preocupations
Preoccupations

New Material

Jagjaguwar
8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a seguito di proteste da parte della comunità vietnamita presente negli States), quella canadese è una delle poche band sullo scenario rock attuale in grado di forgiare uno stile davvero identificativo e in qualche modo unico. Contestualizzando un attimo il discorso, viene naturale osservare come la scena rock nazionale sia letteralmente esplosa in questo ultimo quinquennio: dai “veterani” Besnard Lakes fino ai freschi Ought e Suuns, tutti portavoce di uno spleen enunciato con modalità e toni differenti. Per i Preoccupations, il tutto si risolve alla voce: tensione. Titoli secchi, con una sola parola a deputare una situazione o meglio ancora uno stato d’animo (solitamente angosciante), e poi quel post-punk sferzante e integralista che trova nella terza prova in studio nuovi abissi nei quali annegare.

New Material è, a braccetto con l’omonimo lavoro precedente, la prova più oscura del quartetto. Del resto, stando alle dichiarazioni del cantante Matt Flegel, l’album è “un’ode alla depressione, all’auto-sabotaggio e al guardare dentro di te con estremo odio”. Il che spiega anche la totale indifferenza del combo riguardo  l’eventualità di smussare gli angoli con compromessi stilistici e melodici, tutte cose di cui in questo “nuovo materiale” non si trova traccia alcuna. Mentre il minutaggio rinuncia in linea di massima a certe maratone del recente passato (accadeva nella monumentale Memory), la materia si fa e si disgrega in continuazione, mantenendo di base quel carattere sfuggente e indistinto che ne è la prerogativa.
Il trittico iniziale è da antologia: troviamo la propulsione motorik di una Espionage che si riverbera attraverso scenari post-industriali ed echi distopici, i lampi che illuminano la corsa a perdifiato e un tantino claustrofobica di Decompose e la new wave più pettinata di Disarray, che non avrebbe fatto brutta figura in qualche vecchio dispaccio firmato New Order e che rappresenta di gran lunga il capitolo più spendibile, a modo suo, di questa opera terza. Le percussioni ossessive, quasi allucinate di Antidote e l’uptempo post-punk di Solace sono le ultime sferzate prima di un epilogo che in Doubt e Compliance va a lambire le sponde di territori atmosferici e dotati di una certa solennità, anche se rimane sempre in sottofondo quell’inquietudine che ci si aspetta prima o poi di vedere deflagrare.

Seppure ancorata alle sonorità che da sempre la caratterizzano, la musica dei canadesi sembra accentuare ulteriormente la sua natura inafferrabile e tuttavia violenta, come d’altronde sa bene chi ha avuto modo di incontrare i canadesi in versione live. Non c’è redenzione, non c’è speranza in fondo a questo tunnel oscuro: c’è però tanta frustrazione da scrollarsi di dosso, se lo si desidera, e i Preoccupations rinnovano l’invito a buttarsi nella mischia senza pensare a nulla, a lasciarsi andare attraverso questo nuovo viaggio al termine della notte.

Pubblicato sul Mucchio Selvaggio n. 764

Commenti

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...