THE KINKS CHORAL COLLECTION
Decca/Universal

Curioso, inquieto, osservatore pungente, e magari un po’ reazionario (nel senso, letterale, di reazione alle follie dei nostri tempi), Ray Davies meriterebbe un monumento, delle stesse dimensioni di quelli riservati a Brian Wilson e ai Beatles tutti. Nessuno è riuscito a stigmatizzare così bene la Swinging London con canzoni come Village Green (e la sua propaggine ironica, Village Green Preservation Society), a cantarne le malinconie con Waterloo Sunset e ad esprimerne il furore primigenio con pezzi come You Really Got Me o All The Day And All Of The Night, per non dire poi della vena sarcastica dei brani della maturità (sempre piuttosto precoce), per esempio Celluloid Heroes.
Nell’attesa che qualcuno posi la prima pietra, lo stesso Davies affida tutti i titoli su citati (e diversi altri) alle cure vocali del Crouch End Festival Chorus, per un album che non è semplice rilettura di vecchi cavalli di battaglia ma un’antologia contemporanea e struggente, in cui le voci aggiunte non sono per nulla stucchevoli, ma rimangono, quando devono, sullo sfondo, e sottolineano le melodie più cristalline e le esplosioni più intense. Poco barocco, insomma, come una operazione del genere potrebbe far temere, e di contro molte emozioni: pescate a caso nel repertorio, che so, l’epica ribaltata di Shangri-La e rimarrete stupefatti della sua intensità, oppure il beat di Picture Book, che rimane meravigliosamente sussultoria, o ancora la grinta di Victoria. A differenza di altri incroci fra classica e rock, qui il primo ambito si accosta con rispetto al secondo, che rimane dominante, non solo nell’uso delle strumentazioni (che rimangono chitarra, basso, batterie, piano), ma pure nell’immediatezza dei risultati. A cappella (See My Friends) o arroventato (You Really Got Me), il coro fa una figura meravigliosa. E il nostro Ray dimostra, una volta di più, di essere uno dei migliori (per chi scrive, il migliore) storyteller degli anni Sessanta e, almeno, primi Settanta. Excelsior!

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...