Other People’s Lives
V2/Edel

Anni fa il vostro affezionato cronista fu messo in allerta da un suo amico discografico: stava per uscire il primo vero disco solista di Ray Davies e forse sarebbe stato possibile intervistarlo. Il primo, sembrava impossibile per chi aveva firmato alcune delle canzoni migliori del pop inglese di ogni secolo: eppure le uniche sortite semisolitarie di Davies, fuori dai Kinks, riguardavano la colonna sonora del suo film “Return To Waterloo”, una serie di concerti acustici e il progetto “Storyteller”, oltre a “X-Ray” con svariati addentellati librari. Tutto naufragò in fretta: instabilità dell’artista, indecisioni della casa discografica, litigi con il fratellino Dave che minivano la (scarsa) serenità del personaggio, poca qualità – addirittura venne detto – delle canzoni. La crisi piena, probabilmente, di un songwriter sensibile e sottile, molto più sottile dell’immagine da avventurieri del gruppo in cui ha sempre operato, attento alle sfumature delle situazioni che descrive e di cui canta, british fino al midollo e nello stesso tempo distaccato dal luogo comune come pochi altri. Un carattere difficile da gestire e una serie di disavventure personali, nell’ultimo periodo, lo hanno tenuto abbastanza ai margini della scena musicale, fatte salve onorificenze e tributi.
Il tempo è andato oltre e oggi arriva veramente un disco solista per Ray: “Other’s People Lives” è esattamente quello che si sperava di ascoltare: una finestra aperta sulla quotidianità, spalancata con uno stile estremamente personale, beffardo, ironico e culturalmente tutt’altro che di passaggio, a cui i Kinks e lui ci hanno abituato. Il timore, nell’avvicinare le canzoni, era quello di trovare una specie di calco della ritrattistica del passato, portata avanti in maniera sbiadita, come qualche volta è capitato alla discografia minore della band inglese: invece i pezzi sono tasselli di un mosaico in cui l’osservazione delle vite degli altri viene condotta con maestria e senza grandi speranze, fino all’estremo, quasi. Sono esistenze sul ciglio di un burrone, minate da disagi mentali o da infedeltà senza motivi (“Next Doors Neighborhood”), complicate dalle decisioni altrui o da loro stesse, giudicate, tante volte, con un misto di adesione e di distanza.
È una specie di abbecedario della scrittura di Davies: a metà strada fra sorriso e pianto, capace di descrivere le contraddizioni di oggi – ben diverse dall’incanto di “Waterloo Sunset”, ma pure dal circo umano di “Something Else” – con un taglio personale, asciutto e privo di sconti. I momenti migliori sono quelli in cui la leggerezza e la poesia convivono, con un senso dolceamaro impagabile: canzoni come “All She Wrote” (già un classico, a parere del sottoscritto, con la voce tipicamente indolente del Nostro e un racconto pieno di struggimento e ironia) o “Creatures Of Little Faith” affrontano la dissoluzione delle cose umane con un taglio talmente poetico e nello stesso tempo distaccato che non si trova, anche oggi, da nessuna altra parte. Poche allusioni autobiografiche – in buona parte raccolte in “After The Fall” – e quasi tutte venate di pessimismo, mentre la musica rimane briosa: melodie rafforzate da un intrico di chitarra-basso-batteria, come il miglior pop sa fare, che, nuovamente, trovano in “All She Wrote” e “The Tourist” il punto più alto di tutto il dischetto. Merito di strumentisti affiatati e metronomici (Mark Johns alla chitarra, Dick Nolan al basso e Toby Baron alla batteria) e di un clima felicemente energico, che fa da giusto contrappeso a versi in cui tante volte ha il sopravvento il disagio: un disagio che Ray si è portato dietro tutta la vita e che è riuscito a sublimare proprio in virtù del suo spirito d’osservazione. Le vicende altrui di questo nuovo millennio, se vogliamo, sono ancora più plumbee di quelle del secolo chiuso da poco: chi le ha immortalate prende atto, in “Other People’s Lives”, della confusione disperata che oggi allontana ogni voglia di satira sociale, che poteva essere accennata qualche decennio fa. Si vive senza ridere, e le note di queste canzoni sono, ancora una volta, un segno dei tempi che non svicola dalla sua missione: raccontare storie con uno stile inimitabile, qualche chiaroscuro e una brillantezza opacizzata, qua e là, dal famigerato scorrere delle lancette dell’orologio.

Recensione tratta dal Mucchio n.619 (febbraio 2006)

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...