Hvarf-Heim
Emi

Prima di iniziare qualsiasi disamina di questo lavoro, va riconosciuto sicuramente un merito ai Sigur Rós: aver scelto di abbinare all’uscita del documentario “Heima” una selezione di brani differenti da quelli che ne accompagnano le immagini, raccolte nel corso di un suggestivo tour a tappe che ha attraversato l’Islanda e portato la band ad esibirsi in situazioni più o meno insolite. Nello specifico, un primo cd intitolato “Hvarf”, contenente cinque tracce in parte inedite (Von ci viene presentata in veste ampliata e riarrangiata con l’intervento delle Amiina) incise per l’occasione, e un secondo che propone riletture acustiche di cinque brani del repertorio degli islandesi, “Heim”. Poco altro da aggiungere, apparentemente, se non che l’esperimento funziona e riesce ad offrire motivi di interesse non solo ai completisti. È in ogni caso un disco di transizione; anzi, una seppur interessante nota a margine, ma l’onestà dell’operazione consiste nel fatto che il progetto si presenti semplicemente per quello che è.
Addentrandoci in “Hvarf”, ci troviamo di fronte una manciata di episodi rimasti fuori dalla discografia principale senza nessun particolare motivo. In particolare “I Ger” rappresenta un gustoso ritorno a certe magniloquenti pagine della primissima produzione del gruppo, esplosione di muri di chitarre e organo molto floydiana – i Pink Floyd dell’interregno postbarrettiano e pre-“Dark Side” – che veicola una melodia vagamente sinistra e funerea sottolineata dagli intermezzi di carillon. Il resto riluce senza risplendere, ma come abbiamo già detto non si tratta del nuovo lavoro del gruppo, quanto piuttosto di una gustosa integrazione. Per quanto riguarda le canzoni di “Heim”, l’abito acustico (le chitarre poco presenti e la gran parte delle impalcature armoniche e melodiche affidata al piano) dona loro una luce soffusa e rarefatta che forse lascia un po’ per strada la magia avvolgente e imponente degli originali, ma affascina per altre vie, tirando fuori una vena cameristica di tutto rispetto.

(Recensione tratta dal Mucchio n.641 – dicembre 2007)

Ultime recensioni Musica
four
Four Tet

New Energy

7.5

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...
king-krule-the-ooz
King Krule

The OOZ

8

Il nuovo disco di King Krule, che arriva a ben quattro anni di distanza dall’esordio 6 Feet...
corgan
William Patrick Corgan

Ogilala

8

Parliamoci chiaro: a Corgan abbiamo concesso tante chance, più che a chiunque altro: il pessimo progetto Zwan;...
Ben-Frost--The-Centre-Cannot-Hold-album-cover
Ben Frost

The Centre Cannot Hold

8

Trattandosi di composizioni strumentali, conta l’esperienza d’ascolto: anzitutto dal vivo, se possibile (in Italia, a Club To...
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...