WE BUILT A FIRE
Morr/Goodfellas

Nonostante gli uffici della Morr si trovino nel centro di Berlino, a prender visione del loro catalogo viene da pensare che almeno una filiale, tra Svezia e Islanda, sarebbe proprio il caso di aprirla: Benni Hemm Hemm, Borko, Mum, Bobby & Blumm, It’s A Musical sono solamente alcune delle formazioni che l’etichetta tedesca ha contribuito a far conoscere ben al di fuori dei patri confini. Dall’elenco non può, ovviamente, rimanere escluso il nome dei Seabear, poiché la formazione capitanata da Sindri Mar Sigfusson – un musicista talmente poliedrico che, quando ha un attimo libero, si dedica anche al progetto solista Sin Fang Bous – rappresenta forse l’esempio migliore di come l’indie-folk d’autore non sia esclusivo appannaggio di artisti inglesi e/o americani. Avevano entusiasmato nel 2007 quando The Ghost That Carries Us Away ce li fece scoprire; confermano l’eccellente impressione oggi con undici deliziose composizioni in cui la fragilità del pop cammina di pari passo con la bassa fedeltà e con quel gusto tutto particolare per la ricerca della bella armonia acustica oppure elettrica (Lion Face Boy, Cold Summer, voce, piano, percussioni e violino: nient’altro che commovente, Warm Blood). E poi folk, minimalismo e sperimentazioni, gli altri ingredienti dell’album, che spesso sfociano in intuizioni al limite del genio (In Winter Eyes, Wolfboy) in modo che We Built A Fire risulti di una semplicità fuori dalla norma. Forse proprio per tale ragione, negli episodi in cui i musicisti si lasciano andare – i Seaber del 2010, opportuno sottolinearlo, sono un collettivo di sette persone – e gli archi disegnano paesaggi che, inevitabilmente, risentono del sole basso sull’orizzonte e degli interminabili inverni è frequente beneficiare di un assoluto magnetismo dal fascino antico (Fire Dies Down, I’ll Build You A Fire, We Fell Off The Roof). Un’opera che si vorrebbe custodire come un segreto e che, invece, merita di essere conosciuta ovunque.

tratto dal Mucchio n°667

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...