DEL NOSTRO TEMPO RUBATO
Santeria/Audioglobe

Tempo rubato non è stato di certo quello che è trascorso dall’uscita di Pianissimo fortissimo, tre anni fa, e il nuovo lavoro della band piemontese. In questo lasso di tempo si è sciolto un infruttuoso legame con il mondo major (episodio che la dice lunga sul fiato sempre più corto della grande discografia più che sul destino di band di culto che sembra perseguitare i nostri, ma rischiamo di andare fuori tema) e in cui si sono accumulati pensieri, riflessioni e il bisogno di raccontare e raccontarsi senza censure, stilistiche ed espressive in primo luogo. Riapprodati all’etichetta che aveva pubblicato In Circolo, i Perturbazione riversano in questi abbondanti settanta minuti un ventaglio di suggestioni, di territori più omeno distanti tra loro percorsi in una decina d’anni di carriera emersa, giocando coi generi ma anche con i cliché di una generazione di post-trentenni che secondo la vulgata comune passerebbe il tempo a lamentarsi e ad ereditare il vuoto che li ha preceduti. Tra i solchi di Del nostro tempo rubato troviamo brillanti giochi di parole al servizio di più che legittime esortazioni ad aprire gli occhi (Mao Zeitung), affettuosi omaggi al primo hardcore italiano (Vomito!), pre-war folk immaginato da Philip K. Dick (Io sono vivo voi siete morti), poetici trattati sociologici sull’adolescenza (Mondo Tempesta), amare riflessioni sul lavoro e sulle cicatrici del tempo (la title track, con quelle chitarre acustiche intrecciate e i fiati a sostenere il ritornello), ritratti senza sconto del Belpaese (L’Italia ritagliata, con un azzeccato alternarsi di arpeggi e distorsioni), la divertente La fuga dei cervelli. Ventiquattro piccole storie legate da una coerenza narrativa che si manifesta nei particolari (Le Istruzioni per l’uso in apertura, i Titoli di coda), storie che portano avanti, spesso partendo da un’intelaiatura acustica, quella sintesi di eredità rock (non solo) anglosassone e tradizione italiana – dagli XTC a Ivan Graziani passando per Deus e Notwist – che i Perturbazione sono riusciti a sintetizzare con particolare efficacia nell’ultimo decennio, affinandola a ogni disco.

tratto dal Mucchio n°671

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...