Provate a fare un giro tra le recensioni di questo disco. La parola che troverete più spesso è sesso. O il vocabolario dei giornalisti musicali diventa improvvisamente povero quando si trova alle prese con sonorità languide e falsetti assonnati, oppure i suddetti giornalisti vogliono svelare l’ipocrisia che si nasconde dietro un certo tipo di composizioni: forse lo scopo principale di questa musica è davvero quello di indurre all’accoppiamento. C’è modo e modo di farlo: The Weeknd ci riesce benissimo, e nel mentre ti insegna qualcosa. I Rhye ci riescono benino, e nel mentre ti consegnano alla frustrazione.

Giunti alla ribalta con il singolo Open, i Rhye affermano subito due verità: il revival della queen of cool Sade è ufficialmente arrivato, e soprattutto puoi cantare come Sade anche se sei un uomo. I Rhye non sono un duo maschio-femmina, come verrebbe spontaneo pensare, ma il produttore Robin Hannibal e il vocalist Mike Milosh oggi di stanza a LA. Eleganti, sobri e misurati, i Rhye scrivono canzoni sull’acqua. E hanno un problema con i preliminari: credono che questi possano durare per sempre. L’album ha i suoi momenti degni di nota, Hunger ha tutti i pregi della disco intelligente degli anni Settanta, Woman introduce una nota di panico e One More Summer, oltre a ricordare da vicino gli XX, ha quegli assoli di sassofono che fanno subito mezzanotte, ma è come se tutta questa tensione non si risolvesse in un gesto significativo. The Fall dice apertamente “make love to me one more time, ma è “one more time” che stride. Perché è così facile, con queste basi eteree e sospese, far finta che non sia successo niente. Bravissimi ad alimentare l’illusione e a tenere viva l’attenzione, i Rhye rinunciano a giocare sporco per non macchiarsi di sudore. All’ascoltatore non resta che immaginare cosa sarebbe potuta essere una Shed My Blood con qualche manovra in più. La regola implicita di ogni amplesso è che qualcuno a un certo punto dia l’assalto all’altro. Qui l’assalto non succede, e non resta che rimandare i Rhye al prossimo appuntamento: il corpo non va solo cantato, va pure toccato.

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....