Grace/Wastelands
Parlophone/EMI

Ripensando ai Libertines e alle loro vicende post-scioglimento, appare chiaro quanto Peter Doherty e Carl Barât fossero complementari: genio uno, regolatezza – perdonateci il neologismo – l’altro. Perché se i dischi realizzati dal secondo alla guida dei Dirty Pretty Things erano dignitosi ma privi del benché minimo sussulto, quelli del primo con i Babyshambles erano nel complesso non esattamente solidi né del tutto a fuoco, ma potevano contare su lampi improvvisi e intuizioni degne di una personalità brillante. Ecco, prendiamo tutto questo, aggiungiamoci i fin troppo noti problemi di Doherty e l’attenzione esasperante dei media e sarà chiaro come fosse lecito immaginarne il debutto da solista come un fallimento dei più clamorosi. E invece no, perché “Grace/Wastelands” è un disco non solo sorprendentemente vario, ma anche di valore. Affiancato da due balie d’eccezione come il produttore Stephen Street e Graham Coxon, il musicista inglese ha potuto dare sfogo alla propria creatività sicuro di cadere in piedi, e così facendo ha regalato un pugno di canzoni di tutto rispetto. E se, in generale, le tonalità che prevalgono sono quelle acustiche (“Arcadie”, “New Love Grows On Trees”), i paesaggi orchestrali di “A Little Death Around The Eyes” e le progressioni di “Lady, Don’t Fall Backwards” fanno venire alla mente rispettivamente Scott Walker e Richard Hawley, mentre l’ironica “Sweet By And By” pare recuperata direttamente da un jazz club fumoso dei primi decenni del secolo scorso, e “Last Of The English Roses” sfoggia un terzomondismo post-moderno e una cura nei suoni degni del miglior Damon Albarn. Senza contare che melodie come quelle di “Salome” o della più cupa “Broken Love Songs” non si sentono proprio tutti i giorni. Non credevamo che lo avremmo mai scritto, ma con “Grace/Wastelands” Doherty finalmente sembra aver raggiunto – e con buoni risultati – una vera maturazione artistica; per quella umana, invece, temiamo non sia il caso di farsi troppe illusioni.

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....