Hvarf-Heim
Emi

Prima di iniziare qualsiasi disamina di questo lavoro, va riconosciuto sicuramente un merito ai Sigur Rós: aver scelto di abbinare all’uscita del documentario “Heima” una selezione di brani differenti da quelli che ne accompagnano le immagini, raccolte nel corso di un suggestivo tour a tappe che ha attraversato l’Islanda e portato la band ad esibirsi in situazioni più o meno insolite. Nello specifico, un primo cd intitolato “Hvarf”, contenente cinque tracce in parte inedite (Von ci viene presentata in veste ampliata e riarrangiata con l’intervento delle Amiina) incise per l’occasione, e un secondo che propone riletture acustiche di cinque brani del repertorio degli islandesi, “Heim”. Poco altro da aggiungere, apparentemente, se non che l’esperimento funziona e riesce ad offrire motivi di interesse non solo ai completisti. È in ogni caso un disco di transizione; anzi, una seppur interessante nota a margine, ma l’onestà dell’operazione consiste nel fatto che il progetto si presenti semplicemente per quello che è.
Addentrandoci in “Hvarf”, ci troviamo di fronte una manciata di episodi rimasti fuori dalla discografia principale senza nessun particolare motivo. In particolare “I Ger” rappresenta un gustoso ritorno a certe magniloquenti pagine della primissima produzione del gruppo, esplosione di muri di chitarre e organo molto floydiana – i Pink Floyd dell’interregno postbarrettiano e pre-“Dark Side” – che veicola una melodia vagamente sinistra e funerea sottolineata dagli intermezzi di carillon. Il resto riluce senza risplendere, ma come abbiamo già detto non si tratta del nuovo lavoro del gruppo, quanto piuttosto di una gustosa integrazione. Per quanto riguarda le canzoni di “Heim”, l’abito acustico (le chitarre poco presenti e la gran parte delle impalcature armoniche e melodiche affidata al piano) dona loro una luce soffusa e rarefatta che forse lascia un po’ per strada la magia avvolgente e imponente degli originali, ma affascina per altre vie, tirando fuori una vena cameristica di tutto rispetto.

(Recensione tratta dal Mucchio n.641 – dicembre 2007)

Ultime recensioni Musica
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...