tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

Sargent House/Goddfellas
9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e un dopo. Per Russian Circles, trio americano con alle spalle cinque album di matrice post-rock tutti su livelli decisamente superiori alla media dei competitors, quell’attimo, l’istante da prendere al volo, è Guidance. Oltre alle consuete alternanze tra feroce noise e lunghi silenzi (Overboard, Calla), movimenti in salire e tremebonde geometrie (Lisboa), quiete e viscere, acqua e inferi, è la contaminazione che marchia sette brani che consacrano non un gruppo, piuttosto l’idea che esso propone di musica.
Vorel è significativa: il lungo incipit è quasi camerale, con le armonie che crescono lente, compassate, per poi far sbocciare un muro circolare la cui matrice rimanda con una certa evidenza alla magia dei primi album degli Explosions In The Sky; è quando ti attendi che la composizione imploda su se stessa, ormai priva di quell’epica che invece ne ha contraddistinto la struttura, che arriva una folle accelerazione, addirittura metal. Mota, nonostante la coda di rumore bianco, è pura Poesia, con la maiuscola, e conferma l’impressionante maturità raggiunta da una formazione che, oggi, sulla scena ha pochi eguali: Guidance, per Russian Circles, è ciò che Come On Die Young è stato per Mogwai oppure f#a#∞ per Godspeed You! Black Emperor – un’epifania: pur senza apparire laccato (al contrario, non lo è affatto), non c’è una nota fuori posto, la produzione di Kurt Ballou è semplicemente perfetta nello smussare angoli e dare linearità a partiture che incedono con la più assoluta naturalezza a creare pathos e dramma. Afrika, chirurgica nel suo incedere, esplora continenti e anime con la vivacità di un flusso di energia: tutto muove dalle percussioni e alle percussioni ritorna mentre nell’avventuroso viaggio, minuto per minuto, si trova anche il tempo di rendere omaggio all’indie di Husker-Du e Minutemen. Siete avvertiti: l’eccellenza, con Russian Circles, è solo strumentale.

Commenti

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...