qotsa
Queens Of The Stone Age

…Like Clockwork

Matador/Self
8

“Non amo riflettere troppo: preferisco correre”: è quello che ha fatto Josh Homme mettendo assieme le storie e le musiche per …Like Clockwork. Altrove leggete ciò che pensa di un album, il sesto, in cui gli spazi trasognati e quelli più roventi vivono spesso fianco a fianco, nello stesso brano (accade in Kalopsia e nella magnetica e un poco indecifrabile The Vampyre Of Time And Memory) o nell’idea fissa che ha legato le canzoni fra di loro: quella dell’istantanea di una vita in movimento, stretta fra luci abbaglianti (My God Is The Sun, un singolo perentorio) e riflessi minacciosi (Smooth Sailing), slanci sui binari del blues (Keep Your Eyes Peeled) e cavalcate inevitabilmente frenetiche (If I Had A Tail).
Qui si può tentare di delimitare i contorni di un suono in cui il punto di fuga rimane la chitarra, ben appoggiata sui tocchi delle tastiere di Dean Fertita e attraversata da un’inquietudine perennemente sul punto di esplodere. Una progressione fatta di cori e controcori, di un numero consistente di ospiti eccellenti, da Elton John a Trent Reznor fino agli immancabili Lanegan e Grohl, che riescono a immergersi nel flusso musicale senza alterarlo; anzi, lo seguono, con una devozione particolare. Una devozione organica, per un progetto come i Queens Of The Stone Age, alla ricerca continua di complici con cui dividere la propria strada. Nati dalle ceneri del cosiddetto stoner, non hanno mai smesso di puntare sulla commistione: pop, psichedelia, metal, addirittura country-prog. Momenti come quelli trasognati di I Appear Missing o le due facce di I Sat By The Ocean li avvicinano, a volte, ai Motorpsycho di vent’anni fa, mentre altrove gli orizzonti cambiano del tutto, sono infettati dal sole della California, dall’abbacinante richiamo del deserto, da uno struggimento indefinibile, a parole, ma facilissimo da suonare. La teatrale chiusura di …Like Clockwork è un punto floydiano di non ritorno, su cui si arresta la corsa del disco e inizia il galoppo dei concerti dal vivo. Non finisce qui.

Pubblicato sul Mucchio 707, giugno 2013

Ultime recensioni Musica
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...