I, FLATHEAD
Nonesuch/Warner

Storie di viaggio, in cui l’America più nascosta si racconta e suona, rinverdendo le proprie radici. A pensarci bene, l’itinerario artistico di Ry Cooder procede da sempre lungo questa linea itinerante. Era un viaggio quello descritto da “Paris, Texas” di Wim Wenders, a cui la musica dell’artista-ricercatore californiano forniva una sponda meravigliosa, e così sono stati i suoi primi passi: dopo l’esordio, “Into The Purple Valley” (1972) inaugurava una strada, polverosa e brillante, che dura tuttora, con fermate significative quali “Bop Till You Drop” (1979), “Get Rhythm” (1987), il recente “Chavez Ravine” (2005), con “My Name Is Buddy”, dello scorso anno, primo e secondo episodio di una trilogia evocativa sulla California di confine e a scomparsa che si dovrebbe chiudere con “I, Flathead”. È il progetto più dichiaratamente letterario di Cooder, che accompagna le canzoni con un racconto di un centinaio di pagine e sostituisce al rimpianto e alla nostalgia dei capitoli precedenti un tono maggiormente strambo e variegato. Vi si narrano le vicende e gli incontri del fantomatico cantastorie Kash Buk, a tutti gli effetti alter ego cooderiano.

Inevitabile, così, che in un contesto del genere abbiano avuto la meglio il ritmo e un po’ di rock’n’roll. I pezzi, ancora di più quando omaggiano direttamente Johnny Cash (uno, omonimo, cita direttamente “Hey Porter” e “Folsom Prison Blues”), sono briosi e serviti su un piatto in cui le chitarre e le voci (sporche entrambe) si accavallano felicemente. Non ha grande senso privilegiare un brano sull’altro, ma i sapori jazz di “Spayed Kooley”, quelli quasi stonesiani di “Ridin’ With The Blues” e la stralunata e sinuosa “My Dwarf Is Getting Tired”, uno dei momenti più confidenziali del disco, trasmettono bene gli accenti del tutto. Un tutto a cui partecipa, come di consueto, un fior fiore di musicisti: fra gli altri, Jim Keltner (batteria), Flaco Jimenez (fisarmonica), Jon Hassel (tromba). Uniti sulle vie di un folk-blues-rock illuminato, che non si prende la quarta stella solo per pochi, opinabilissimi dettagli. Chapeau.

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...