The Drift
4AD/Self

Da dove iniziare? Non basta, ovviamente, lo spazio di questa recensione per raccontare a chi non lo conosce chi sia questo splendido eremita della canzone, né è facile spiegare il percorso che ha seguito il “crooner” esistenzialista degli anni Sessanta – convertito dall’ascolto di Jacques Brel, marcherà a fuoco gente come Bowie, Julian Cope, Nick Cave: dovrebbe bastare – per trasformarsi nel visionario compositore di “Tilt” e di quest’album che, dopo ben undici anni di attesa ben ripagata, gli viene dietro.

I nudi fatti, allora. “The Drift”, come il suo predecessore, più che un disco è una visita guidata nell’immaginario dell’autore, un immaginario popolato di fantasmi collettivi (le Torri Gemelle ed Elvis, Slobodan Milosevic, Mussolini e Claretta Petacci) sui quali si squarciano lampi di accecante bellezza, momenti di poesia lacerante e di parole ridotte all’osso che, se non sempre consentono accesso immediato, stordiscono per intensità e forza espressiva. I brani hanno contorni frastagliati e i silenzi assordanti si insinuano tra percussioni – un lavoro molto più ossessivo e ritmico di “Tilt”, da questo punto di vista – e orchestrazioni dissonanti, suoni concreti e “audiovisioni”, chitarre e bassi che solo a tratti suggeriscono vaghi contorni formali, mentre i tempi si dilatano e i confini di qualsiasi residua radiofonicità si allontanano alla velocità della luce. Brani resi definitivamente vivi da una voce profonda e calda che continua ad essere inimitabile e irraggiungibile, non più “bel canto” al servizio di un pop dalle melodie eleganti ma strumento duttile ed espressionista, quasi mai “musicale” in senso canonico ma sempre avvinghiato alle poche parole pronunciate. Settanta minuti di chitarre ipnotiche (“Cossacks Are”), melodrammi classici in salsa concreta (“Clara”), David Lynch in una vasca di deprivazione sensoriale (“Jesse”) e new wave astratta (“Psoriatic”) che si chiudono con uno scheletrico blues d’amore disturbato da sinistri bisbiglii (“A Lover Loves”). Una esperienza indimenticabile, che rende superfluo qualsiasi giudizio.

Recensione tratta dal Mucchio 623 (giugno 2006)

Ultime recensioni Musica
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...