sigur-ros-kveikur
Sigur Rós

Kveikur

XL/Self
8

Di solito più si va avanti con la carriera, più è difficile che gli artisti riescano di nuovo a sorprendere. Sorprendono, invece, i Sigur Rós, che al settimo album giungono alla svolta stilistica più netta di sempre. Non che si siano perse certe caratteristiche fondanti, ma di primo acchito Kveikur non è così facilmente riconducibile alla band islandese, che nel mentre torna a legarsi a un’etichetta indipendente. Di certo avrà influito l’abbandono del tastierista Kjartan Sveinsson, tanto che l’apparato ritmico – Georg Holm al basso e Orri Dyrason alla batteria – riveste la parte del leone e si contrappone alla voce eterea e fanciullesca di Jónsi Birgisson. Potremmo dire che si tratta del miglior modo possibile per reagire a un cambiamento, ovvero non solo accettare quel che giocoforza avviene ma addirittura assecondarlo, estremizzarlo. Se voltare pagina è inevitabile, allora vale la pena voltare pagina davvero, insomma.
Maggiormente cupo sin dalla copertina e dunque torbido anche nei passaggi in teoria defaticanti, l’album si allontana dall’ambient del precedente, a tratti soporifero Valtari e si cimenta in campo rock: in fondo basta utilizzare con parsimonia il prefisso “post”. Provate a far partire a tutto volume il singolo Brenninsteinn, con i suoi battiti aggressivi, con le chitarre che avanzano con spavalderia senza rinunciare comunque a un considerevole minutaggio, oppure la martellante e spettrale title track. Questo innalzamento del tasso elettrico procede di pari passo assieme a cadenze che sperimentano flirt con industrial e dubstep, ma la bravura del trio è quella di stravolgersi senza rinunciare a se stessi. Ecco dunque che nei gorghi sintetici di Hrafntinna c’è spazio per i fiati, che le orchestrazioni in genere non vengono del tutto meno e che il sipario cala proprio con lo strumentale Var, punto di incontro fra pianoforte e archi a rappresentare una sorta di nuova era all’orizzonte. Un’era possibile soltanto dopo la liberatoria esplosione del geyser.

Pubblicato sul Mucchio 707, giugno 2013

Ultime recensioni Musica
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...