STANDING AT THE SKY’S EDGE
Parlophone/Emi

La formula che ha portato al successo Richard Hawley è abbastanza cristallizzata: un pop orchestrale fatto di “torch songs” languide e senza tempo. Paradossale per un artista come lui, dalla personalità quantomai sfaccettata, a suo agio tanto come dj (memorabili i suoi set tutti garage e acid rock) quanto nei panni di ricercato sessionman e di collaboratore di “figuri” quali Jarvis Cocker, Elbow e Arctic Monkeys, senza dimenticare il suo passato nei britpoppers Longpigs. Ecco allora che, invece di sedersi sui meritati allori, l’oggi quarantacinquenne inglese si diverte a sparigliare le carte in tavola, realizzando con “Standing At The Sky’s Edge” un album più fisico, viscerale quasi, ma certo non meno fascinoso di quelli che l’hanno preceduto. Ma, soprattutto, un lavoro vario, capace di passare dalla psichedelia brit-cosmico-bollywoodiana di “She Brings The Sun” a una “Leave Your Body Behind You” che farebbe un figurone interpretata da Mark Lanegan, dalla ruvida “Down In The Woods” alla morbida raffinatezza della notturna “Seek It”, dall’eterea e vagamente sinistra “The Wood Colliers Grave” all’esplosione che apre in due la conclusiva “Because”. Senza rinnegare quanto fatto fino a ora, ma allargandone drasticamente gli orizzonti, magari sporcandosi un po’ le mani… ché un po’ di fango non può che giovare, umanizzandolo, a un talento tanto puro.

Tratto dal Mucchio n°694

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...