sigur-ros-kveikur
Sigur Rós

Kveikur

XL/Self
8

Di solito più si va avanti con la carriera, più è difficile che gli artisti riescano di nuovo a sorprendere. Sorprendono, invece, i Sigur Rós, che al settimo album giungono alla svolta stilistica più netta di sempre. Non che si siano perse certe caratteristiche fondanti, ma di primo acchito Kveikur non è così facilmente riconducibile alla band islandese, che nel mentre torna a legarsi a un’etichetta indipendente. Di certo avrà influito l’abbandono del tastierista Kjartan Sveinsson, tanto che l’apparato ritmico – Georg Holm al basso e Orri Dyrason alla batteria – riveste la parte del leone e si contrappone alla voce eterea e fanciullesca di Jónsi Birgisson. Potremmo dire che si tratta del miglior modo possibile per reagire a un cambiamento, ovvero non solo accettare quel che giocoforza avviene ma addirittura assecondarlo, estremizzarlo. Se voltare pagina è inevitabile, allora vale la pena voltare pagina davvero, insomma.
Maggiormente cupo sin dalla copertina e dunque torbido anche nei passaggi in teoria defaticanti, l’album si allontana dall’ambient del precedente, a tratti soporifero Valtari e si cimenta in campo rock: in fondo basta utilizzare con parsimonia il prefisso “post”. Provate a far partire a tutto volume il singolo Brenninsteinn, con i suoi battiti aggressivi, con le chitarre che avanzano con spavalderia senza rinunciare comunque a un considerevole minutaggio, oppure la martellante e spettrale title track. Questo innalzamento del tasso elettrico procede di pari passo assieme a cadenze che sperimentano flirt con industrial e dubstep, ma la bravura del trio è quella di stravolgersi senza rinunciare a se stessi. Ecco dunque che nei gorghi sintetici di Hrafntinna c’è spazio per i fiati, che le orchestrazioni in genere non vengono del tutto meno e che il sipario cala proprio con lo strumentale Var, punto di incontro fra pianoforte e archi a rappresentare una sorta di nuova era all’orizzonte. Un’era possibile soltanto dopo la liberatoria esplosione del geyser.

Pubblicato sul Mucchio 707, giugno 2013

Ultime recensioni Musica
letseatgrandma
Let’s Eat Grandma

I’m All Ears

6.5

Sono “tutt’orecchi” anch’io. La volta scorsa, all’esordio in I, Gemini, le nipotine terribili – che di nome...
kamasi-770x770
Kamasi Washington

Heaven And Earth

7.5

Quando ci eravamo lasciati, alla fine dell’intervista destinata a “Mono”, il supplemento di approfondimento riservato agli abbonati...
layl-llamas-thuban
Lay Llamas

Thuban

8.5

Quattro anni sono un arco temporale significativo per l’industria musicale, in cui può succedere di tutto –...
C_2_articolo_3142204_upiImagepp-800x800
Calcutta

Evergreen

5

Occorre far girare il disco daccapo tre o quattro volte per essere certi di aver guadagnato una...
FJM_GodsFavoriteCustomerCover
Father John Misty

God’s Favorite Customer

6.5

Con il quarto album a nome Father John Misty torna Josh Tillmann, l’autore di canzoni californiano già...
R-11909640-1524565190-8346_1525264924
Iceage

Beyondless

9

Diciamo pure che avevo bisogno di un disco del genere, in sintonia con il cattivo umore che...
Beach-House-7-LP
Beach House

7

8

La magia nei dischi dei Beach House non è mai venuta meno. È questo il miracolo attuato...
0602567364351_0_0_0_75
Sons Of Kemet

Your Queen Is A Reptile

8

Gli egizi chiamavano il loro paese Kemet, cioè “terra nera”, traendo spunto dal limo scurissimo rilasciato dalle...
doc160.ryleywalker.deafman.fc_.1600-1519762445-640x640
Ryley Walker

Deafman Glance

8

Confesso di non riuscire a definire con precisione la musica di Ryley Walker. Lo trovo, l’americano, sprecato...
mien mien
MIEN

MIEN

6.5

Abbiamo ormai perso il conto dei “supergruppi” formati da membri di diverse band che popolano lo scenario...
DRINKS
Drinks

Hippo Lite

7

Cate Le Bon lo aveva dichiarato tre anni fa: “Nelle interviste ti fanno sempre domande tipo ‘Quale...
mouse on mars cover
Mouse On Mars

Dimensional People

7.5

Uh, vedi un po’: i Mouse On Mars abbandonano le sponde discografiche che recentemente li avevano visti...
a toys orchestra LUB-DUB
…A Toys Orchestra

Lub Dub

7

Mentre là fuori l’indie italiano continua a scalare con risibile facilità le vette delle classifiche tricolori, gli...
CS672934-01A-BIG
Jonathan Wilson

Rare Birds

6

Che cosa non funziona in questo album di Jonathan Wilson? Formalmente, nulla.Alla sua nuova uscita, il songwriter...