SleaterKinney_NoCities_1425
Sleater-Kinney

No Cities To Love

Sub Pop/Audioglobe
9

Dimmi che reunion fai, e ti dirò chi sei. Le Sleater-Kinney ne allestiscono una destinata a entrare nella Storia, sia per il rigore etico sia per la qualità del nuovo materiale. Materiale che non solo non teme confronti con l’illustre passato, recuperando la velocità di Dig Me Out, il potere (meta)comunicativo di All Hands On The Bad One e lo spirito avventuroso di The Woods, ma aggiunge persino contenuti inediti. Corin Tucker, Carrie Brownstein e Janet Weiss si concentrano su tre elementi: alchimia, energia, esplorazione. E ovviamente: voci, corde e batteria, in stato di grazia. Ma anche: cuore, cuore, cuore. Le ascolti e spaccano i culi come prima, se non più di prima, eppure spingono avanti un punk-rock irregolare, aspro e al contempo contagioso.

Partono con le sonorità moderne dell’imperiosa, incalzante Price Tage: Corin denuncia il costo elevato che il capitalismo infligge alle famiglie americane, Carrie replica che è opera del denaro che acceca. C’è l’urto liberatorio di Surface Envy, che celebra la stessa gioia di suonare e trascina chi ascolta in un vortice di irrefrenabile frenesia. Ci sono il pop delle title track, i riff spediti di A New Wave e quelli metallici di una No Anthems che alterna strofe seducenti e ritornello urlato, il manifesto di resistenza dell’orecchiabile Bury Our Friends e l’elettricità più drammatica di Hey Darling. I ritmi si fanno quasi funk con la dinamica Fangless, dichiarazione di vendetta, e la sincopata Gimme Love, botta-e-risposta incendiario: “Inside my heart beats like a girl”. È pathos dal primo all’ultimo minuto, compresa la finale, corale Fade: “If there’s no tomorrow / You better live”, per cui “If we are truly dancing our swan song, darling / Shake it like never before”. Così ci dicono, nel salutarci, e noi, no, non vogliamo credere a un eventuale canto del cigno o a un ulteriore stop, ma nel dubbio viviamo il presente agitandoci sull’onda adrenalinica di questo grandissimo album. È ufficiale, le Regine del r’n’r sono tornate.

Commenti

Ultime recensioni Musica
awol
Awolnation

Here Come the Runts

5.5

“Volevo fare un album pop-rock, alla maniera di quello dei Dire Straits o Born In The USA”,...
starcrawler
Starcrawler

Starcrawler

7.5

Si sono incontrati appena maggiorenni, al liceo, nel 2015. Oggi pubblicano il loro primo album su Rough...
maisie_maledette-rockstar-e1515853361535
Maisie

Maledette rockstar

8.5

Sono otto anni che aspetto il nuovo album dei Maisie, band messinese composta da Alberto Scotti e...
COSMOTRONIC-COVER-RGB-14401
Cosmo

Cosmotronic

8

Si dà subito il Bentornato, disegnando un autoritratto e definendo gli obiettivi, prima che parta un ritmo...
600x600bf
N.E.R.D.

No_One Ever Really Dies

8

La leggerezza. Il sense of humour, perfino. In anni in cui la musica black di matrice urban...
songsofpraise_shame
Shame

Songs Of Praise

8

Gli Shame, dall’Inghilterra, Brixton, sono cinque compagni di classe che iniziano a suonare nella sala prove dei...
four
Four Tet

New Energy

8

Ah, quanto sarebbe bello se New Energy uscisse come semplice white label: niente nome dell’autore, e stop....
maus
John Maus

Screen Memories

8.5

Quando Maus comunicò, al termine della dissertazione per il dottorato in filosofia politica, che la carriera di...
mariam
Mariam The Believer

Love Everything

7.5

“This could be the end of all the ends”, la prima spiazzante frase di Opening, traccia d’apertura...
colapesce
Colapesce

Infedele

7

Ricordo bene il momento in cui uscì il primo disco: Un meraviglioso declino. Era fine gennaio, cinque...
rabit
Rabit

Les Fleurs Du Mal

7.5

Il produttore di Houston Eric Burton è tra i capofila della nuova elettronica industrial degli ultimi anni....
cop
Elle Mary & The Bad Men

Constant Unfailing Night

7

Terzetto di base a Manchester, il progetto Elle Mary & The Bad Men esordisce sulla lunga distanza...
a2149764433_10
Courtney Barnett & Kurt Vile

Lotta Sea Lice

8.5

Sono passati 33 secondi dall’inizio di Lotta Sea Lice, una trama di  chitarre scintillanti apre alla strofa...
8693a1edc321169ba577b6ea8bcff7f1.1000x1000x1
St. Vincent

Masseduction

8.5

Tre anni fa parlavamo della “liberazione” di St. Vincent, giunta alla fase della divertita estroversione. Masseduction ne...
artworks-000234104634-7jd65k-t500x500
Indian Wells

Where The World Ends

8

Ecco, questo è un disco perfetto. Il che, per certi versi, è anche la sua problematica. Eh,...
a3585314451_16
Sequoyah Tiger

Parabolabandit

8.5

Ci aveva colpito forte con l’EP del 2016, Ta-Ta-Ta-Time. Da capogiro sin dal titolo, Parabolabandit è finalmente...