Grace/Wastelands
Parlophone/EMI

Ripensando ai Libertines e alle loro vicende post-scioglimento, appare chiaro quanto Peter Doherty e Carl Barât fossero complementari: genio uno, regolatezza – perdonateci il neologismo – l’altro. Perché se i dischi realizzati dal secondo alla guida dei Dirty Pretty Things erano dignitosi ma privi del benché minimo sussulto, quelli del primo con i Babyshambles erano nel complesso non esattamente solidi né del tutto a fuoco, ma potevano contare su lampi improvvisi e intuizioni degne di una personalità brillante. Ecco, prendiamo tutto questo, aggiungiamoci i fin troppo noti problemi di Doherty e l’attenzione esasperante dei media e sarà chiaro come fosse lecito immaginarne il debutto da solista come un fallimento dei più clamorosi. E invece no, perché “Grace/Wastelands” è un disco non solo sorprendentemente vario, ma anche di valore. Affiancato da due balie d’eccezione come il produttore Stephen Street e Graham Coxon, il musicista inglese ha potuto dare sfogo alla propria creatività sicuro di cadere in piedi, e così facendo ha regalato un pugno di canzoni di tutto rispetto. E se, in generale, le tonalità che prevalgono sono quelle acustiche (“Arcadie”, “New Love Grows On Trees”), i paesaggi orchestrali di “A Little Death Around The Eyes” e le progressioni di “Lady, Don’t Fall Backwards” fanno venire alla mente rispettivamente Scott Walker e Richard Hawley, mentre l’ironica “Sweet By And By” pare recuperata direttamente da un jazz club fumoso dei primi decenni del secolo scorso, e “Last Of The English Roses” sfoggia un terzomondismo post-moderno e una cura nei suoni degni del miglior Damon Albarn. Senza contare che melodie come quelle di “Salome” o della più cupa “Broken Love Songs” non si sentono proprio tutti i giorni. Non credevamo che lo avremmo mai scritto, ma con “Grace/Wastelands” Doherty finalmente sembra aver raggiunto – e con buoni risultati – una vera maturazione artistica; per quella umana, invece, temiamo non sia il caso di farsi troppe illusioni.

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...