Kollaps Tradixionales
Constellation/Goodfellas

La prima considerazione da fare a proposito di Thee Silver Mt.Zion Memorial Orchestra – questa volta, nei continui mutamenti di ragione sociale che caratterizzano la compagine canadese, mai completamente identica da un disco all’altro, è andata persa la Tra-La-La Band, ma c’è una ragione precisa: la riduzione dell’organico poco dopo l’uscita di “13 Blues For Thirteen Moon”, con l’abbandono della seconda chitarra imbracciata da Ian Ilavsky e del violoncello di Beckie Foon, e l’ingresso come batterista di Dave Payant al posto di Eric Craven – va oltre degli aspetti strettamente musicali della faccenda. Al di là dei proclami più o meno altisonanti e più o meno poetici che produce da poco più di un decennio, la comunità di musicisti aggregatisi intorno al fantomatico Hotel 2 Tango e alla Constellation è, prima di tutto, una comunità. Che vive al di là dello spazio dello studio di registrazione e manifesta, attraverso la musica che produce, un senso di appartenenza reale e vissuto, un’idea comunitaria che è venuta fuori in tutta la sua evidenza poco alla volta, soppiantando ben presto la percezione di avere a che fare con una agguerrita ma piuttosto utopica ballotta di sognatori, intenti a produrre suggestioni affascinanti ma magari un poco letterarie (anche se talvolta dotate di una ironia un po’ aspra che non sempre veniva colta). Il motivo di questa considerazione? “Kollaps Tradixionals” è il momento in cui finora, a parere di chi scrive, questa impressione si manifesta con maggiore chiarezza. Sarà che il disco è dedicato al figlio del cantante e chitarrista Efrim Menuck e della violinista Jessica Moss, nato nell’estate del 2008, facendone da un certo punto di vista quasi una celebrazione familiare, sarà che con il passare del tempo gli scenari apocalittici suggeriti dall’ensemble hanno lasciato spazio a lampi di speranza nel buio.
La luce è effettivamente un elemento chiave per capire lo spirito dell’album, a partire da un’enunciazione iniziale che si spiega da sé (“There Is A Light”, lungo brano già collaudato nel corso del tour del 2008, che nella sua resa in studio suona come una versione customizzata e organizzata in movimenti di certi gospel psichedelici di marca Spiritualized), per arrivare all’invito, nel terzo movimento dell’epico “side three” (la scaletta del cd è organizzata secondo i criteri del doppio vinile), a seppellire tre dinamo “dove gli alberi non crescono”, per riportare infine la luce dopo l’ennesimo lungo inverno (Dell’anima? Dell’umanità?). Una speranza di fondo che a ben vedere non è mai mancata ai Nostri, e che non mancava neppure ai tempi dei per certi versi poco rassicuranti vaticini orchestrali firmati Godspeed You! Black Emperor, ma che in questo caso si salda con una rinnovata ricchezza espressiva. Se l’etica punk di Mt. Zion ha spesso privilegiato l’irruenza, la non rifinitura (qui rappresentata dalla bella “I Built Myself A Metal Bird”, che ricorda i momenti più innodici della collaborazione tra gli olandesi Ex e il violoncellista Tom Cora), in queste canzoni il gruppo ritrova certe sottigliezze e sfumature che sembrano provenire direttamente dagli spartiti dell’Imperatore Nero (la coda della già citata “I Built Myself A Metal Bird”, le sparse suggestioni impro-ambient del seguito “I Fed My Metal Bird The Wings Of Other Metal Birds”), e in certi passaggi – “Kollapz Tradizional (Thee Olde Dirty Flag”)”, che si sviluppa a partire da poche note di piano – si respira un’aria di riscoperta delle proprie radici difficile da ricondurre ad analisi stilistiche, quel genere di sensazione che promana dall’ascolto di dischi come l’omonimo di The Band o “The Trinity Session” dei Cowboy Junkies.
Difficile dire se “Kollaps Tradixionales” sia il loro disco migliore, trattandosi di un gruppo che, pochi centimetri alla volta, ha sempre spostato in avanti i propri confini, adattando ogni volta le forme al proprio intimo bisogno di comunicare. Quel che è certo è che queste sette canzoni di lunghezza variabile e diffusa intensità rappresentano pienamente le potenzialità di un ensemble di musicisti che continua a iniettare in ogni sua dichiarazione (musicale, testuale, poetica, programmatica, visuale) il massimo quantitativo possibile di autenticità e onestà intellettuale. Non solo non è poco di questi tempi: volendoci adattare alla luminosità di fondo del disco, crediamo sia moltissimo.

tratto dal Mucchio n°667

Ultime recensioni Musica
61AG4lCxU3L._SL1215_
Nick Cave & The Bad Seeds

Skeleton Tree

9

Va alla radice, Nick Cave. Va allo scheletro, perché a volte non resta che radere al suolo...
a1895762218_10
Anohni

Hopelessness

8.5

Un protest album lo si aspettava da tempo da Antony Hegarty. Nonostante la sfilza di album firmati...
8581ba8e7275a0c8a187bc427f9ab28e
BadBadNotGood

IV

8.5

Se al secondo album ufficiale – che poi è il quarto di una produzione splendida e precoce...
tumblr_inline_ob3r9kzV2O1qbab62_540
Russian Circles

Guidance

9

C’è un momento, nella carriera di una band, che rappresenta una sorta di spartiacque, un prima e...
c1645585
Dj Shadow

The Mountain Will Fall

7.5

La cosa divertente, e tristemente paradossale, è che DJ Shadow è riuscito a riavvicinarsi alle vette di...
a4202885575_10
The Dwarfs Of East Agouza

Bes

8.5

Era successo nel 2015 con la collaborazione tra Suuns e Jerusalem In My Heart, accade di nuovo...
005483377_500
Swans

The Glowing Man

8.5

Un’esperienza dal vivo, sia per i musicisti sia per il pubblico: di questo si tratta quando parliamo...
james-blake-colour
James Blake

The Colour In Anything

8.5

The Colour In Anything è il tripudio dell’estetica e della sensibilità di James Blake, fresco della collaborazione...
moonshapedpool_blog-580
Radiohead

A Moon Shaped Pool

8.5

Prima che intervenisse il Diavolo, era Dio che si trovava nei dettagli, citato in tempi e modi...
iggy-pop-post-pop-depression-300x300
Iggy Pop

Post Pop Depression

8.5

Il valore di una cattiva compagnia sa essere inestimabile. Anche senza confermare quell’etichetta da mezzo genio e...
12661828_913097505464862_2974762137926284259_n
Teho Teardo & Blixa Bargeld

Nerissimo

8

Nerissimo è un disco difficile da raccontare, perché racchiude al suo interno un intricato gomitolo di fili...
a0455473221_16
Suuns

Hold/Still

9

Quattro anni da Images Du Futur e, ancora, il suono dei Suuns cambia. Dalla più pura psichedelia...
cavern-anti-matter-void-beats-invocation
Cavern Of Anti-Matter

Void Beats/Invocation Trex

9

In principio era l’improvvisazione. Dopo anni di tecniche improbabili per rinnovare il suono degli Stereolab, Tim Gane...
motor
Motorpsycho

Here Be Monsters

7.5

Quando si dice che ogni occasione è buona. Il pretesto per l’edizione limitatissima di Child Of The...