Migration
Labrador/Goodfellas

Ancor più che le mezzetinte, con i Sambassadeur la questione riguarda soprattutto le mezze stagioni, con buona pace di chi sostiene che non esistano più. Il loro debutto omonimo, infatti, era in tutto e per tutto autunnale: nelle sonorità – Velvet Underground, shoegazing, new-wave e chanson francese riletti in chiave indie-pop – così come nella copertina, raffigurante il disegno di una foglia secca. Eppure quell’album non era uscito in autunno, bensì (almeno in patria) in primavera. Di contro, pur vedendo la luce in novembre, la nuova fatica del quartetto svedese è un’opera assai più primaverile. Lo si percepisce fin l’iniziale “The Park”: ritmata, sostenuta da un vivace intrecciarsi di chitarre acustiche ed archi, ariosa nella melodia anche se non esattamente gioiosa nel testo. E ancora di più fa la successiva “Subtle Changes”, con un’orchestrazione quasi disco ad accentuarne l’andatura spedita e un assolo di sassofono splendidamente fuori posto. Un uno-due che mette in chiaro un paio di cose, e cioè la rinuncia alle distorsioni e una predisposizione per atmosfere nettamente più calde, pur non voltando del tutto le spalle a una malinconia che ora semplicemente si esprime in maniera diversa e solo a tratti emerge pienamente (“Someday We’re Through”, in cui il microfono passa da Anna Persson a Daniel Permbo, una title track dal retrogusto gainsbourghiano e la cover di “Fallin’ In Love” di Dennis Wilson). Se dunque fino a ieri – anzi l’altroieri, ché già l’ep “Coastal Affairs” (2006) anticipava questo cambio di direzione – i paesaggi descritti dai Sambassadeur erano ammantati da una palpabile e seducente nebbiolina, ora questa sembra essere stata allontanata da un caldo venticello estivo; quello che attraversa “That Town” e “Something To Keep”, si trasforma in afa in “Final Say” (piacevolissima, ma con un groove rétro-sintetico che nel contesto dell’album stride un poco) per poi mutarsi in tiepida brezza serale nella strumentale “Calvi”, che chiude su una nota di sereno intimismo un disco piccolo ma prezioso.

(Recensione tratta dal Mucchio n.641 – dicembre 2007)

Ultime recensioni Musica
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...