I, FLATHEAD
Nonesuch/Warner

Storie di viaggio, in cui l’America più nascosta si racconta e suona, rinverdendo le proprie radici. A pensarci bene, l’itinerario artistico di Ry Cooder procede da sempre lungo questa linea itinerante. Era un viaggio quello descritto da “Paris, Texas” di Wim Wenders, a cui la musica dell’artista-ricercatore californiano forniva una sponda meravigliosa, e così sono stati i suoi primi passi: dopo l’esordio, “Into The Purple Valley” (1972) inaugurava una strada, polverosa e brillante, che dura tuttora, con fermate significative quali “Bop Till You Drop” (1979), “Get Rhythm” (1987), il recente “Chavez Ravine” (2005), con “My Name Is Buddy”, dello scorso anno, primo e secondo episodio di una trilogia evocativa sulla California di confine e a scomparsa che si dovrebbe chiudere con “I, Flathead”. È il progetto più dichiaratamente letterario di Cooder, che accompagna le canzoni con un racconto di un centinaio di pagine e sostituisce al rimpianto e alla nostalgia dei capitoli precedenti un tono maggiormente strambo e variegato. Vi si narrano le vicende e gli incontri del fantomatico cantastorie Kash Buk, a tutti gli effetti alter ego cooderiano.

Inevitabile, così, che in un contesto del genere abbiano avuto la meglio il ritmo e un po’ di rock’n’roll. I pezzi, ancora di più quando omaggiano direttamente Johnny Cash (uno, omonimo, cita direttamente “Hey Porter” e “Folsom Prison Blues”), sono briosi e serviti su un piatto in cui le chitarre e le voci (sporche entrambe) si accavallano felicemente. Non ha grande senso privilegiare un brano sull’altro, ma i sapori jazz di “Spayed Kooley”, quelli quasi stonesiani di “Ridin’ With The Blues” e la stralunata e sinuosa “My Dwarf Is Getting Tired”, uno dei momenti più confidenziali del disco, trasmettono bene gli accenti del tutto. Un tutto a cui partecipa, come di consueto, un fior fiore di musicisti: fra gli altri, Jim Keltner (batteria), Flaco Jimenez (fisarmonica), Jon Hassel (tromba). Uniti sulle vie di un folk-blues-rock illuminato, che non si prende la quarta stella solo per pochi, opinabilissimi dettagli. Chapeau.

Ultime recensioni Musica
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8.5

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...