Primal-Scream-More-Light
Primal Scream

More Light

First International/Ignition
8.5

Aspettative alte, speranze effettive poche. Per band come i Primal Scream, con un “podio” discografico costituito da XTRMNTR, Screamadelica e Vanishing Point, i termini di paragone sono alti e temporalmente distanti, difficili da raggiungere e costantemente minacciati dall’inclinazione della band al fancazzismo stonesiano. More Light arriva dopo la svisata r’n’r di Riot City Blues, il dispensabile Beautiful Future, il godurioso tour di Screamadelica, l’addio di Mani ma soprattutto giunge con alcuni nomi tra i credits – David Holmes, Kevin Shields, Sun Ra Arkestra, Mark Stewart – fondamentali per intuirne il mood.
Accolto come “il loro miglior album dai tempi di XTRMNTR”, il decimo lavoro in studio dei Primals è una rinascita che ricorda quella di Vanishing Point nel 1997, dopo il tonfo di Give Out But Don’t Give Up: con i primi due album condivide la capacità di mettere da parte il vizietto di replicare se stessi e gli Stones, prerogativa della sola It’s Alright, It’s Ok, preferendovi una ricerca deviata e psichedelica. Se Screamadelica era una creatura plasmata da Weatherall, su More Light lo stesso ruolo è della mano cinematica di Holmes, che amalgama il tripudio di archi e fiati con funk acido, blues narcotico, sinfonie free, r’n’r e il cantato sensuale (e politicizzatissimo, come sempre) di Bobby Gillespie, canalizzandoli in un flusso continuo di sound and vision. Le allucinazioni orientali di River Of Pain, che sfociano nelle storture paradisiache della Sun Ra Arkestra, il duetto con Stewart, acido e kovalskiano, di Culturecide, l’onda lunga di Shoot Speed/Kill Light su Hit Void, il noir ’50s di Goodbye Johnny, gli squarci di luce caotica e orchestrale di Sideman, la danza voodoo notturna, con armonica e coro di Robert Plant, di Elimination Blues, la battaglia con schegge cosmo-kraute di Turn Each Other Inside Out non permettono un attimo di distrazione. More Light è un labirinto. O un album che ascolteremo sino a fine anno. E oltre.

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....