Olè! Tarantula

Yep Roc/Ird

Fa uno strano effetto ascoltare a pochi mesi dalla morte di Syd Barrett un nuovo disco di Robyn Hitchcock. Ora che il “diamante pazzo” ha smesso di brillare, infatti, gran parte del suo ingombrante lascito passa idealmente a quello che è da sempre considerato il suo più degno erede. Una considerazione inevitabile, purché lasci il tempo che trova. E non solo alla luce del fatto che “Olé! Tarantula” è stato composto e registrato prima della dipartita dell’ex Pink Floyd, ma soprattutto perché ascoltarlo in un’ottica esclusivamente nostalgica (o, peggio ancora, comparativa) sarebbe fargli un torto imperdonabile. Si tratta infatti di un lavoro solido, smagliante, che sprizza vitalità da tutti i pori anche quando le luci si affievoliscono e ritmi ed elettricità calano. In sintesi: l’album più rock che il Nostro abbia realizzato da parecchi anni a questa parte. Ne condivide con lui la paternità una band composta – sono parole sue – da “tre quarti dei Minus 5 e metà dei R.E.M.” (o per lo meno della loro versione live): Bill Rieflin alla batteria, Scott McCaughey al basso e, soprattutto, l’inconfondibile chitarra di Peter Buck, a rinverdire i fasti di un sodalizio che aveva già dato frutti pregiati tra la fine degli anni 80 e l’inizio dei 90. A completare la lista degli invitati, i vecchi compagni di viaggio Kimberly Rew e Morris Windsor, Chris Ballew (The Presidents Of The United States), Andy Partridge degli XTC (co-autore di ’Cause It’s Love) e l’ospite d’onore Ian McLagan (Small Faces), le cui tastiere si possono sentire nella toccante “N.Y. Doll” dedicata ad Arthur Kane. Un cast di tutto rispetto per una raccolta di canzoni croccanti, ricche di spunti melodici, chitarre squillanti e armonizzazioni vocali, con testi al solito felicemente surreali che parlano di insetti (da sempre una vera e propria fissazione), astronavi e musei del sesso. Insomma, tutto quanto è lecito aspettarsi da – e chiedere a – un disco del Robyn Hitchcock elettrico: deliziose caramelle psichedeliche che, dopo tanti anni, non hanno ancora smesso di piacerci.

Recensione tratta dal Mucchio 629

Ultime recensioni Musica
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...