A WOMAN A MAN WALKED BY
Island/Universal

Figlio dell’ombra, anche questo nuovo disco firmato da Polly Jean Harvey: non un album in solitaria, questa volta, e neppure sottile come era stato lo scorso White Chalk. Nemmeno quaranta minuti di canzoni in cui ha partecipato attivamente un collaboratore storico della songwriter britannica, ex-bandmate ai tempi degli Automatic Dlamini: John Parish. Produttore e artista da sempre in bilico fra folk e rock sulfureo, spesso maieuta delle emozioni più pastorali della Harvey, qui condivide meriti e glorie di un disco elettrico e speso fra riverberi e di trame sonore che sovente sconfina nel sonico, puro e semplice, oppure (e a sorpresa) avvicina la sperimentazione ai confini con il dub (The Chair) o ancora si placa nella mezzatinta inquieta.
Si parte con l’ipnotica e cupa Black Hearted Love e si arriva con il recitativo funereo, letteralmente, di Cracks In The Canvas. In mezzo, il pulsare neofolk e avvolgente di Sixteen, Fifteen, Fourteen, la straniante Leaving California, April, meravigliosamente anti-pop, con un wurlitzer che pare uscito da un film anni Trenta. Il pezzo che dà il titolo all’album, mischiato con The Crow Knows Where All The Little Children Go, è fra le cose più irruenti del canzoniere harveyano, vicina alle inflessioni dell’amico Nick Cave, mentre il tono scabro di Soldier e quello perentorio, orgasmico e punk di Pig Will Not arrivano a confluire nella drammatica Passionless, Pointless. Testi della poetessa, musiche del musicista: i primi vanno da ogni parte, dall’eros e thanatos al senso di abbandono e di perdita, fino alla crudele fisicità degli esseri umani; i secondi assecondano le parole e aprono spiragli emotivi fuori da canoni stretti. Un disco spiazzante nei suoi esiti finali: nessuno scorcio metropolitano, come è stato in altri tempi, e nemmeno quella quiete cercata di recente. È tornata di scena l’ossessione degli esordi, forse ancora più forte. L’effetto finale si avvicina al magnifico.

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...