PEEPERS
Leaf/Goodfellas

Poco noti da queste parti, in Inghilterra i Polar Bear sono considerati stelle di prima grandezza della scena post-jazz. Anzi, in occasione dei BBC Jazz Award del 2004, che i Nostri – all’epoca esordienti – si sono aggiudicati come miglior gruppo, c’è chi si è spinto a definirli “la cosa più eccitante accaduta alla musica britannica di oggi”. I ragazzi sono finiti pure, l’anno successivo, a dimostrare l’ampiezza del bacino d’utenza potenziale, tra le nomination del Mercury Prize vinto da Antony. Arrivata con Peepers al quarto album e approdata su Leaf, la band guidata dal batterista Sebastian Rochford (completano la line up i sax di Pete Wareham e Mark Lockheart, il contrabbasso di Tom Herbert, la chitarra e l’elettronica di Leafcutter John), chiarisce a tutti quanto la precoce fama sia meritata, sfoderando un eclettismo e un rigore – meglio, una focalizzazione delle proprie ambizioni – che non si vedeva all’opera da quando il migliore post-rock degli anni No – vanta non faceva struggenti dichiarazioni d’amore al jazz più elettrico e inquieto di vent’anni prima. Se pure il quintetto ricorda per certi versi quella attitudine aperta, tiene nella manica un notevole asso: la disinvolta capacità di muoversi sul filo sottile che separa lo scompaginare e ricombinare le forme da una compostezza elegante e classica. L’ensemble risulta credibile in entrambi i settori, mettendo sul piatto svisate free, ostinati ritmici di lontana ascendenza krauta (la chitarra sferragliante e il perenne stato di allarme alimentato dal ritmo della batteria nella introduttiva Happy For You), incespicanti fratture con squarci lirici (Drunken Paraoh), ma anche l’elegia stringibudella di The Love Didn’t Go Anywhere, degna delle più rarefatte malinconie radioheadiane, disinvolti ballabili in levare (la title track) e dub da fanfara balcanica con lontani echi di Red Snapper (Hope Every Day Is A Happy New Year). Sguardo ampio, adattabilità estrema e un’impronta unica danno come risultato un ottimo disco.

tratto dal Mucchio n°668

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...