l sudafricano Yannick Llunga definisce noirwave il suo personale crossover di elettronica, soul e sonorità new wave. Dal primo singolo Till We Ghosts del 2012 a oggi, passando per l’ep The King Of Anxiety, Llunga ha perfezionato la sua formula, guadagnandosi un piccolo spazio a cavallo tra il panorama indie e quello post-soul. Se ne sono accorti Mos Def e Solange, “Pitchfork” e “Afropunk”, strabiliati dall’uso di riferimenti incrociati e dall’interessante contrasto tra un sound sofisticato e una sperticata semplicità nelle liriche. Se c’è qualcosa di molto istintivo e naïf nei testi (“All we have in life will disappear”, cantava in Disappear) e, diciamolo pure, nel titolo di questo primo album, i dieci pezzi di La Vie Est Belle/Life Is Beautiful hanno tutta la maturità di un songwriter che, poco più che ventenne, ha trovato il suo stile. Metallaro prima, chillwaver a momento debito, Llunga non ha mai perso di vista l’obiettivo di integrare poliritmi e strumentazioni legate alle sue radici (Sudafrica, ma anche Congo e Angola) con una selezione di influenze provenienti dal metamorfico panorama alternativo angloamericano.

Nella musica di Petite Noir si percepisce la fascinazione per nicchie più definite: l’alt R&B di How To Dress Well di The Fall, dall’ep, per esempio, o la chillwave un po’ primo Twin Shadow della splendida ballata Inside, che qui chiude le danze. Più in generale, però, La Vie Est Belle echeggia l’indie rock vecchia maniera e quello sempre più infatuato dall’elettronica, con una disinvoltura che per una volta sarebbe un disservizio sdoganare come retro. Nonostante manchino capolavori di equilibrio come Chess (non a caso recuperata come bonus track), il disco si rivela coeso e focalizzato, con i dovuti picchi (la bloodorangeiana Colour, il sincretismo new wave/soul di Stay) e una vitalità contagiosa dal primo all’ultimo minuto. Petite Noir è un debuttante in stato di grazia, la dimostrazione che i risultati di questa onnivora generazione post-Internet iniziano a farsi sentire.

Commenti

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...