sigur-ros-kveikur
Sigur Rós

Kveikur

XL/Self
8

Di solito più si va avanti con la carriera, più è difficile che gli artisti riescano di nuovo a sorprendere. Sorprendono, invece, i Sigur Rós, che al settimo album giungono alla svolta stilistica più netta di sempre. Non che si siano perse certe caratteristiche fondanti, ma di primo acchito Kveikur non è così facilmente riconducibile alla band islandese, che nel mentre torna a legarsi a un’etichetta indipendente. Di certo avrà influito l’abbandono del tastierista Kjartan Sveinsson, tanto che l’apparato ritmico – Georg Holm al basso e Orri Dyrason alla batteria – riveste la parte del leone e si contrappone alla voce eterea e fanciullesca di Jónsi Birgisson. Potremmo dire che si tratta del miglior modo possibile per reagire a un cambiamento, ovvero non solo accettare quel che giocoforza avviene ma addirittura assecondarlo, estremizzarlo. Se voltare pagina è inevitabile, allora vale la pena voltare pagina davvero, insomma.
Maggiormente cupo sin dalla copertina e dunque torbido anche nei passaggi in teoria defaticanti, l’album si allontana dall’ambient del precedente, a tratti soporifero Valtari e si cimenta in campo rock: in fondo basta utilizzare con parsimonia il prefisso “post”. Provate a far partire a tutto volume il singolo Brenninsteinn, con i suoi battiti aggressivi, con le chitarre che avanzano con spavalderia senza rinunciare comunque a un considerevole minutaggio, oppure la martellante e spettrale title track. Questo innalzamento del tasso elettrico procede di pari passo assieme a cadenze che sperimentano flirt con industrial e dubstep, ma la bravura del trio è quella di stravolgersi senza rinunciare a se stessi. Ecco dunque che nei gorghi sintetici di Hrafntinna c’è spazio per i fiati, che le orchestrazioni in genere non vengono del tutto meno e che il sipario cala proprio con lo strumentale Var, punto di incontro fra pianoforte e archi a rappresentare una sorta di nuova era all’orizzonte. Un’era possibile soltanto dopo la liberatoria esplosione del geyser.

Pubblicato sul Mucchio 707, giugno 2013

Ultime recensioni Musica
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...
soft hair
Soft Hair

Soft Hair

7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei...
new gen
AA. VV.

New Gen

6

Caroline Simionescu-Marin, la ventunenne editrice della webzine inglese grmdaily.com, ha impiegato ben nove mesi per assemblare i cocci...
edible woman
Edible Woman

Daunting

6

Dopo la confusione fatta sul numero attualmente in edicola, dovuta tanto alla poca chiarezza del press sheet, quanto...
BookletJEWELDBOX(4pagg)-xSito.cdr
Fabio Bliquo

Controsensi

6.5

“Volevo comporre una meditazione sul delirio e sulla follia insita nei nostri comportamenti quotidiani”. Con questa intenzione...
frank-ocean-blond-compressed-0933daea-f052-40e5-85a4-35e07dac73df
Frank Ocean

Blonde

8

È strano. Perché Blonde, uno dei dischi più attesi degli ultimi anni, sfugge a tutte le traiettorie...
Let_Them_Eat_Chaos_Kate_Tempest_Album_Cover_Final_grande
Kate Tempest

Let Them Eat Chaos

8.5

“Through the hallway, ancient wallpaper, nicotine gold, up the stairs, rickety, here, in the top flat, flowers...
sbr161-jennyhval-1440
Jenny Hval

Blood Bitch

8

In un’intervista data questa estate, con la stessa cruda onestà con cui lavora ai propri album, Jenny...
goat-Requiem-650x650
Goat

Requiem

8

Da un paio di anni campeggiano ai piani alti sui cartelloni dei festival, in America vengono licenziati...
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...