Russian-Circles-Memorial
Russian Circle

Memorial

Sargent House
7.5

Nati dall’unione fra Mike Sullivan (Dakota/Dakota), Dave Turncrantz (Riddle Of Steel) e Brian Cook (Botch, These Arms Are Snakes), i Russian Circles macinano una musica strumentale che è interessante fusione tra dilatazioni post-rock e staffilate metal.
Attualmente in tour europeo insieme a Chelsea Wolfe, con la quale condividono l’etichetta, ma già sui palchi calcati da soulmate come Tool, Isis, Boris, Pelican e Deafheaven, il trio di Chicago – diviso classicamente fra chitarra, basso e batteria, senza disdegnare l’impiego specie dal vivo di effetti e sample – vanta un’ottima padronanza delle dinamiche ed erige rocciosi muri di suono, dai quali non teme di lanciarsi in picchiata. È proprio in questa alternanza di scalate con unghie e denti e discese a rotta di collo che risiede il fascino del loro quinto album Memorial, prodotto dall’ormai fido Brandon Curtis, membro dei Secret Machines e collaboratore degli Interpol. Un’alternanza più accentuata che in passato, per rendere i momenti aggressivi quasi terrorizzanti e i momenti morbidi quasi onirici, sempre all’insegna di una cupezza apocalittica e glaciale.

Non è solo riuscito negli esiti sonori, Memorial, ma persino nella struttura ispirata ad Animals dei Pink Floyd: se là Pigs On The Wing fungeva da intro e outro, qua Memoriam e la title track – con la voce della stessa Wolfe a chiudere il rituale – permettono all’ascoltatore di arrivare a destinazione ritrovandosi nel punto di partenza. Nel mezzo, si subiscono gli imperiosi affondi elettrici e i riff martellanti di Deficit, si superano i sette minuti in stile Mogwai di 1777 e si chiudono gli occhi con i paesaggi dell’anima della sciamanica Cheyenne, per poi seppellire ogni gentilezza con una Burial alla Ride The Lightning, rituffarsi per contrappasso nel trasporto emotivo di Ethel e dare l’ultima accelerata con Lebaron. Un disco da scoprire dall’inizio alla fine e che, nel giocare a riferirsi al potere della memoria, finisce per essere l’articolo da ricordare per primo quando si parla dei suoi titolari.

Pubblicato sul Mucchio 712

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...