NOTES ON: DEATH
Montpatry Press/Audioglobe

Davanti al secondo album di Petra Jean Phillipson – capitolo
centrale di una trilogia inaugurata nel 2005 con “Notes On: Love”; in precedenza aveva militato nei Free Association di David Holmes – ammettiamo di esserci un po’ spaventati. Per il titolo funebre, naturalmente; ma anche perché nel retro di copertina si legge che le registrazioni si sono svolte “basandosi sull’elettricità della luna piena”, qualsiasi cosa significhi; e, a volerla dire tutta, perché si tratta di un doppio. Poi si mette su il primo dei due dischi, sottotitolato Noir (l’altro è invece “Blanc”) ed ecco un brano iniziale, “Underworld Tubeophany”, che è un crescendo per tuba, distorsioni e vocalizzi lungo quasi tredici minuti. E se a questo punto l’inquietudine aumenta, con essa la curiosità di vedere dove la musicista inglese andrà a parare nel resto del lavoro e le aspettative per il suo prosieguo, destinate per fortuna a venire abbondantemente soddisfatte.
Pronipote di una storica attivista per l’estensione del diritto di voto alle donne, la Phillipson dichiara di volere prendere le distanze dalla sessualizzazione esasperata delle artiste tipica dell’odierna industria discografica, e nella parte iniziale del programma questo desiderio assume la forma di una sequenza di canzoni spettrali e a tratti minacciose, basate sull’alternanza tra minimalismo acustico ed esplosioni di un’elettricità sferzante e scheletrica in qualche modo debitrice della lezione della PJ Harvey più ispida. Di contro, sul secondo disco le atmosfere si fanno più intimistiche e pastorali, la spina viene tenuta staccata e a prevalere sono la dolcezza e i toni alti della voce della protagonista (che invece nella metà precedente sembrava prediligere registri più scuri), anche se non è così difficile scorgere sottotraccia scorie di quella tensione che aveva caratterizzato l’altra sezione dell’opera. Un mesmerico gioco di rimandi fra luci e ombre che forma il ritratto di una personalità che si rivela tremendamente ricca di spessore e talento.

Tratto dal Mucchio n°693

 

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...