rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

Halcyon Veil
7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni. Il suo Communion del 2015, mescolando grime e noise, diventò un punto di riferimento nel circolo di artisti che include molti dei suoi medesimi collaboratori, tra cui Chino Amobi/NON, Elysia Crampton, Arca e Dedekind Cut. Piuttosto bizzarro che Burton abbia relegato la compilation di outtake Excommunicate a 50 copie su CDR e l’album Supreme, dello scorso anno, a sole 100. Viene il sospetto che oltre ad alcuni aspetti del loro sound, dai suoi amati Coil Rabit abbia ereditato il feticcio per rarità ed edizioni limitate.

Les Fleurs Du Mal arriva invece sulla sua etichetta Halcyon Veil e, suggerisce la cartella stampa, si tratta del suo disco più compiuto, una “dichiarazione d’intenti” che Rabit paragona a Demon City di Elysia Crampton e a PARADISO di Chino Amobi, due album a cui lui stesso ha collaborato. Ci sono forti somiglianze nell’apparato teorico, nei numerosi collegamenti intertestuali e nel generale senso di malaise filtrato dall’estetica rumorosa e combattiva delle loro composizioni. Ciò in cui si distacca maggiormente, tuttavia, è il suo lasciare per strada la connessione con la club music. Laddove Communion rivelava un debito con il grime che rendeva brani come Pandemic degli iconici, inusitati banger, i Fleurs Du Mal di Rabit puntano alla contemplazione e al metafisico, suggerendo ritmi e melodie solo per pochi attimi, o inabissando i momenti più immediati e “corporei” delle nuove tracce in una coltre di rumore o in fitte orchestrazioni cinematiche. Una scarica di beat o l’inizio di una flebile melodia alla chitarra, per esempio, compaiono e scompaiono prima di aver caratterizzato il mood di un brano (Roach, Prayer). Assimilare questi pezzi, pertanto, non è impresa facile. Fanno eccezione le malinconiche cascate synthetiche di Bleached World, gli irregolari rintocchi al violoncello di Possession e gli scampanellii in slow motion di The Whole Bag. La giovane musicista canadese Cecilia contribuisce in qualità di produttrice (assieme all’ex Coil Drew McDowall) e sussurrando i poemi di Baudelaire Le Possedé ed Élévation in apertura e chiusura di scaletta, creando un’atmosfera oppressiva molto vicina al suo EP di quest’anno, Charity Whore.

Con questi brani Rabit prosegue il percorso di rivisitazione dei Fleurs Du Mal nell’ambito dell’elettronica sperimentale, un filone avviato dai Flowers Of Evil del 1969 della pioniera Ruth White (di cui Elysia Crampton è grande fan, e sospetto lo stesso Rabit sia a conoscenza), passando per la prima Diamanda Galás (i graffi e le urla soffocate nel pezzo Rosy Cross qui la ricordano). Sono molte le voci, i vagiti, le urla o i mugugni ad attraversare i field recordings di questo disco, eppure Burton concepisce un ascolto alquanto statico, fatto di puntini di sospensione e fittissime texture, un’inquietante e affascinante caccia al dettaglio a metà strada tra la ripetitività dell’industrial e l’astrazione dell’ambient.

Pubblicato su Il Mucchio Selvaggio n. 760

Commenti

Ultime recensioni Musica
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8.5

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...