qotsa
Queens Of The Stone Age

…Like Clockwork

Matador/Self
8

“Non amo riflettere troppo: preferisco correre”: è quello che ha fatto Josh Homme mettendo assieme le storie e le musiche per …Like Clockwork. Altrove leggete ciò che pensa di un album, il sesto, in cui gli spazi trasognati e quelli più roventi vivono spesso fianco a fianco, nello stesso brano (accade in Kalopsia e nella magnetica e un poco indecifrabile The Vampyre Of Time And Memory) o nell’idea fissa che ha legato le canzoni fra di loro: quella dell’istantanea di una vita in movimento, stretta fra luci abbaglianti (My God Is The Sun, un singolo perentorio) e riflessi minacciosi (Smooth Sailing), slanci sui binari del blues (Keep Your Eyes Peeled) e cavalcate inevitabilmente frenetiche (If I Had A Tail).
Qui si può tentare di delimitare i contorni di un suono in cui il punto di fuga rimane la chitarra, ben appoggiata sui tocchi delle tastiere di Dean Fertita e attraversata da un’inquietudine perennemente sul punto di esplodere. Una progressione fatta di cori e controcori, di un numero consistente di ospiti eccellenti, da Elton John a Trent Reznor fino agli immancabili Lanegan e Grohl, che riescono a immergersi nel flusso musicale senza alterarlo; anzi, lo seguono, con una devozione particolare. Una devozione organica, per un progetto come i Queens Of The Stone Age, alla ricerca continua di complici con cui dividere la propria strada. Nati dalle ceneri del cosiddetto stoner, non hanno mai smesso di puntare sulla commistione: pop, psichedelia, metal, addirittura country-prog. Momenti come quelli trasognati di I Appear Missing o le due facce di I Sat By The Ocean li avvicinano, a volte, ai Motorpsycho di vent’anni fa, mentre altrove gli orizzonti cambiano del tutto, sono infettati dal sole della California, dall’abbacinante richiamo del deserto, da uno struggimento indefinibile, a parole, ma facilissimo da suonare. La teatrale chiusura di …Like Clockwork è un punto floydiano di non ritorno, su cui si arresta la corsa del disco e inizia il galoppo dei concerti dal vivo. Non finisce qui.

Pubblicato sul Mucchio 707, giugno 2013

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....