THE KINKS CHORAL COLLECTION
Decca/Universal

Curioso, inquieto, osservatore pungente, e magari un po’ reazionario (nel senso, letterale, di reazione alle follie dei nostri tempi), Ray Davies meriterebbe un monumento, delle stesse dimensioni di quelli riservati a Brian Wilson e ai Beatles tutti. Nessuno è riuscito a stigmatizzare così bene la Swinging London con canzoni come Village Green (e la sua propaggine ironica, Village Green Preservation Society), a cantarne le malinconie con Waterloo Sunset e ad esprimerne il furore primigenio con pezzi come You Really Got Me o All The Day And All Of The Night, per non dire poi della vena sarcastica dei brani della maturità (sempre piuttosto precoce), per esempio Celluloid Heroes.
Nell’attesa che qualcuno posi la prima pietra, lo stesso Davies affida tutti i titoli su citati (e diversi altri) alle cure vocali del Crouch End Festival Chorus, per un album che non è semplice rilettura di vecchi cavalli di battaglia ma un’antologia contemporanea e struggente, in cui le voci aggiunte non sono per nulla stucchevoli, ma rimangono, quando devono, sullo sfondo, e sottolineano le melodie più cristalline e le esplosioni più intense. Poco barocco, insomma, come una operazione del genere potrebbe far temere, e di contro molte emozioni: pescate a caso nel repertorio, che so, l’epica ribaltata di Shangri-La e rimarrete stupefatti della sua intensità, oppure il beat di Picture Book, che rimane meravigliosamente sussultoria, o ancora la grinta di Victoria. A differenza di altri incroci fra classica e rock, qui il primo ambito si accosta con rispetto al secondo, che rimane dominante, non solo nell’uso delle strumentazioni (che rimangono chitarra, basso, batterie, piano), ma pure nell’immediatezza dei risultati. A cappella (See My Friends) o arroventato (You Really Got Me), il coro fa una figura meravigliosa. E il nostro Ray dimostra, una volta di più, di essere uno dei migliori (per chi scrive, il migliore) storyteller degli anni Sessanta e, almeno, primi Settanta. Excelsior!

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....