TRAMP
Jagjaguwar/Goodfellas

(Pre)destinata a segnare le sorti del 2012, Sharon Van Etten è una di quelle artiste che, una volta ogni tot anni, appaiono dal nulla (o quasi: all’attivo ha già un paio di discreti album, l’ultimo dei quali – “Epic” – ha incontrato i favori anche di Justin Vernon) e nell’esatto momento in cui partono le prime note di “Tramp” intuisci, a pelle, che è proprio lei che stavi aspettando. Ha tutto, davvero, per piacere e conquistare consensi, dei giovani appassionati di indie così come dei cultori, magari di mezz’età, di certo rock classico e cantautorale: una voce fuori dal comune che in qualche occasione rimanda al mellifluo ed etereo gorgo creato da Mazzy Star (“Warsaw”) e altrove cita gli ultimi venti e passa anni di pop rigorosamente al femminile (“Joke Or A Lie”), da PJ Harvey a Fiona Apple, da Cat Power ad Anna Calvi e St. Vincent in un crescendo di emozioni che contagiano; un utilizzo della chitarra, senza distinzioni tra elettrica e acustica, che sorprende per la pulizia degli arrangiamenti creati; la scelta, infine, di farsi affiancare, in un percorso che non prescinde, nelle liriche, da un autobiografico senso del dolore, da ospiti di chiara fama (underground). Se Aaron Dessner dei National le ha messo a disposizione lo studio della sua band e, convinto dai primissimi provini, ha deciso anche di produrre “Tramp”, Matt Barrick dei Walkmen l’accompagna alle percussioni e Zach Condon dei Beirut duetta con lei in un paio di brani che della dozzina rischiano di risultare i migliori. La scrittura, poi, è alta ovunque: non ci sono cali nell’essenziale ridondanza di un lavoro che vuole essere, allo stesso tempo, minimalista e pregno di quel senso del (melo)dramma che si esalta nella dolce sensualità di una ballata notturna come “I’m Wrong” e nel fanciullesco stupore di “Ask”, tre suadenti minuti semplicemente perfetti.
Non male per una trentenne che, quando ha iniziato a incidere “Tramp”, vagava senza fissa dimora e oggi rischia di prendere la residenza nel cuore dell’America più illuminata.

Gabriele Pescatore / ****

Tratto dal Mucchio n°693

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...