STANDING AT THE SKY’S EDGE
Parlophone/Emi

La formula che ha portato al successo Richard Hawley è abbastanza cristallizzata: un pop orchestrale fatto di “torch songs” languide e senza tempo. Paradossale per un artista come lui, dalla personalità quantomai sfaccettata, a suo agio tanto come dj (memorabili i suoi set tutti garage e acid rock) quanto nei panni di ricercato sessionman e di collaboratore di “figuri” quali Jarvis Cocker, Elbow e Arctic Monkeys, senza dimenticare il suo passato nei britpoppers Longpigs. Ecco allora che, invece di sedersi sui meritati allori, l’oggi quarantacinquenne inglese si diverte a sparigliare le carte in tavola, realizzando con “Standing At The Sky’s Edge” un album più fisico, viscerale quasi, ma certo non meno fascinoso di quelli che l’hanno preceduto. Ma, soprattutto, un lavoro vario, capace di passare dalla psichedelia brit-cosmico-bollywoodiana di “She Brings The Sun” a una “Leave Your Body Behind You” che farebbe un figurone interpretata da Mark Lanegan, dalla ruvida “Down In The Woods” alla morbida raffinatezza della notturna “Seek It”, dall’eterea e vagamente sinistra “The Wood Colliers Grave” all’esplosione che apre in due la conclusiva “Because”. Senza rinnegare quanto fatto fino a ora, ma allargandone drasticamente gli orizzonti, magari sporcandosi un po’ le mani… ché un po’ di fango non può che giovare, umanizzandolo, a un talento tanto puro.

Tratto dal Mucchio n°694

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...