The Drift
4AD/Self

Da dove iniziare? Non basta, ovviamente, lo spazio di questa recensione per raccontare a chi non lo conosce chi sia questo splendido eremita della canzone, né è facile spiegare il percorso che ha seguito il “crooner” esistenzialista degli anni Sessanta – convertito dall’ascolto di Jacques Brel, marcherà a fuoco gente come Bowie, Julian Cope, Nick Cave: dovrebbe bastare – per trasformarsi nel visionario compositore di “Tilt” e di quest’album che, dopo ben undici anni di attesa ben ripagata, gli viene dietro.

I nudi fatti, allora. “The Drift”, come il suo predecessore, più che un disco è una visita guidata nell’immaginario dell’autore, un immaginario popolato di fantasmi collettivi (le Torri Gemelle ed Elvis, Slobodan Milosevic, Mussolini e Claretta Petacci) sui quali si squarciano lampi di accecante bellezza, momenti di poesia lacerante e di parole ridotte all’osso che, se non sempre consentono accesso immediato, stordiscono per intensità e forza espressiva. I brani hanno contorni frastagliati e i silenzi assordanti si insinuano tra percussioni – un lavoro molto più ossessivo e ritmico di “Tilt”, da questo punto di vista – e orchestrazioni dissonanti, suoni concreti e “audiovisioni”, chitarre e bassi che solo a tratti suggeriscono vaghi contorni formali, mentre i tempi si dilatano e i confini di qualsiasi residua radiofonicità si allontanano alla velocità della luce. Brani resi definitivamente vivi da una voce profonda e calda che continua ad essere inimitabile e irraggiungibile, non più “bel canto” al servizio di un pop dalle melodie eleganti ma strumento duttile ed espressionista, quasi mai “musicale” in senso canonico ma sempre avvinghiato alle poche parole pronunciate. Settanta minuti di chitarre ipnotiche (“Cossacks Are”), melodrammi classici in salsa concreta (“Clara”), David Lynch in una vasca di deprivazione sensoriale (“Jesse”) e new wave astratta (“Psoriatic”) che si chiudono con uno scheletrico blues d’amore disturbato da sinistri bisbiglii (“A Lover Loves”). Una esperienza indimenticabile, che rende superfluo qualsiasi giudizio.

Recensione tratta dal Mucchio 623 (giugno 2006)

Ultime recensioni Musica
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6.5

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...
Mount Eerie- Now Only
Mount Eerie

Now Only

8.5

A un anno esatto dallo splendido A Crow Looked At Me, Phil Elverum costruisceintorno alla scomparsa, all’eredità...
preocupations
Preoccupations

New Material

8

Nonostante qualche intoppo presentatosi subito sul cammino (il cambio di nome da Viet Cong a Preoccupations, a...
Baustelle 2018
Baustelle

L’amore e la violenza vol. 2

8

“Dodici nuovi pezzi facili”, recita il programmatico sottotitolo dell’ottavo album in studio di Francesco Bianconi, Rachele Bastreghi...
David-Byrne-cover
David Byrne

American Utopia

7

L’album più atteso dell’inverno, o quasi. Il “mezzobusto” non ne confezionava uno a suo nome dall’epoca di...
suuns-felt-e1515742982651
Suuns

Felt

8.5

Dal momento in cui ho deciso di occuparmi di Felt, rifletto su quante altre band, nell’ultimo decennio...
The-Breeders-All-Nerve-album-artwork-1515446973-640x640-1
The Breeders

All Nerve

8

A dieci anni dal precedente Mountain Battles, The Breeders tornano con un quinto capitolo in studio che...
mamuthones-fear-on-the-corners
Mamuthones

Fear On The Corner

8

Come un bad trip un po’ meno disturbante e un po’ più reale. Come un disco psichedelico...
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....