PIANISSIMO FORTISSIMO
Capitol/Emi

Basterebbe sapere che “Battiti per minuto” – piccola meraviglia di misura e intelligenza, il testo non meno che la musica, contenuta in questo nuovo lavoro del gruppo piemontese e imperniata su un formidabile fraseggio di violoncello – è stata scartata da Sanremo per capire quanto il reale patrimonio artistico di questo paese sia lontano dal sedicente festival della canzone. Non siamo qui per parlare di fenomeni trash, però, ma piuttosto dei brani più recenti di un gruppo che, d’accordo, è sempre stato coccolato dalla critica, ma non ha mai ottenuto il successo che avrebbe meritato. Si dice sempre così: potrebbe essere il disco della svolta. E tuttavia, in questo caso, ce lo auguriamo davvero, siamo sinceri. Non solo perché sono passati ad una major, ma anche perché questi dieci episodi non mostrano crepe né punti deboli, e raggiungono obbiettivi importanti con una rimarchevole economia di mezzi.
Lontano dalla vena un po’ cupa e claustrofobica di “Canzoni allo specchio”, “Pianissimo fortissimo” recupera la dimensione agrodolce – la post-adolescenza nella maturità di ciascuno di noi, conflitti annessi, e oltre – de “In circolo”, con le idee se possibile ancora più chiare sul modo in cui tracciare credibili legami tra gli Smiths e Sergio Endrigo, e un lavoro di sottrazione che funziona benissimo. Al di là degli ospiti sparsi qua e là, su tutti un bravissimo Davide Rossi responsabile del quartetto d’archi beatlesiano di “Casa mia”, e della puntuale co-produzione di Maurice Andiloro, è proprio l’alchimia di base a funzionare, ricca di dettagli – la coda bandistica di una “Giugno, dov’eri?” da pelle d’oca, un congedo voce e piano che vola alto assai – e sfumature che emergono con gli ascolti. Risultato? Canzoni pressoché perfette (se la vostra idea di pop coniuga ricchezza di trama e immediatezza di melodie e parole, evitando i luoghi comuni) come “Un anno in più”, “Nel mio scrigno”, “On/Off”, “Qualcuno si dimentica”, “Controfigurine”. Così limpidi e determinati non li avevamo mai sentiti: speriamo che il messaggio arrivi forte e chiaro a tutti.

(Recensione tratta dal Mucchio n.633 – Aprile 2007)

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...