correz
Rachel Zeffira

The Deserters

PIAS/SELF
7

Soprano e polistrumentista, Rachel Zeffira si è fatta conoscere in ambito popular grazie al sodalizio con Faris Badwan degli Horrors, nel riuscito progetto Cat’s Eyes del 2011. Per il suo primo album da solista la musicista canadese di base a Londra fa tutto per conto proprio, dalla composizione alla produzione: ne ha certamente competenze e capacità. Sulla carta si vorrebbe centrare un punto d’incrocio fra barocchismi melodici e sperimentazione, fra John Cale, Bat For Lashes e My Bloody Valentine (ma aggiungeremmo anche Judee Sill, Mazzy Star, Isobel Campbell e Charlotte Gainsbourg, oppure Air, Ennio Morricone e Robert Kirby), mentre componenti dei Toy e la batterista Melissa Rigby degli S.C.U.M. contribuiscono qua e là. Salvo qualche caduta nell’autoindulgente stucchevolezza, il responso è senz’altro positivo. Inciso nei leggendari studi di Abbey Road, The Deserters fonde con sommo gusto e nessuna strizzata d’occhio background operistico, sontuose orchestrazioni Sixties, dream pop, incantesimi esotici, dark folk e tendenze shoegaze/motorik. Quando l’afflato lirico si libra in piena libertà, come nell’incantevole title track o nella più groovosa Break The Spell, l’emozione si manifesta in toto. Rachel è sempre lì, che preme spesso i tasti del pianoforte e dispiega la sua voce eterea. Sta a voi decidere se celestiale o spettrale.

Pubblicato sul Mucchio 702

Ultime recensioni Musica
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...