PEEPERS
Leaf/Goodfellas

Poco noti da queste parti, in Inghilterra i Polar Bear sono considerati stelle di prima grandezza della scena post-jazz. Anzi, in occasione dei BBC Jazz Award del 2004, che i Nostri – all’epoca esordienti – si sono aggiudicati come miglior gruppo, c’è chi si è spinto a definirli “la cosa più eccitante accaduta alla musica britannica di oggi”. I ragazzi sono finiti pure, l’anno successivo, a dimostrare l’ampiezza del bacino d’utenza potenziale, tra le nomination del Mercury Prize vinto da Antony. Arrivata con Peepers al quarto album e approdata su Leaf, la band guidata dal batterista Sebastian Rochford (completano la line up i sax di Pete Wareham e Mark Lockheart, il contrabbasso di Tom Herbert, la chitarra e l’elettronica di Leafcutter John), chiarisce a tutti quanto la precoce fama sia meritata, sfoderando un eclettismo e un rigore – meglio, una focalizzazione delle proprie ambizioni – che non si vedeva all’opera da quando il migliore post-rock degli anni No – vanta non faceva struggenti dichiarazioni d’amore al jazz più elettrico e inquieto di vent’anni prima. Se pure il quintetto ricorda per certi versi quella attitudine aperta, tiene nella manica un notevole asso: la disinvolta capacità di muoversi sul filo sottile che separa lo scompaginare e ricombinare le forme da una compostezza elegante e classica. L’ensemble risulta credibile in entrambi i settori, mettendo sul piatto svisate free, ostinati ritmici di lontana ascendenza krauta (la chitarra sferragliante e il perenne stato di allarme alimentato dal ritmo della batteria nella introduttiva Happy For You), incespicanti fratture con squarci lirici (Drunken Paraoh), ma anche l’elegia stringibudella di The Love Didn’t Go Anywhere, degna delle più rarefatte malinconie radioheadiane, disinvolti ballabili in levare (la title track) e dub da fanfara balcanica con lontani echi di Red Snapper (Hope Every Day Is A Happy New Year). Sguardo ampio, adattabilità estrema e un’impronta unica danno come risultato un ottimo disco.

tratto dal Mucchio n°668

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...