STANDING AT THE SKY’S EDGE
Parlophone/Emi

La formula che ha portato al successo Richard Hawley è abbastanza cristallizzata: un pop orchestrale fatto di “torch songs” languide e senza tempo. Paradossale per un artista come lui, dalla personalità quantomai sfaccettata, a suo agio tanto come dj (memorabili i suoi set tutti garage e acid rock) quanto nei panni di ricercato sessionman e di collaboratore di “figuri” quali Jarvis Cocker, Elbow e Arctic Monkeys, senza dimenticare il suo passato nei britpoppers Longpigs. Ecco allora che, invece di sedersi sui meritati allori, l’oggi quarantacinquenne inglese si diverte a sparigliare le carte in tavola, realizzando con “Standing At The Sky’s Edge” un album più fisico, viscerale quasi, ma certo non meno fascinoso di quelli che l’hanno preceduto. Ma, soprattutto, un lavoro vario, capace di passare dalla psichedelia brit-cosmico-bollywoodiana di “She Brings The Sun” a una “Leave Your Body Behind You” che farebbe un figurone interpretata da Mark Lanegan, dalla ruvida “Down In The Woods” alla morbida raffinatezza della notturna “Seek It”, dall’eterea e vagamente sinistra “The Wood Colliers Grave” all’esplosione che apre in due la conclusiva “Because”. Senza rinnegare quanto fatto fino a ora, ma allargandone drasticamente gli orizzonti, magari sporcandosi un po’ le mani… ché un po’ di fango non può che giovare, umanizzandolo, a un talento tanto puro.

Tratto dal Mucchio n°694

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....