SleaterKinney_NoCities_1425
Sleater-Kinney

No Cities To Love

Sub Pop/Audioglobe
9

Dimmi che reunion fai, e ti dirò chi sei. Le Sleater-Kinney ne allestiscono una destinata a entrare nella Storia, sia per il rigore etico sia per la qualità del nuovo materiale. Materiale che non solo non teme confronti con l’illustre passato, recuperando la velocità di Dig Me Out, il potere (meta)comunicativo di All Hands On The Bad One e lo spirito avventuroso di The Woods, ma aggiunge persino contenuti inediti. Corin Tucker, Carrie Brownstein e Janet Weiss si concentrano su tre elementi: alchimia, energia, esplorazione. E ovviamente: voci, corde e batteria, in stato di grazia. Ma anche: cuore, cuore, cuore. Le ascolti e spaccano i culi come prima, se non più di prima, eppure spingono avanti un punk-rock irregolare, aspro e al contempo contagioso.

Partono con le sonorità moderne dell’imperiosa, incalzante Price Tage: Corin denuncia il costo elevato che il capitalismo infligge alle famiglie americane, Carrie replica che è opera del denaro che acceca. C’è l’urto liberatorio di Surface Envy, che celebra la stessa gioia di suonare e trascina chi ascolta in un vortice di irrefrenabile frenesia. Ci sono il pop delle title track, i riff spediti di A New Wave e quelli metallici di una No Anthems che alterna strofe seducenti e ritornello urlato, il manifesto di resistenza dell’orecchiabile Bury Our Friends e l’elettricità più drammatica di Hey Darling. I ritmi si fanno quasi funk con la dinamica Fangless, dichiarazione di vendetta, e la sincopata Gimme Love, botta-e-risposta incendiario: “Inside my heart beats like a girl”. È pathos dal primo all’ultimo minuto, compresa la finale, corale Fade: “If there’s no tomorrow / You better live”, per cui “If we are truly dancing our swan song, darling / Shake it like never before”. Così ci dicono, nel salutarci, e noi, no, non vogliamo credere a un eventuale canto del cigno o a un ulteriore stop, ma nel dubbio viviamo il presente agitandoci sull’onda adrenalinica di questo grandissimo album. È ufficiale, le Regine del r’n’r sono tornate.

Commenti

Ultime recensioni Musica
pumarosa_the-witch
Pumarosa

The Witch

7.5

“I just wanna dance”, afferma Isabel Munoz-Newsome nel singolo Priestess, sette giri e mezzo di orologio dedicati...
039eed0758eb3aa30f050c77e7bbdc1e.1000x1000x1
Kendrick Lamar

DAMN.

9

Credere in Kendrick Lamar è, sopra ogni cosa, un atto di fede. Non tanto per le sue...
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...