Olè! Tarantula

Yep Roc/Ird

Fa uno strano effetto ascoltare a pochi mesi dalla morte di Syd Barrett un nuovo disco di Robyn Hitchcock. Ora che il “diamante pazzo” ha smesso di brillare, infatti, gran parte del suo ingombrante lascito passa idealmente a quello che è da sempre considerato il suo più degno erede. Una considerazione inevitabile, purché lasci il tempo che trova. E non solo alla luce del fatto che “Olé! Tarantula” è stato composto e registrato prima della dipartita dell’ex Pink Floyd, ma soprattutto perché ascoltarlo in un’ottica esclusivamente nostalgica (o, peggio ancora, comparativa) sarebbe fargli un torto imperdonabile. Si tratta infatti di un lavoro solido, smagliante, che sprizza vitalità da tutti i pori anche quando le luci si affievoliscono e ritmi ed elettricità calano. In sintesi: l’album più rock che il Nostro abbia realizzato da parecchi anni a questa parte. Ne condivide con lui la paternità una band composta – sono parole sue – da “tre quarti dei Minus 5 e metà dei R.E.M.” (o per lo meno della loro versione live): Bill Rieflin alla batteria, Scott McCaughey al basso e, soprattutto, l’inconfondibile chitarra di Peter Buck, a rinverdire i fasti di un sodalizio che aveva già dato frutti pregiati tra la fine degli anni 80 e l’inizio dei 90. A completare la lista degli invitati, i vecchi compagni di viaggio Kimberly Rew e Morris Windsor, Chris Ballew (The Presidents Of The United States), Andy Partridge degli XTC (co-autore di ’Cause It’s Love) e l’ospite d’onore Ian McLagan (Small Faces), le cui tastiere si possono sentire nella toccante “N.Y. Doll” dedicata ad Arthur Kane. Un cast di tutto rispetto per una raccolta di canzoni croccanti, ricche di spunti melodici, chitarre squillanti e armonizzazioni vocali, con testi al solito felicemente surreali che parlano di insetti (da sempre una vera e propria fissazione), astronavi e musei del sesso. Insomma, tutto quanto è lecito aspettarsi da – e chiedere a – un disco del Robyn Hitchcock elettrico: deliziose caramelle psichedeliche che, dopo tanti anni, non hanno ancora smesso di piacerci.

Recensione tratta dal Mucchio 629

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...