PEEPERS
Leaf/Goodfellas

Poco noti da queste parti, in Inghilterra i Polar Bear sono considerati stelle di prima grandezza della scena post-jazz. Anzi, in occasione dei BBC Jazz Award del 2004, che i Nostri – all’epoca esordienti – si sono aggiudicati come miglior gruppo, c’è chi si è spinto a definirli “la cosa più eccitante accaduta alla musica britannica di oggi”. I ragazzi sono finiti pure, l’anno successivo, a dimostrare l’ampiezza del bacino d’utenza potenziale, tra le nomination del Mercury Prize vinto da Antony. Arrivata con Peepers al quarto album e approdata su Leaf, la band guidata dal batterista Sebastian Rochford (completano la line up i sax di Pete Wareham e Mark Lockheart, il contrabbasso di Tom Herbert, la chitarra e l’elettronica di Leafcutter John), chiarisce a tutti quanto la precoce fama sia meritata, sfoderando un eclettismo e un rigore – meglio, una focalizzazione delle proprie ambizioni – che non si vedeva all’opera da quando il migliore post-rock degli anni No – vanta non faceva struggenti dichiarazioni d’amore al jazz più elettrico e inquieto di vent’anni prima. Se pure il quintetto ricorda per certi versi quella attitudine aperta, tiene nella manica un notevole asso: la disinvolta capacità di muoversi sul filo sottile che separa lo scompaginare e ricombinare le forme da una compostezza elegante e classica. L’ensemble risulta credibile in entrambi i settori, mettendo sul piatto svisate free, ostinati ritmici di lontana ascendenza krauta (la chitarra sferragliante e il perenne stato di allarme alimentato dal ritmo della batteria nella introduttiva Happy For You), incespicanti fratture con squarci lirici (Drunken Paraoh), ma anche l’elegia stringibudella di The Love Didn’t Go Anywhere, degna delle più rarefatte malinconie radioheadiane, disinvolti ballabili in levare (la title track) e dub da fanfara balcanica con lontani echi di Red Snapper (Hope Every Day Is A Happy New Year). Sguardo ampio, adattabilità estrema e un’impronta unica danno come risultato un ottimo disco.

tratto dal Mucchio n°668

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....