DEL NOSTRO TEMPO RUBATO
Santeria/Audioglobe

Tempo rubato non è stato di certo quello che è trascorso dall’uscita di Pianissimo fortissimo, tre anni fa, e il nuovo lavoro della band piemontese. In questo lasso di tempo si è sciolto un infruttuoso legame con il mondo major (episodio che la dice lunga sul fiato sempre più corto della grande discografia più che sul destino di band di culto che sembra perseguitare i nostri, ma rischiamo di andare fuori tema) e in cui si sono accumulati pensieri, riflessioni e il bisogno di raccontare e raccontarsi senza censure, stilistiche ed espressive in primo luogo. Riapprodati all’etichetta che aveva pubblicato In Circolo, i Perturbazione riversano in questi abbondanti settanta minuti un ventaglio di suggestioni, di territori più omeno distanti tra loro percorsi in una decina d’anni di carriera emersa, giocando coi generi ma anche con i cliché di una generazione di post-trentenni che secondo la vulgata comune passerebbe il tempo a lamentarsi e ad ereditare il vuoto che li ha preceduti. Tra i solchi di Del nostro tempo rubato troviamo brillanti giochi di parole al servizio di più che legittime esortazioni ad aprire gli occhi (Mao Zeitung), affettuosi omaggi al primo hardcore italiano (Vomito!), pre-war folk immaginato da Philip K. Dick (Io sono vivo voi siete morti), poetici trattati sociologici sull’adolescenza (Mondo Tempesta), amare riflessioni sul lavoro e sulle cicatrici del tempo (la title track, con quelle chitarre acustiche intrecciate e i fiati a sostenere il ritornello), ritratti senza sconto del Belpaese (L’Italia ritagliata, con un azzeccato alternarsi di arpeggi e distorsioni), la divertente La fuga dei cervelli. Ventiquattro piccole storie legate da una coerenza narrativa che si manifesta nei particolari (Le Istruzioni per l’uso in apertura, i Titoli di coda), storie che portano avanti, spesso partendo da un’intelaiatura acustica, quella sintesi di eredità rock (non solo) anglosassone e tradizione italiana – dagli XTC a Ivan Graziani passando per Deus e Notwist – che i Perturbazione sono riusciti a sintetizzare con particolare efficacia nell’ultimo decennio, affinandola a ogni disco.

tratto dal Mucchio n°671

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....