Savages_Silence yourself
Savages

Silence Yourself

Matador/Self
8.5

Si fanno chiamare Savages. Intitolano il loro album d’esordio Silence Yourself, suddividendolo idealmente in due lati. Sparano cartucce violente, nella foggia e nella sostanza, come Shut Up e Hit Me. Jehnny Beth, Gemma Thompson, Ayse Hassan e Fay Milton si distribuiscono tra microfono, chitarra, basso e batteria e si collegano al post-punk che ha fatto scuola, quindi alle nevrosi dei Joy Division, alle asperità anticonformiste dei primi Siouxsie & The Banshees, alle geometrie secche e rigorose dei Wire. Al contempo il quartetto inglese incanala ansie e frustrazioni di una generazione che vive il presente con faccia tosta e niente da perdere, distaccandosi dalla riproduzione fine a se stessa di certi stilemi estetici o dalla nostalgia che si traduce in pura e semplice rievocazione. Non solo, perché le quattro ragazze evitano sia la trappola del revival dalla lacrimuccia facile (pensiamo alle The Organ, altra all female band comunque deliziosa nel reinterpretare umori alla Smiths), sia il ricordo troppo spesso obbligato di quelle riot grrrl che altre hanno già incarnato al meglio per poi prendere non a caso le distanze da un’etichetta altrimenti limitante (leggasi Sleater-Kinney e in seconda battuta Bikini Kill).
Durante i serratissimi trentotto minuti di durata – che rallentano nel minimalismo epico di Waiting For A Sign, per poi deragliare in un crescendo di rumorismo e urla soffocate, oppure nello spettrale intermezzo strumentale Dead Nature e nella conclusiva ballata Marshal Dear, con tanto di tasti e fiati jazzy – troviamo sonorità ottenute da nervi scoperti, che pulsano fottendosene delle buone, risapute usanze. Un suono sparato addosso, che richiama l’attenzione e non vuol saperne di essere un mero sottofondo. Quando la frontwoman canta I Am Here, ripetendo ossessivamente le parole come fossero lembi di pelle scottante su uno scheletro elettrico pronto a spezzarsi, c’è tutto il senso di un essere umano che decide di suonare in una rock band nell’Anno Domini 2013.

Pubblicato sul Mucchio 706

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...