Migration
Labrador/Goodfellas

Ancor più che le mezzetinte, con i Sambassadeur la questione riguarda soprattutto le mezze stagioni, con buona pace di chi sostiene che non esistano più. Il loro debutto omonimo, infatti, era in tutto e per tutto autunnale: nelle sonorità – Velvet Underground, shoegazing, new-wave e chanson francese riletti in chiave indie-pop – così come nella copertina, raffigurante il disegno di una foglia secca. Eppure quell’album non era uscito in autunno, bensì (almeno in patria) in primavera. Di contro, pur vedendo la luce in novembre, la nuova fatica del quartetto svedese è un’opera assai più primaverile. Lo si percepisce fin l’iniziale “The Park”: ritmata, sostenuta da un vivace intrecciarsi di chitarre acustiche ed archi, ariosa nella melodia anche se non esattamente gioiosa nel testo. E ancora di più fa la successiva “Subtle Changes”, con un’orchestrazione quasi disco ad accentuarne l’andatura spedita e un assolo di sassofono splendidamente fuori posto. Un uno-due che mette in chiaro un paio di cose, e cioè la rinuncia alle distorsioni e una predisposizione per atmosfere nettamente più calde, pur non voltando del tutto le spalle a una malinconia che ora semplicemente si esprime in maniera diversa e solo a tratti emerge pienamente (“Someday We’re Through”, in cui il microfono passa da Anna Persson a Daniel Permbo, una title track dal retrogusto gainsbourghiano e la cover di “Fallin’ In Love” di Dennis Wilson). Se dunque fino a ieri – anzi l’altroieri, ché già l’ep “Coastal Affairs” (2006) anticipava questo cambio di direzione – i paesaggi descritti dai Sambassadeur erano ammantati da una palpabile e seducente nebbiolina, ora questa sembra essere stata allontanata da un caldo venticello estivo; quello che attraversa “That Town” e “Something To Keep”, si trasforma in afa in “Final Say” (piacevolissima, ma con un groove rétro-sintetico che nel contesto dell’album stride un poco) per poi mutarsi in tiepida brezza serale nella strumentale “Calvi”, che chiude su una nota di sereno intimismo un disco piccolo ma prezioso.

(Recensione tratta dal Mucchio n.641 – dicembre 2007)

Ultime recensioni Musica
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...
Ariel-LP-1000x1000
Ariel Pink

Dedicated to Bobby Jameson

7.5

È uno dei più grandi retromaniaci del nostro tempo, eppure un suo pezzo si riconosce alla prima...
SUCCI_ConGhiaccio_cover-hi
Giovanni Succi

Con ghiaccio

7.5

Sino a ora impegnato in riletture d’autore (tre anni fa l’omaggio fu al genio conterraneo Paolo Conte...
qotsa_villains_01
Queens Of The Stone Age

Villains

6

“Se non fai un ottimo primo album allora dovresti smettere, ma se lo fai e poi non...
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...
laurel-halo-dust
Laurel Halo

Dust

8

Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo...
a3406870115_10
King Gizzard And The Lizard Wizard

Murder Of The Universe

8

La fine del mondo come non lo avevamo conosciuto. È un’involuzione verso il Medioevo, culturale e mentale,...
chino-amobi-non-records-debut-album-paradiso
Chino Amobi

PARADISO

8.5

A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete...
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...