NOTES ON: DEATH
Montpatry Press/Audioglobe

Davanti al secondo album di Petra Jean Phillipson – capitolo
centrale di una trilogia inaugurata nel 2005 con “Notes On: Love”; in precedenza aveva militato nei Free Association di David Holmes – ammettiamo di esserci un po’ spaventati. Per il titolo funebre, naturalmente; ma anche perché nel retro di copertina si legge che le registrazioni si sono svolte “basandosi sull’elettricità della luna piena”, qualsiasi cosa significhi; e, a volerla dire tutta, perché si tratta di un doppio. Poi si mette su il primo dei due dischi, sottotitolato Noir (l’altro è invece “Blanc”) ed ecco un brano iniziale, “Underworld Tubeophany”, che è un crescendo per tuba, distorsioni e vocalizzi lungo quasi tredici minuti. E se a questo punto l’inquietudine aumenta, con essa la curiosità di vedere dove la musicista inglese andrà a parare nel resto del lavoro e le aspettative per il suo prosieguo, destinate per fortuna a venire abbondantemente soddisfatte.
Pronipote di una storica attivista per l’estensione del diritto di voto alle donne, la Phillipson dichiara di volere prendere le distanze dalla sessualizzazione esasperata delle artiste tipica dell’odierna industria discografica, e nella parte iniziale del programma questo desiderio assume la forma di una sequenza di canzoni spettrali e a tratti minacciose, basate sull’alternanza tra minimalismo acustico ed esplosioni di un’elettricità sferzante e scheletrica in qualche modo debitrice della lezione della PJ Harvey più ispida. Di contro, sul secondo disco le atmosfere si fanno più intimistiche e pastorali, la spina viene tenuta staccata e a prevalere sono la dolcezza e i toni alti della voce della protagonista (che invece nella metà precedente sembrava prediligere registri più scuri), anche se non è così difficile scorgere sottotraccia scorie di quella tensione che aveva caratterizzato l’altra sezione dell’opera. Un mesmerico gioco di rimandi fra luci e ombre che forma il ritratto di una personalità che si rivela tremendamente ricca di spessore e talento.

Tratto dal Mucchio n°693

 

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...