Olè! Tarantula

Yep Roc/Ird

Fa uno strano effetto ascoltare a pochi mesi dalla morte di Syd Barrett un nuovo disco di Robyn Hitchcock. Ora che il “diamante pazzo” ha smesso di brillare, infatti, gran parte del suo ingombrante lascito passa idealmente a quello che è da sempre considerato il suo più degno erede. Una considerazione inevitabile, purché lasci il tempo che trova. E non solo alla luce del fatto che “Olé! Tarantula” è stato composto e registrato prima della dipartita dell’ex Pink Floyd, ma soprattutto perché ascoltarlo in un’ottica esclusivamente nostalgica (o, peggio ancora, comparativa) sarebbe fargli un torto imperdonabile. Si tratta infatti di un lavoro solido, smagliante, che sprizza vitalità da tutti i pori anche quando le luci si affievoliscono e ritmi ed elettricità calano. In sintesi: l’album più rock che il Nostro abbia realizzato da parecchi anni a questa parte. Ne condivide con lui la paternità una band composta – sono parole sue – da “tre quarti dei Minus 5 e metà dei R.E.M.” (o per lo meno della loro versione live): Bill Rieflin alla batteria, Scott McCaughey al basso e, soprattutto, l’inconfondibile chitarra di Peter Buck, a rinverdire i fasti di un sodalizio che aveva già dato frutti pregiati tra la fine degli anni 80 e l’inizio dei 90. A completare la lista degli invitati, i vecchi compagni di viaggio Kimberly Rew e Morris Windsor, Chris Ballew (The Presidents Of The United States), Andy Partridge degli XTC (co-autore di ’Cause It’s Love) e l’ospite d’onore Ian McLagan (Small Faces), le cui tastiere si possono sentire nella toccante “N.Y. Doll” dedicata ad Arthur Kane. Un cast di tutto rispetto per una raccolta di canzoni croccanti, ricche di spunti melodici, chitarre squillanti e armonizzazioni vocali, con testi al solito felicemente surreali che parlano di insetti (da sempre una vera e propria fissazione), astronavi e musei del sesso. Insomma, tutto quanto è lecito aspettarsi da – e chiedere a – un disco del Robyn Hitchcock elettrico: deliziose caramelle psichedeliche che, dopo tanti anni, non hanno ancora smesso di piacerci.

Recensione tratta dal Mucchio 629

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....