Russian-Circles-Memorial
Russian Circle

Memorial

Sargent House
7.5

Nati dall’unione fra Mike Sullivan (Dakota/Dakota), Dave Turncrantz (Riddle Of Steel) e Brian Cook (Botch, These Arms Are Snakes), i Russian Circles macinano una musica strumentale che è interessante fusione tra dilatazioni post-rock e staffilate metal.
Attualmente in tour europeo insieme a Chelsea Wolfe, con la quale condividono l’etichetta, ma già sui palchi calcati da soulmate come Tool, Isis, Boris, Pelican e Deafheaven, il trio di Chicago – diviso classicamente fra chitarra, basso e batteria, senza disdegnare l’impiego specie dal vivo di effetti e sample – vanta un’ottima padronanza delle dinamiche ed erige rocciosi muri di suono, dai quali non teme di lanciarsi in picchiata. È proprio in questa alternanza di scalate con unghie e denti e discese a rotta di collo che risiede il fascino del loro quinto album Memorial, prodotto dall’ormai fido Brandon Curtis, membro dei Secret Machines e collaboratore degli Interpol. Un’alternanza più accentuata che in passato, per rendere i momenti aggressivi quasi terrorizzanti e i momenti morbidi quasi onirici, sempre all’insegna di una cupezza apocalittica e glaciale.

Non è solo riuscito negli esiti sonori, Memorial, ma persino nella struttura ispirata ad Animals dei Pink Floyd: se là Pigs On The Wing fungeva da intro e outro, qua Memoriam e la title track – con la voce della stessa Wolfe a chiudere il rituale – permettono all’ascoltatore di arrivare a destinazione ritrovandosi nel punto di partenza. Nel mezzo, si subiscono gli imperiosi affondi elettrici e i riff martellanti di Deficit, si superano i sette minuti in stile Mogwai di 1777 e si chiudono gli occhi con i paesaggi dell’anima della sciamanica Cheyenne, per poi seppellire ogni gentilezza con una Burial alla Ride The Lightning, rituffarsi per contrappasso nel trasporto emotivo di Ethel e dare l’ultima accelerata con Lebaron. Un disco da scoprire dall’inizio alla fine e che, nel giocare a riferirsi al potere della memoria, finisce per essere l’articolo da ricordare per primo quando si parla dei suoi titolari.

Pubblicato sul Mucchio 712

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...