Migration
Labrador/Goodfellas

Ancor più che le mezzetinte, con i Sambassadeur la questione riguarda soprattutto le mezze stagioni, con buona pace di chi sostiene che non esistano più. Il loro debutto omonimo, infatti, era in tutto e per tutto autunnale: nelle sonorità – Velvet Underground, shoegazing, new-wave e chanson francese riletti in chiave indie-pop – così come nella copertina, raffigurante il disegno di una foglia secca. Eppure quell’album non era uscito in autunno, bensì (almeno in patria) in primavera. Di contro, pur vedendo la luce in novembre, la nuova fatica del quartetto svedese è un’opera assai più primaverile. Lo si percepisce fin l’iniziale “The Park”: ritmata, sostenuta da un vivace intrecciarsi di chitarre acustiche ed archi, ariosa nella melodia anche se non esattamente gioiosa nel testo. E ancora di più fa la successiva “Subtle Changes”, con un’orchestrazione quasi disco ad accentuarne l’andatura spedita e un assolo di sassofono splendidamente fuori posto. Un uno-due che mette in chiaro un paio di cose, e cioè la rinuncia alle distorsioni e una predisposizione per atmosfere nettamente più calde, pur non voltando del tutto le spalle a una malinconia che ora semplicemente si esprime in maniera diversa e solo a tratti emerge pienamente (“Someday We’re Through”, in cui il microfono passa da Anna Persson a Daniel Permbo, una title track dal retrogusto gainsbourghiano e la cover di “Fallin’ In Love” di Dennis Wilson). Se dunque fino a ieri – anzi l’altroieri, ché già l’ep “Coastal Affairs” (2006) anticipava questo cambio di direzione – i paesaggi descritti dai Sambassadeur erano ammantati da una palpabile e seducente nebbiolina, ora questa sembra essere stata allontanata da un caldo venticello estivo; quello che attraversa “That Town” e “Something To Keep”, si trasforma in afa in “Final Say” (piacevolissima, ma con un groove rétro-sintetico che nel contesto dell’album stride un poco) per poi mutarsi in tiepida brezza serale nella strumentale “Calvi”, che chiude su una nota di sereno intimismo un disco piccolo ma prezioso.

(Recensione tratta dal Mucchio n.641 – dicembre 2007)

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...