preocupations
Preoccupations

New Material

Jagjaguwar
8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a seguito di proteste da parte della comunità vietnamita presente negli States), quella canadese è una delle poche band sullo scenario rock attuale in grado di forgiare uno stile davvero identificativo e in qualche modo unico. Contestualizzando un attimo il discorso, viene naturale osservare come la scena rock nazionale sia letteralmente esplosa in questo ultimo quinquennio: dai “veterani” Besnard Lakes fino ai freschi Ought e Suuns, tutti portavoce di uno spleen enunciato con modalità e toni differenti. Per i Preoccupations, il tutto si risolve alla voce: tensione. Titoli secchi, con una sola parola a deputare una situazione o meglio ancora uno stato d’animo (solitamente angosciante), e poi quel post-punk sferzante e integralista che trova nella terza prova in studio nuovi abissi nei quali annegare.

New Material è, a braccetto con l’omonimo lavoro precedente, la prova più oscura del quartetto. Del resto, stando alle dichiarazioni del cantante Matt Flegel, l’album è “un’ode alla depressione, all’auto-sabotaggio e al guardare dentro di te con estremo odio”. Il che spiega anche la totale indifferenza del combo riguardo  l’eventualità di smussare gli angoli con compromessi stilistici e melodici, tutte cose di cui in questo “nuovo materiale” non si trova traccia alcuna. Mentre il minutaggio rinuncia in linea di massima a certe maratone del recente passato (accadeva nella monumentale Memory), la materia si fa e si disgrega in continuazione, mantenendo di base quel carattere sfuggente e indistinto che ne è la prerogativa.
Il trittico iniziale è da antologia: troviamo la propulsione motorik di una Espionage che si riverbera attraverso scenari post-industriali ed echi distopici, i lampi che illuminano la corsa a perdifiato e un tantino claustrofobica di Decompose e la new wave più pettinata di Disarray, che non avrebbe fatto brutta figura in qualche vecchio dispaccio firmato New Order e che rappresenta di gran lunga il capitolo più spendibile, a modo suo, di questa opera terza. Le percussioni ossessive, quasi allucinate di Antidote e l’uptempo post-punk di Solace sono le ultime sferzate prima di un epilogo che in Doubt e Compliance va a lambire le sponde di territori atmosferici e dotati di una certa solennità, anche se rimane sempre in sottofondo quell’inquietudine che ci si aspetta prima o poi di vedere deflagrare.

Seppure ancorata alle sonorità che da sempre la caratterizzano, la musica dei canadesi sembra accentuare ulteriormente la sua natura inafferrabile e tuttavia violenta, come d’altronde sa bene chi ha avuto modo di incontrare i canadesi in versione live. Non c’è redenzione, non c’è speranza in fondo a questo tunnel oscuro: c’è però tanta frustrazione da scrollarsi di dosso, se lo si desidera, e i Preoccupations rinnovano l’invito a buttarsi nella mischia senza pensare a nulla, a lasciarsi andare attraverso questo nuovo viaggio al termine della notte.

Pubblicato sul Mucchio Selvaggio n. 764

Commenti

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....