qotsa_villains_01
Queens Of The Stone Age

Villains

Matador/Self
6

“Se non fai un ottimo primo album allora dovresti smettere, ma se lo fai e poi non riesci a evolvere allora diventi la parodia di quel sound originale”. Così parlò Josh Homme. Ora, senza tornare a rivangare i suoi trascorsi con i Kyuss che, con buona pace dell’eterno nostalgico John Garcia, appartengono a un’età della pietra quasi letterale, dal primo (e davvero ottimo) album dei Queens Of The Stone Age sono passati più di vent’anni: un lasso di tempo sufficiente per chiedersi che cosa ancora possiamo attenderci da una band che il proprio sound pareva averlo già canonizzato a sufficienza.

Qualcosa di nuovo era accaduto nelle ultime due uscite, con …Like Clockwork del 2013 a smuovere le acque e ad avviare il cantante/chitarrista verso quello che si profilava come un (prevedibile, ma legittimo) avvenire da “David Bowie dello stoner rock” – un’impressione che l’album inciso l’anno scorso insieme a Iggy Pop non faceva che confermare. Dal fortunato tour che ne è seguito, i cinque del Rancho de la Luna quasi scappano per tornare a dare alle stampe un lavoro a proprio nome, come a voler battere il ferro finché è caldo: ne esce questo Villains, che se non riporta l’orologio alla paludatissima fase di cinque anni orsono poco ci manca.

Chiunque abbia suggerito a Homme che il segreto per non ridursi a parodia del sound originale sia infilare una serie di mid-tempo abbastanza veloci da non annoiare dev’essere stato convincente. L’effetto sortito però è quasi opposto. Niente suona più monotono di questa eterna rincorsa al “pezzo killer”, una nuova No One Knows o The Lost Art Of Keeping A Secret che alla fine, comunque, non arriva mai. Quanto al suono, appunto, basta menzionare la presenza di un Mark Ronson in regia, il cui ecumenico palma res va dai Coldplay ai Duran Duran, per capire di che prodotto stiamo parlando. Archiviate senza troppi ripensamenti alla voce “pop rock” buono per svezzare giovani potenziali fan dello stoner sulla cui esistenza, a questo punto, sarebbe pure lecito dubitare.

Pubblicato sul Mucchio 758

Commenti

Ultime recensioni Musica
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...