DEL NOSTRO TEMPO RUBATO
Santeria/Audioglobe

Tempo rubato non è stato di certo quello che è trascorso dall’uscita di Pianissimo fortissimo, tre anni fa, e il nuovo lavoro della band piemontese. In questo lasso di tempo si è sciolto un infruttuoso legame con il mondo major (episodio che la dice lunga sul fiato sempre più corto della grande discografia più che sul destino di band di culto che sembra perseguitare i nostri, ma rischiamo di andare fuori tema) e in cui si sono accumulati pensieri, riflessioni e il bisogno di raccontare e raccontarsi senza censure, stilistiche ed espressive in primo luogo. Riapprodati all’etichetta che aveva pubblicato In Circolo, i Perturbazione riversano in questi abbondanti settanta minuti un ventaglio di suggestioni, di territori più omeno distanti tra loro percorsi in una decina d’anni di carriera emersa, giocando coi generi ma anche con i cliché di una generazione di post-trentenni che secondo la vulgata comune passerebbe il tempo a lamentarsi e ad ereditare il vuoto che li ha preceduti. Tra i solchi di Del nostro tempo rubato troviamo brillanti giochi di parole al servizio di più che legittime esortazioni ad aprire gli occhi (Mao Zeitung), affettuosi omaggi al primo hardcore italiano (Vomito!), pre-war folk immaginato da Philip K. Dick (Io sono vivo voi siete morti), poetici trattati sociologici sull’adolescenza (Mondo Tempesta), amare riflessioni sul lavoro e sulle cicatrici del tempo (la title track, con quelle chitarre acustiche intrecciate e i fiati a sostenere il ritornello), ritratti senza sconto del Belpaese (L’Italia ritagliata, con un azzeccato alternarsi di arpeggi e distorsioni), la divertente La fuga dei cervelli. Ventiquattro piccole storie legate da una coerenza narrativa che si manifesta nei particolari (Le Istruzioni per l’uso in apertura, i Titoli di coda), storie che portano avanti, spesso partendo da un’intelaiatura acustica, quella sintesi di eredità rock (non solo) anglosassone e tradizione italiana – dagli XTC a Ivan Graziani passando per Deus e Notwist – che i Perturbazione sono riusciti a sintetizzare con particolare efficacia nell’ultimo decennio, affinandola a ogni disco.

tratto dal Mucchio n°671

Ultime recensioni Musica
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...