Keys To The World
Parlophone/Emi

Che, alla fine, Richard Ashcroft stia tornando con i piedi sulla terra? Probabile, se si vuole prestar fede ad un album onesto e senza troppi, inutili fronzoli come “Keys To The World”, per la realizzazione del quale ha impiegato la bellezza di quattro lunghi anni. A scanso di equivoci, le vette toccate con i Verve di “Hurban Hymns” sono purtroppo irraggiungibili; però – e per fortuna – anche l’aura mediocrità di “Alone With Everybody” e “Human Conditions” (le sue prove da solista, specie la seconda non proprio brillantissime) sono lontane da una serie di composizioni intense e dirette come sanno essere “Why Not Nothing?” (con un soave gusto per la bella melodia pop), “Break The Night With Colour” (i cui ritmi, leggermente a salire, sfociano in un paio di gorgheggi funky) e “Why Do Lovers?” (dotarsi di Kleenex prima dell’ascolto: rischio caduta lacrime a causa delle partiture orchestrali). Soul bianco e ballate nere (con la voce che, a volte, si trascina stanca ma avvolgente: “Words Just Get In The Way”, “Sweet Brother Malcolm”) sono le caratteristiche di un’opera che, nonostante qualche caduta (la title track è banale assai, “Cry Till The Morning” troppo smielata) piacerà a chi è in sintonia con uno dei padri(ni) del pop anglosassone, Paul Weller; uno che, senza troppa enfasi e pubblicità, continua a comporre musica pervasa, appunto, di soul e ballate, alcoliche e malinconiche, che lasciano il segno. Rispetto all’ex Jam, Ashcroft di strada ne deve fare ancora molta; se, però, Chris Martin, introducendolo alla platea del recente Live 8, lo ha definito testualmente “il miglior cantante del mondo”, brani come “Music Is Power” e “Simple Song” fanno ritenere che l’anima dei Coldplay non si sia completamente bevuta il cervello. Ciò nonostante, l’immagine per sempre indelebile che di Ashcroft resterà, non solo nel cuore di chi ha vissuto il periodo d’oro del britpop, è quella dello scontroso giovanotto immortalato nel video dell’insuperabile “Bitter Sweet Symphony”.

Recensione tratta dal Mucchio n.618

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...