I, FLATHEAD
Nonesuch/Warner

Storie di viaggio, in cui l’America più nascosta si racconta e suona, rinverdendo le proprie radici. A pensarci bene, l’itinerario artistico di Ry Cooder procede da sempre lungo questa linea itinerante. Era un viaggio quello descritto da “Paris, Texas” di Wim Wenders, a cui la musica dell’artista-ricercatore californiano forniva una sponda meravigliosa, e così sono stati i suoi primi passi: dopo l’esordio, “Into The Purple Valley” (1972) inaugurava una strada, polverosa e brillante, che dura tuttora, con fermate significative quali “Bop Till You Drop” (1979), “Get Rhythm” (1987), il recente “Chavez Ravine” (2005), con “My Name Is Buddy”, dello scorso anno, primo e secondo episodio di una trilogia evocativa sulla California di confine e a scomparsa che si dovrebbe chiudere con “I, Flathead”. È il progetto più dichiaratamente letterario di Cooder, che accompagna le canzoni con un racconto di un centinaio di pagine e sostituisce al rimpianto e alla nostalgia dei capitoli precedenti un tono maggiormente strambo e variegato. Vi si narrano le vicende e gli incontri del fantomatico cantastorie Kash Buk, a tutti gli effetti alter ego cooderiano.

Inevitabile, così, che in un contesto del genere abbiano avuto la meglio il ritmo e un po’ di rock’n’roll. I pezzi, ancora di più quando omaggiano direttamente Johnny Cash (uno, omonimo, cita direttamente “Hey Porter” e “Folsom Prison Blues”), sono briosi e serviti su un piatto in cui le chitarre e le voci (sporche entrambe) si accavallano felicemente. Non ha grande senso privilegiare un brano sull’altro, ma i sapori jazz di “Spayed Kooley”, quelli quasi stonesiani di “Ridin’ With The Blues” e la stralunata e sinuosa “My Dwarf Is Getting Tired”, uno dei momenti più confidenziali del disco, trasmettono bene gli accenti del tutto. Un tutto a cui partecipa, come di consueto, un fior fiore di musicisti: fra gli altri, Jim Keltner (batteria), Flaco Jimenez (fisarmonica), Jon Hassel (tromba). Uniti sulle vie di un folk-blues-rock illuminato, che non si prende la quarta stella solo per pochi, opinabilissimi dettagli. Chapeau.

Ultime recensioni Musica
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...
Ariel-LP-1000x1000
Ariel Pink

Dedicated to Bobby Jameson

7.5

È uno dei più grandi retromaniaci del nostro tempo, eppure un suo pezzo si riconosce alla prima...
SUCCI_ConGhiaccio_cover-hi
Giovanni Succi

Con ghiaccio

7.5

Sino a ora impegnato in riletture d’autore (tre anni fa l’omaggio fu al genio conterraneo Paolo Conte...
qotsa_villains_01
Queens Of The Stone Age

Villains

6

“Se non fai un ottimo primo album allora dovresti smettere, ma se lo fai e poi non...
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...
laurel-halo-dust
Laurel Halo

Dust

8

Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo...
a3406870115_10
King Gizzard And The Lizard Wizard

Murder Of The Universe

8

La fine del mondo come non lo avevamo conosciuto. È un’involuzione verso il Medioevo, culturale e mentale,...
chino-amobi-non-records-debut-album-paradiso
Chino Amobi

PARADISO

8.5

A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete...
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...