Hvarf-Heim
Emi

Prima di iniziare qualsiasi disamina di questo lavoro, va riconosciuto sicuramente un merito ai Sigur Rós: aver scelto di abbinare all’uscita del documentario “Heima” una selezione di brani differenti da quelli che ne accompagnano le immagini, raccolte nel corso di un suggestivo tour a tappe che ha attraversato l’Islanda e portato la band ad esibirsi in situazioni più o meno insolite. Nello specifico, un primo cd intitolato “Hvarf”, contenente cinque tracce in parte inedite (Von ci viene presentata in veste ampliata e riarrangiata con l’intervento delle Amiina) incise per l’occasione, e un secondo che propone riletture acustiche di cinque brani del repertorio degli islandesi, “Heim”. Poco altro da aggiungere, apparentemente, se non che l’esperimento funziona e riesce ad offrire motivi di interesse non solo ai completisti. È in ogni caso un disco di transizione; anzi, una seppur interessante nota a margine, ma l’onestà dell’operazione consiste nel fatto che il progetto si presenti semplicemente per quello che è.
Addentrandoci in “Hvarf”, ci troviamo di fronte una manciata di episodi rimasti fuori dalla discografia principale senza nessun particolare motivo. In particolare “I Ger” rappresenta un gustoso ritorno a certe magniloquenti pagine della primissima produzione del gruppo, esplosione di muri di chitarre e organo molto floydiana – i Pink Floyd dell’interregno postbarrettiano e pre-“Dark Side” – che veicola una melodia vagamente sinistra e funerea sottolineata dagli intermezzi di carillon. Il resto riluce senza risplendere, ma come abbiamo già detto non si tratta del nuovo lavoro del gruppo, quanto piuttosto di una gustosa integrazione. Per quanto riguarda le canzoni di “Heim”, l’abito acustico (le chitarre poco presenti e la gran parte delle impalcature armoniche e melodiche affidata al piano) dona loro una luce soffusa e rarefatta che forse lascia un po’ per strada la magia avvolgente e imponente degli originali, ma affascina per altre vie, tirando fuori una vena cameristica di tutto rispetto.

(Recensione tratta dal Mucchio n.641 – dicembre 2007)

Ultime recensioni Musica
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...
Ariel-LP-1000x1000
Ariel Pink

Dedicated to Bobby Jameson

7.5

È uno dei più grandi retromaniaci del nostro tempo, eppure un suo pezzo si riconosce alla prima...
SUCCI_ConGhiaccio_cover-hi
Giovanni Succi

Con ghiaccio

7.5

Sino a ora impegnato in riletture d’autore (tre anni fa l’omaggio fu al genio conterraneo Paolo Conte...
qotsa_villains_01
Queens Of The Stone Age

Villains

6

“Se non fai un ottimo primo album allora dovresti smettere, ma se lo fai e poi non...
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...
laurel-halo-dust
Laurel Halo

Dust

8

Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo...
a3406870115_10
King Gizzard And The Lizard Wizard

Murder Of The Universe

8

La fine del mondo come non lo avevamo conosciuto. È un’involuzione verso il Medioevo, culturale e mentale,...
chino-amobi-non-records-debut-album-paradiso
Chino Amobi

PARADISO

8.5

A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete...
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...