Other People’s Lives
V2/Edel

Anni fa il vostro affezionato cronista fu messo in allerta da un suo amico discografico: stava per uscire il primo vero disco solista di Ray Davies e forse sarebbe stato possibile intervistarlo. Il primo, sembrava impossibile per chi aveva firmato alcune delle canzoni migliori del pop inglese di ogni secolo: eppure le uniche sortite semisolitarie di Davies, fuori dai Kinks, riguardavano la colonna sonora del suo film “Return To Waterloo”, una serie di concerti acustici e il progetto “Storyteller”, oltre a “X-Ray” con svariati addentellati librari. Tutto naufragò in fretta: instabilità dell’artista, indecisioni della casa discografica, litigi con il fratellino Dave che minivano la (scarsa) serenità del personaggio, poca qualità – addirittura venne detto – delle canzoni. La crisi piena, probabilmente, di un songwriter sensibile e sottile, molto più sottile dell’immagine da avventurieri del gruppo in cui ha sempre operato, attento alle sfumature delle situazioni che descrive e di cui canta, british fino al midollo e nello stesso tempo distaccato dal luogo comune come pochi altri. Un carattere difficile da gestire e una serie di disavventure personali, nell’ultimo periodo, lo hanno tenuto abbastanza ai margini della scena musicale, fatte salve onorificenze e tributi.
Il tempo è andato oltre e oggi arriva veramente un disco solista per Ray: “Other’s People Lives” è esattamente quello che si sperava di ascoltare: una finestra aperta sulla quotidianità, spalancata con uno stile estremamente personale, beffardo, ironico e culturalmente tutt’altro che di passaggio, a cui i Kinks e lui ci hanno abituato. Il timore, nell’avvicinare le canzoni, era quello di trovare una specie di calco della ritrattistica del passato, portata avanti in maniera sbiadita, come qualche volta è capitato alla discografia minore della band inglese: invece i pezzi sono tasselli di un mosaico in cui l’osservazione delle vite degli altri viene condotta con maestria e senza grandi speranze, fino all’estremo, quasi. Sono esistenze sul ciglio di un burrone, minate da disagi mentali o da infedeltà senza motivi (“Next Doors Neighborhood”), complicate dalle decisioni altrui o da loro stesse, giudicate, tante volte, con un misto di adesione e di distanza.
È una specie di abbecedario della scrittura di Davies: a metà strada fra sorriso e pianto, capace di descrivere le contraddizioni di oggi – ben diverse dall’incanto di “Waterloo Sunset”, ma pure dal circo umano di “Something Else” – con un taglio personale, asciutto e privo di sconti. I momenti migliori sono quelli in cui la leggerezza e la poesia convivono, con un senso dolceamaro impagabile: canzoni come “All She Wrote” (già un classico, a parere del sottoscritto, con la voce tipicamente indolente del Nostro e un racconto pieno di struggimento e ironia) o “Creatures Of Little Faith” affrontano la dissoluzione delle cose umane con un taglio talmente poetico e nello stesso tempo distaccato che non si trova, anche oggi, da nessuna altra parte. Poche allusioni autobiografiche – in buona parte raccolte in “After The Fall” – e quasi tutte venate di pessimismo, mentre la musica rimane briosa: melodie rafforzate da un intrico di chitarra-basso-batteria, come il miglior pop sa fare, che, nuovamente, trovano in “All She Wrote” e “The Tourist” il punto più alto di tutto il dischetto. Merito di strumentisti affiatati e metronomici (Mark Johns alla chitarra, Dick Nolan al basso e Toby Baron alla batteria) e di un clima felicemente energico, che fa da giusto contrappeso a versi in cui tante volte ha il sopravvento il disagio: un disagio che Ray si è portato dietro tutta la vita e che è riuscito a sublimare proprio in virtù del suo spirito d’osservazione. Le vicende altrui di questo nuovo millennio, se vogliamo, sono ancora più plumbee di quelle del secolo chiuso da poco: chi le ha immortalate prende atto, in “Other People’s Lives”, della confusione disperata che oggi allontana ogni voglia di satira sociale, che poteva essere accennata qualche decennio fa. Si vive senza ridere, e le note di queste canzoni sono, ancora una volta, un segno dei tempi che non svicola dalla sua missione: raccontare storie con uno stile inimitabile, qualche chiaroscuro e una brillantezza opacizzata, qua e là, dal famigerato scorrere delle lancette dell’orologio.

Recensione tratta dal Mucchio n.619 (febbraio 2006)

Ultime recensioni Musica
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...