The Drift
4AD/Self

Da dove iniziare? Non basta, ovviamente, lo spazio di questa recensione per raccontare a chi non lo conosce chi sia questo splendido eremita della canzone, né è facile spiegare il percorso che ha seguito il “crooner” esistenzialista degli anni Sessanta – convertito dall’ascolto di Jacques Brel, marcherà a fuoco gente come Bowie, Julian Cope, Nick Cave: dovrebbe bastare – per trasformarsi nel visionario compositore di “Tilt” e di quest’album che, dopo ben undici anni di attesa ben ripagata, gli viene dietro.

I nudi fatti, allora. “The Drift”, come il suo predecessore, più che un disco è una visita guidata nell’immaginario dell’autore, un immaginario popolato di fantasmi collettivi (le Torri Gemelle ed Elvis, Slobodan Milosevic, Mussolini e Claretta Petacci) sui quali si squarciano lampi di accecante bellezza, momenti di poesia lacerante e di parole ridotte all’osso che, se non sempre consentono accesso immediato, stordiscono per intensità e forza espressiva. I brani hanno contorni frastagliati e i silenzi assordanti si insinuano tra percussioni – un lavoro molto più ossessivo e ritmico di “Tilt”, da questo punto di vista – e orchestrazioni dissonanti, suoni concreti e “audiovisioni”, chitarre e bassi che solo a tratti suggeriscono vaghi contorni formali, mentre i tempi si dilatano e i confini di qualsiasi residua radiofonicità si allontanano alla velocità della luce. Brani resi definitivamente vivi da una voce profonda e calda che continua ad essere inimitabile e irraggiungibile, non più “bel canto” al servizio di un pop dalle melodie eleganti ma strumento duttile ed espressionista, quasi mai “musicale” in senso canonico ma sempre avvinghiato alle poche parole pronunciate. Settanta minuti di chitarre ipnotiche (“Cossacks Are”), melodrammi classici in salsa concreta (“Clara”), David Lynch in una vasca di deprivazione sensoriale (“Jesse”) e new wave astratta (“Psoriatic”) che si chiudono con uno scheletrico blues d’amore disturbato da sinistri bisbiglii (“A Lover Loves”). Una esperienza indimenticabile, che rende superfluo qualsiasi giudizio.

Recensione tratta dal Mucchio 623 (giugno 2006)

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...