qotsa
Queens Of The Stone Age

…Like Clockwork

Matador/Self
8

“Non amo riflettere troppo: preferisco correre”: è quello che ha fatto Josh Homme mettendo assieme le storie e le musiche per …Like Clockwork. Altrove leggete ciò che pensa di un album, il sesto, in cui gli spazi trasognati e quelli più roventi vivono spesso fianco a fianco, nello stesso brano (accade in Kalopsia e nella magnetica e un poco indecifrabile The Vampyre Of Time And Memory) o nell’idea fissa che ha legato le canzoni fra di loro: quella dell’istantanea di una vita in movimento, stretta fra luci abbaglianti (My God Is The Sun, un singolo perentorio) e riflessi minacciosi (Smooth Sailing), slanci sui binari del blues (Keep Your Eyes Peeled) e cavalcate inevitabilmente frenetiche (If I Had A Tail).
Qui si può tentare di delimitare i contorni di un suono in cui il punto di fuga rimane la chitarra, ben appoggiata sui tocchi delle tastiere di Dean Fertita e attraversata da un’inquietudine perennemente sul punto di esplodere. Una progressione fatta di cori e controcori, di un numero consistente di ospiti eccellenti, da Elton John a Trent Reznor fino agli immancabili Lanegan e Grohl, che riescono a immergersi nel flusso musicale senza alterarlo; anzi, lo seguono, con una devozione particolare. Una devozione organica, per un progetto come i Queens Of The Stone Age, alla ricerca continua di complici con cui dividere la propria strada. Nati dalle ceneri del cosiddetto stoner, non hanno mai smesso di puntare sulla commistione: pop, psichedelia, metal, addirittura country-prog. Momenti come quelli trasognati di I Appear Missing o le due facce di I Sat By The Ocean li avvicinano, a volte, ai Motorpsycho di vent’anni fa, mentre altrove gli orizzonti cambiano del tutto, sono infettati dal sole della California, dall’abbacinante richiamo del deserto, da uno struggimento indefinibile, a parole, ma facilissimo da suonare. La teatrale chiusura di …Like Clockwork è un punto floydiano di non ritorno, su cui si arresta la corsa del disco e inizia il galoppo dei concerti dal vivo. Non finisce qui.

Pubblicato sul Mucchio 707, giugno 2013

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...