Hvarf-Heim
Emi

Prima di iniziare qualsiasi disamina di questo lavoro, va riconosciuto sicuramente un merito ai Sigur Rós: aver scelto di abbinare all’uscita del documentario “Heima” una selezione di brani differenti da quelli che ne accompagnano le immagini, raccolte nel corso di un suggestivo tour a tappe che ha attraversato l’Islanda e portato la band ad esibirsi in situazioni più o meno insolite. Nello specifico, un primo cd intitolato “Hvarf”, contenente cinque tracce in parte inedite (Von ci viene presentata in veste ampliata e riarrangiata con l’intervento delle Amiina) incise per l’occasione, e un secondo che propone riletture acustiche di cinque brani del repertorio degli islandesi, “Heim”. Poco altro da aggiungere, apparentemente, se non che l’esperimento funziona e riesce ad offrire motivi di interesse non solo ai completisti. È in ogni caso un disco di transizione; anzi, una seppur interessante nota a margine, ma l’onestà dell’operazione consiste nel fatto che il progetto si presenti semplicemente per quello che è.
Addentrandoci in “Hvarf”, ci troviamo di fronte una manciata di episodi rimasti fuori dalla discografia principale senza nessun particolare motivo. In particolare “I Ger” rappresenta un gustoso ritorno a certe magniloquenti pagine della primissima produzione del gruppo, esplosione di muri di chitarre e organo molto floydiana – i Pink Floyd dell’interregno postbarrettiano e pre-“Dark Side” – che veicola una melodia vagamente sinistra e funerea sottolineata dagli intermezzi di carillon. Il resto riluce senza risplendere, ma come abbiamo già detto non si tratta del nuovo lavoro del gruppo, quanto piuttosto di una gustosa integrazione. Per quanto riguarda le canzoni di “Heim”, l’abito acustico (le chitarre poco presenti e la gran parte delle impalcature armoniche e melodiche affidata al piano) dona loro una luce soffusa e rarefatta che forse lascia un po’ per strada la magia avvolgente e imponente degli originali, ma affascina per altre vie, tirando fuori una vena cameristica di tutto rispetto.

(Recensione tratta dal Mucchio n.641 – dicembre 2007)

Ultime recensioni Musica
arthur-buck-cover-2018
Arthur Buck

Arthur Buck

6.5

Pop rock regolare. Regolare quando invece ti aspetti la genialata. Diciamo subito, per quelli magari che si...
edwards & hacke
David Eugene Edwards & Alexander Hacke

Risha

7

Tutto si potrà dire di questo disco tranne che non sia il parto di due musicisti carismatici:...
Mark-Lanegan-and-Duke-Garwood-With-Animals
Mark Lanegan & Duke Garwood

With Animals

7.5

“Suppongo sia sempre mezzanotte da qualche parte” ipotizza Duke Garwood, a commento dell’ultimo disco scritto e suonato...
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...