DEL NOSTRO TEMPO RUBATO
Santeria/Audioglobe

Tempo rubato non è stato di certo quello che è trascorso dall’uscita di Pianissimo fortissimo, tre anni fa, e il nuovo lavoro della band piemontese. In questo lasso di tempo si è sciolto un infruttuoso legame con il mondo major (episodio che la dice lunga sul fiato sempre più corto della grande discografia più che sul destino di band di culto che sembra perseguitare i nostri, ma rischiamo di andare fuori tema) e in cui si sono accumulati pensieri, riflessioni e il bisogno di raccontare e raccontarsi senza censure, stilistiche ed espressive in primo luogo. Riapprodati all’etichetta che aveva pubblicato In Circolo, i Perturbazione riversano in questi abbondanti settanta minuti un ventaglio di suggestioni, di territori più omeno distanti tra loro percorsi in una decina d’anni di carriera emersa, giocando coi generi ma anche con i cliché di una generazione di post-trentenni che secondo la vulgata comune passerebbe il tempo a lamentarsi e ad ereditare il vuoto che li ha preceduti. Tra i solchi di Del nostro tempo rubato troviamo brillanti giochi di parole al servizio di più che legittime esortazioni ad aprire gli occhi (Mao Zeitung), affettuosi omaggi al primo hardcore italiano (Vomito!), pre-war folk immaginato da Philip K. Dick (Io sono vivo voi siete morti), poetici trattati sociologici sull’adolescenza (Mondo Tempesta), amare riflessioni sul lavoro e sulle cicatrici del tempo (la title track, con quelle chitarre acustiche intrecciate e i fiati a sostenere il ritornello), ritratti senza sconto del Belpaese (L’Italia ritagliata, con un azzeccato alternarsi di arpeggi e distorsioni), la divertente La fuga dei cervelli. Ventiquattro piccole storie legate da una coerenza narrativa che si manifesta nei particolari (Le Istruzioni per l’uso in apertura, i Titoli di coda), storie che portano avanti, spesso partendo da un’intelaiatura acustica, quella sintesi di eredità rock (non solo) anglosassone e tradizione italiana – dagli XTC a Ivan Graziani passando per Deus e Notwist – che i Perturbazione sono riusciti a sintetizzare con particolare efficacia nell’ultimo decennio, affinandola a ogni disco.

tratto dal Mucchio n°671

Ultime recensioni Musica
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...
Ariel-LP-1000x1000
Ariel Pink

Dedicated to Bobby Jameson

7.5

È uno dei più grandi retromaniaci del nostro tempo, eppure un suo pezzo si riconosce alla prima...
SUCCI_ConGhiaccio_cover-hi
Giovanni Succi

Con ghiaccio

7.5

Sino a ora impegnato in riletture d’autore (tre anni fa l’omaggio fu al genio conterraneo Paolo Conte...
qotsa_villains_01
Queens Of The Stone Age

Villains

6

“Se non fai un ottimo primo album allora dovresti smettere, ma se lo fai e poi non...
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...
laurel-halo-dust
Laurel Halo

Dust

8

Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo...
a3406870115_10
King Gizzard And The Lizard Wizard

Murder Of The Universe

8

La fine del mondo come non lo avevamo conosciuto. È un’involuzione verso il Medioevo, culturale e mentale,...
chino-amobi-non-records-debut-album-paradiso
Chino Amobi

PARADISO

8.5

A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete...
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...