Savages_Silence yourself
Savages

Silence Yourself

Matador/Self
8.5

Si fanno chiamare Savages. Intitolano il loro album d’esordio Silence Yourself, suddividendolo idealmente in due lati. Sparano cartucce violente, nella foggia e nella sostanza, come Shut Up e Hit Me. Jehnny Beth, Gemma Thompson, Ayse Hassan e Fay Milton si distribuiscono tra microfono, chitarra, basso e batteria e si collegano al post-punk che ha fatto scuola, quindi alle nevrosi dei Joy Division, alle asperità anticonformiste dei primi Siouxsie & The Banshees, alle geometrie secche e rigorose dei Wire. Al contempo il quartetto inglese incanala ansie e frustrazioni di una generazione che vive il presente con faccia tosta e niente da perdere, distaccandosi dalla riproduzione fine a se stessa di certi stilemi estetici o dalla nostalgia che si traduce in pura e semplice rievocazione. Non solo, perché le quattro ragazze evitano sia la trappola del revival dalla lacrimuccia facile (pensiamo alle The Organ, altra all female band comunque deliziosa nel reinterpretare umori alla Smiths), sia il ricordo troppo spesso obbligato di quelle riot grrrl che altre hanno già incarnato al meglio per poi prendere non a caso le distanze da un’etichetta altrimenti limitante (leggasi Sleater-Kinney e in seconda battuta Bikini Kill).
Durante i serratissimi trentotto minuti di durata – che rallentano nel minimalismo epico di Waiting For A Sign, per poi deragliare in un crescendo di rumorismo e urla soffocate, oppure nello spettrale intermezzo strumentale Dead Nature e nella conclusiva ballata Marshal Dear, con tanto di tasti e fiati jazzy – troviamo sonorità ottenute da nervi scoperti, che pulsano fottendosene delle buone, risapute usanze. Un suono sparato addosso, che richiama l’attenzione e non vuol saperne di essere un mero sottofondo. Quando la frontwoman canta I Am Here, ripetendo ossessivamente le parole come fossero lembi di pelle scottante su uno scheletro elettrico pronto a spezzarsi, c’è tutto il senso di un essere umano che decide di suonare in una rock band nell’Anno Domini 2013.

Pubblicato sul Mucchio 706

Ultime recensioni Musica
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...