The Drift
4AD/Self

Da dove iniziare? Non basta, ovviamente, lo spazio di questa recensione per raccontare a chi non lo conosce chi sia questo splendido eremita della canzone, né è facile spiegare il percorso che ha seguito il “crooner” esistenzialista degli anni Sessanta – convertito dall’ascolto di Jacques Brel, marcherà a fuoco gente come Bowie, Julian Cope, Nick Cave: dovrebbe bastare – per trasformarsi nel visionario compositore di “Tilt” e di quest’album che, dopo ben undici anni di attesa ben ripagata, gli viene dietro.

I nudi fatti, allora. “The Drift”, come il suo predecessore, più che un disco è una visita guidata nell’immaginario dell’autore, un immaginario popolato di fantasmi collettivi (le Torri Gemelle ed Elvis, Slobodan Milosevic, Mussolini e Claretta Petacci) sui quali si squarciano lampi di accecante bellezza, momenti di poesia lacerante e di parole ridotte all’osso che, se non sempre consentono accesso immediato, stordiscono per intensità e forza espressiva. I brani hanno contorni frastagliati e i silenzi assordanti si insinuano tra percussioni – un lavoro molto più ossessivo e ritmico di “Tilt”, da questo punto di vista – e orchestrazioni dissonanti, suoni concreti e “audiovisioni”, chitarre e bassi che solo a tratti suggeriscono vaghi contorni formali, mentre i tempi si dilatano e i confini di qualsiasi residua radiofonicità si allontanano alla velocità della luce. Brani resi definitivamente vivi da una voce profonda e calda che continua ad essere inimitabile e irraggiungibile, non più “bel canto” al servizio di un pop dalle melodie eleganti ma strumento duttile ed espressionista, quasi mai “musicale” in senso canonico ma sempre avvinghiato alle poche parole pronunciate. Settanta minuti di chitarre ipnotiche (“Cossacks Are”), melodrammi classici in salsa concreta (“Clara”), David Lynch in una vasca di deprivazione sensoriale (“Jesse”) e new wave astratta (“Psoriatic”) che si chiudono con uno scheletrico blues d’amore disturbato da sinistri bisbiglii (“A Lover Loves”). Una esperienza indimenticabile, che rende superfluo qualsiasi giudizio.

Recensione tratta dal Mucchio 623 (giugno 2006)

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...