Grace/Wastelands
Parlophone/EMI

Ripensando ai Libertines e alle loro vicende post-scioglimento, appare chiaro quanto Peter Doherty e Carl Barât fossero complementari: genio uno, regolatezza – perdonateci il neologismo – l’altro. Perché se i dischi realizzati dal secondo alla guida dei Dirty Pretty Things erano dignitosi ma privi del benché minimo sussulto, quelli del primo con i Babyshambles erano nel complesso non esattamente solidi né del tutto a fuoco, ma potevano contare su lampi improvvisi e intuizioni degne di una personalità brillante. Ecco, prendiamo tutto questo, aggiungiamoci i fin troppo noti problemi di Doherty e l’attenzione esasperante dei media e sarà chiaro come fosse lecito immaginarne il debutto da solista come un fallimento dei più clamorosi. E invece no, perché “Grace/Wastelands” è un disco non solo sorprendentemente vario, ma anche di valore. Affiancato da due balie d’eccezione come il produttore Stephen Street e Graham Coxon, il musicista inglese ha potuto dare sfogo alla propria creatività sicuro di cadere in piedi, e così facendo ha regalato un pugno di canzoni di tutto rispetto. E se, in generale, le tonalità che prevalgono sono quelle acustiche (“Arcadie”, “New Love Grows On Trees”), i paesaggi orchestrali di “A Little Death Around The Eyes” e le progressioni di “Lady, Don’t Fall Backwards” fanno venire alla mente rispettivamente Scott Walker e Richard Hawley, mentre l’ironica “Sweet By And By” pare recuperata direttamente da un jazz club fumoso dei primi decenni del secolo scorso, e “Last Of The English Roses” sfoggia un terzomondismo post-moderno e una cura nei suoni degni del miglior Damon Albarn. Senza contare che melodie come quelle di “Salome” o della più cupa “Broken Love Songs” non si sentono proprio tutti i giorni. Non credevamo che lo avremmo mai scritto, ma con “Grace/Wastelands” Doherty finalmente sembra aver raggiunto – e con buoni risultati – una vera maturazione artistica; per quella umana, invece, temiamo non sia il caso di farsi troppe illusioni.

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...