sigur-ros-kveikur
Sigur Rós

Kveikur

XL/Self
8

Di solito più si va avanti con la carriera, più è difficile che gli artisti riescano di nuovo a sorprendere. Sorprendono, invece, i Sigur Rós, che al settimo album giungono alla svolta stilistica più netta di sempre. Non che si siano perse certe caratteristiche fondanti, ma di primo acchito Kveikur non è così facilmente riconducibile alla band islandese, che nel mentre torna a legarsi a un’etichetta indipendente. Di certo avrà influito l’abbandono del tastierista Kjartan Sveinsson, tanto che l’apparato ritmico – Georg Holm al basso e Orri Dyrason alla batteria – riveste la parte del leone e si contrappone alla voce eterea e fanciullesca di Jónsi Birgisson. Potremmo dire che si tratta del miglior modo possibile per reagire a un cambiamento, ovvero non solo accettare quel che giocoforza avviene ma addirittura assecondarlo, estremizzarlo. Se voltare pagina è inevitabile, allora vale la pena voltare pagina davvero, insomma.
Maggiormente cupo sin dalla copertina e dunque torbido anche nei passaggi in teoria defaticanti, l’album si allontana dall’ambient del precedente, a tratti soporifero Valtari e si cimenta in campo rock: in fondo basta utilizzare con parsimonia il prefisso “post”. Provate a far partire a tutto volume il singolo Brenninsteinn, con i suoi battiti aggressivi, con le chitarre che avanzano con spavalderia senza rinunciare comunque a un considerevole minutaggio, oppure la martellante e spettrale title track. Questo innalzamento del tasso elettrico procede di pari passo assieme a cadenze che sperimentano flirt con industrial e dubstep, ma la bravura del trio è quella di stravolgersi senza rinunciare a se stessi. Ecco dunque che nei gorghi sintetici di Hrafntinna c’è spazio per i fiati, che le orchestrazioni in genere non vengono del tutto meno e che il sipario cala proprio con lo strumentale Var, punto di incontro fra pianoforte e archi a rappresentare una sorta di nuova era all’orizzonte. Un’era possibile soltanto dopo la liberatoria esplosione del geyser.

Pubblicato sul Mucchio 707, giugno 2013

Ultime recensioni Musica
the_tower_motorpsycho-1024x1024
Motorpsycho

The Tower

7

Fatecelo dire. Con una media da quasi un’uscita all’anno, quella di un altro album dei Motorpsycho in...
a0371152011_10
Chelsea Wolfe

Hiss Spun

7.5

Diventata un’artista di prima fascia, Chelsea Wolfe ha inanellato almeno tre capolavori di fila: difficile descrivere altrimenti...
file
The War On Drugs

A Deeper Understanding

8

Non solo Stranger Things. Il miglior revival degli anni 80 passa anche per la musica dei War...
Ariel-LP-1000x1000
Ariel Pink

Dedicated to Bobby Jameson

7.5

È uno dei più grandi retromaniaci del nostro tempo, eppure un suo pezzo si riconosce alla prima...
SUCCI_ConGhiaccio_cover-hi
Giovanni Succi

Con ghiaccio

7.5

Sino a ora impegnato in riletture d’autore (tre anni fa l’omaggio fu al genio conterraneo Paolo Conte...
qotsa_villains_01
Queens Of The Stone Age

Villains

6

“Se non fai un ottimo primo album allora dovresti smettere, ma se lo fai e poi non...
Hug-Of-Thunder-1494255080-640x640
Broken Social Scene

Hug Of Thunder

8.5

È accaduto che, a poche ore dall’attentato che il 22 maggio scorso mieteva ventidue vittime al concerto...
a2340015657_10
Cigarettes After Sex

Cigarettes After Sex

8

L’hype e le visualizzazioni su YouTube possono essere fuorvianti. Quando un nuovo fenomeno Web comincia a diventare...
laurel-halo-dust
Laurel Halo

Dust

8

Ciascuno è conseguenza delle esperienze fatte. E ciò vale, a maggior ragione, nel caso dei musicisti. Addizioniamo...
a3406870115_10
King Gizzard And The Lizard Wizard

Murder Of The Universe

8

La fine del mondo come non lo avevamo conosciuto. È un’involuzione verso il Medioevo, culturale e mentale,...
chino-amobi-non-records-debut-album-paradiso
Chino Amobi

PARADISO

8.5

A chi incontra Chino Amobi per la prima volta è giusto ricordare che il co-fondatore della rete...
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...