81AjWYDg99L._SL1500_
Savages

Adore Life

Matador/Self
9

Parte come una mina, Adore Life. Con quel primo singolo, The Answer, che è un muro di suono sul quale chi ascolta sbatte subito la faccia, una frustata che contrappone amore e follia mandando affanculo le vie di mezzo. Il quartetto inglese ha imparato a definire maggiormente il proprio sound rispetto al già tellurico debutto di tre anni fa, Silence Yourself: sentite l’audacia vocale di Jehnny Beth, sentite le linee di chitarra elaborate da Gemma Thompson – fulgide e capaci di fissarsi nel cervello mandandolo in cortocircuito immediato – oppure la prepotenza dell’apparato ritmico costituito da Ayse Hassan e Fay Milton, che trascina i brani per un collo di groove impossibile da tenere al guinzaglio. Ma è la qualità delle composizioni a essere confermata oltre ogni più rosea aspettativa: sia da un punto di vista puramente musicale, poiché il dark punk delle signorine macina a super velocità e allo stesso tempo sfodera soluzioni di gran classe, come in un incrocio fra Sleater-Kinney e Swans, sia in una prospettiva contenutistica, in virtù dei testi della Beth, spesso e volentieri ai livelli del Nick Cave più conturbante e pericoloso.

Provate e resistere all’inno al cambiamento anticonformista di Evil, alla progressione provocante di Sad Person, al passo sinuoso di Slowing Down The World (“You are horny all the time / And darling it’s not a crime”), alla cacofonia di una I Need Something New nata durante un’improvvisazione dal vivo, alla rapidità infettiva di When In Love, alla vibrazione futuristica di una Surrender che cola miele da ogni distorsione o alla brutalità altalenante di T.I.W.Y.G.. Poi, ecco due torch song da manuale: Adore e Mechanics, semplicemente sublimi in arrangiamento e spessore lirico. È tutto un mix di violenza e sensualità, elettrico ed elettrizzante. Le Savages ci insegnano che è ancora possibile eccitarsi per la musica rock, che è ancora possibile identificarsi nella musica rock. E, a questo punto, senza voler esagerare, entrano direttamente nel registro delle grandi band della nostra epoca.

(ampio servizio di copertina sul numero 738 del Mucchio, attualmente in edicola)

Commenti

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...