NOTES ON: DEATH
Montpatry Press/Audioglobe

Davanti al secondo album di Petra Jean Phillipson – capitolo
centrale di una trilogia inaugurata nel 2005 con “Notes On: Love”; in precedenza aveva militato nei Free Association di David Holmes – ammettiamo di esserci un po’ spaventati. Per il titolo funebre, naturalmente; ma anche perché nel retro di copertina si legge che le registrazioni si sono svolte “basandosi sull’elettricità della luna piena”, qualsiasi cosa significhi; e, a volerla dire tutta, perché si tratta di un doppio. Poi si mette su il primo dei due dischi, sottotitolato Noir (l’altro è invece “Blanc”) ed ecco un brano iniziale, “Underworld Tubeophany”, che è un crescendo per tuba, distorsioni e vocalizzi lungo quasi tredici minuti. E se a questo punto l’inquietudine aumenta, con essa la curiosità di vedere dove la musicista inglese andrà a parare nel resto del lavoro e le aspettative per il suo prosieguo, destinate per fortuna a venire abbondantemente soddisfatte.
Pronipote di una storica attivista per l’estensione del diritto di voto alle donne, la Phillipson dichiara di volere prendere le distanze dalla sessualizzazione esasperata delle artiste tipica dell’odierna industria discografica, e nella parte iniziale del programma questo desiderio assume la forma di una sequenza di canzoni spettrali e a tratti minacciose, basate sull’alternanza tra minimalismo acustico ed esplosioni di un’elettricità sferzante e scheletrica in qualche modo debitrice della lezione della PJ Harvey più ispida. Di contro, sul secondo disco le atmosfere si fanno più intimistiche e pastorali, la spina viene tenuta staccata e a prevalere sono la dolcezza e i toni alti della voce della protagonista (che invece nella metà precedente sembrava prediligere registri più scuri), anche se non è così difficile scorgere sottotraccia scorie di quella tensione che aveva caratterizzato l’altra sezione dell’opera. Un mesmerico gioco di rimandi fra luci e ombre che forma il ritratto di una personalità che si rivela tremendamente ricca di spessore e talento.

Tratto dal Mucchio n°693

 

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...