Provate a fare un giro tra le recensioni di questo disco. La parola che troverete più spesso è sesso. O il vocabolario dei giornalisti musicali diventa improvvisamente povero quando si trova alle prese con sonorità languide e falsetti assonnati, oppure i suddetti giornalisti vogliono svelare l’ipocrisia che si nasconde dietro un certo tipo di composizioni: forse lo scopo principale di questa musica è davvero quello di indurre all’accoppiamento. C’è modo e modo di farlo: The Weeknd ci riesce benissimo, e nel mentre ti insegna qualcosa. I Rhye ci riescono benino, e nel mentre ti consegnano alla frustrazione.

Giunti alla ribalta con il singolo Open, i Rhye affermano subito due verità: il revival della queen of cool Sade è ufficialmente arrivato, e soprattutto puoi cantare come Sade anche se sei un uomo. I Rhye non sono un duo maschio-femmina, come verrebbe spontaneo pensare, ma il produttore Robin Hannibal e il vocalist Mike Milosh oggi di stanza a LA. Eleganti, sobri e misurati, i Rhye scrivono canzoni sull’acqua. E hanno un problema con i preliminari: credono che questi possano durare per sempre. L’album ha i suoi momenti degni di nota, Hunger ha tutti i pregi della disco intelligente degli anni Settanta, Woman introduce una nota di panico e One More Summer, oltre a ricordare da vicino gli XX, ha quegli assoli di sassofono che fanno subito mezzanotte, ma è come se tutta questa tensione non si risolvesse in un gesto significativo. The Fall dice apertamente “make love to me one more time, ma è “one more time” che stride. Perché è così facile, con queste basi eteree e sospese, far finta che non sia successo niente. Bravissimi ad alimentare l’illusione e a tenere viva l’attenzione, i Rhye rinunciano a giocare sporco per non macchiarsi di sudore. All’ascoltatore non resta che immaginare cosa sarebbe potuta essere una Shed My Blood con qualche manovra in più. La regola implicita di ogni amplesso è che qualcuno a un certo punto dia l’assalto all’altro. Qui l’assalto non succede, e non resta che rimandare i Rhye al prossimo appuntamento: il corpo non va solo cantato, va pure toccato.

Ultime recensioni Musica
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...