PIANISSIMO FORTISSIMO
Capitol/Emi

Basterebbe sapere che “Battiti per minuto” – piccola meraviglia di misura e intelligenza, il testo non meno che la musica, contenuta in questo nuovo lavoro del gruppo piemontese e imperniata su un formidabile fraseggio di violoncello – è stata scartata da Sanremo per capire quanto il reale patrimonio artistico di questo paese sia lontano dal sedicente festival della canzone. Non siamo qui per parlare di fenomeni trash, però, ma piuttosto dei brani più recenti di un gruppo che, d’accordo, è sempre stato coccolato dalla critica, ma non ha mai ottenuto il successo che avrebbe meritato. Si dice sempre così: potrebbe essere il disco della svolta. E tuttavia, in questo caso, ce lo auguriamo davvero, siamo sinceri. Non solo perché sono passati ad una major, ma anche perché questi dieci episodi non mostrano crepe né punti deboli, e raggiungono obbiettivi importanti con una rimarchevole economia di mezzi.
Lontano dalla vena un po’ cupa e claustrofobica di “Canzoni allo specchio”, “Pianissimo fortissimo” recupera la dimensione agrodolce – la post-adolescenza nella maturità di ciascuno di noi, conflitti annessi, e oltre – de “In circolo”, con le idee se possibile ancora più chiare sul modo in cui tracciare credibili legami tra gli Smiths e Sergio Endrigo, e un lavoro di sottrazione che funziona benissimo. Al di là degli ospiti sparsi qua e là, su tutti un bravissimo Davide Rossi responsabile del quartetto d’archi beatlesiano di “Casa mia”, e della puntuale co-produzione di Maurice Andiloro, è proprio l’alchimia di base a funzionare, ricca di dettagli – la coda bandistica di una “Giugno, dov’eri?” da pelle d’oca, un congedo voce e piano che vola alto assai – e sfumature che emergono con gli ascolti. Risultato? Canzoni pressoché perfette (se la vostra idea di pop coniuga ricchezza di trama e immediatezza di melodie e parole, evitando i luoghi comuni) come “Un anno in più”, “Nel mio scrigno”, “On/Off”, “Qualcuno si dimentica”, “Controfigurine”. Così limpidi e determinati non li avevamo mai sentiti: speriamo che il messaggio arrivi forte e chiaro a tutti.

(Recensione tratta dal Mucchio n.633 – Aprile 2007)

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...