland. Al punto che lo stesso Thomas, anziché giocarsi la comoda carta del progetto collaterale, ci presenta questo ciclo di canzoni, già portato sul palco lo scorso anno in un contesto più strettamente teatrale e con qualche variazione, semplicemente come il nuovo album in studio della band.
Con l’aggiunta di una efficacissima Sarah Jane Morris nel ruolo della consorte di Ubu, i musicisti assecondano ancora una volta il leader con la necessaria temerarietà, tirando fuori un impasto ostico e a tratti grumoso, spesso geniale, mai scontato, con incursioni nella consueta formula (Road To Reason è il classico, spastico anti-inno dei Nostri), insolite parentesi elettroniche (Less Said The Better, un titolo che pare il più classico dei motti di Thomas, costellata da grotteschi, pantagruelici rutti campionati), solenni progressioni che paiono prese dagli Henry Cow più brechtiani (Slowly I Turn). “A cool mess”, secondo Thomas: sottoscriviamo in pieno.

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...