THE HALFDUCK MYSTERY
Angle-Trovarobato/Audioglobe

Spiazzante. Questo l’aggettivo da associare senza grandi ripensamenti al nuovo, secondo album di Samuel Katarro, giovane bluesman (sembrava) dalla vena punk (idem) che ha sconvolto il panorama italiano underground, chiamiamolo così, alla fine del 2008 con Beach Party. Se l’asprezza e una vena di follia, perseguita anche con tenacia dal vivo, caratterizzavano il suo esordio, oggi The Halfduck Mystery viaggia su binari parecchio differenti. Rimane la passione per i Sessanta, sotterranea prima e ora dirompente, che espande le nuove canzoni, le porta su territori in cui la chitarra si affianca ad archi e fiati, la psichedelia attinge ispirazione da Syd Barrett, Tim Buckley, ma pure Devendra Banhart e Jennifer Gentle. Alla compattezza ruvida, per quanto bizzarra, dei primi passi, l’artista toscano oppone adesso una serie di divagazioni in cui voci rallentate ed effetti assortiti danno un senso di costante straniamento e di poesia obliqua. La più grande metamorfosi è però quella a cui si sottopone la voce: sostenuta e meno tagliente, incline alla coralità, con una ricerca quasi devota della melodia. Non è cambiato, in ogni caso, il senso di immediatezza dell’esecuzione: registrato al Bunker Studio di Rubiera, il disco alterna momenti di calma apparente a piccoli terremoti. Un tuffo nel passato, insomma, che, come scrivevamo, spiazza ma non delude: Katarro dimostra intelligenza e sensibilità, ribaltando i cliché di selvaggio interprete che fino a ora gli erano stati cuciti addosso. Nessuna epilessia performativa, un nitore che permette, a piccoli pezzi come Pop Skull, Three Minutes In California o a una You’re An Animal! dichiaratamente barrettiana di mostrarsi al loro meglio e soprattutto dà a questo progetto uno spessore inconsueto per un prodotto “indipendente”. Quasi irriconoscibile, ma non meno bravo: se questo è davvero il futuro del rock, in Italia, c’è da brindare per un giorno intero.

tratto dal Mucchio n°669

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...