soft hair
Soft Hair

Soft Hair

Weirld World/Domino/Self
7.5

La collaborazione tra Sam Dust e Connan Mockasin ha origini lontane, quando nel 2010 l’ex cantante dei Late Of The Pier si unì alla tournée del musicista neozelandese trovando, l’uno nella follia dell’altro, un equilibrio e una sintonia perfetti; un’unione talmente riuscita che il progetto firmato Soft Hair sarebbe dovuto uscire parecchio tempo fa con lo stesso Mockasin ad annunciare l’imminenza del disco in una intervista del 2014. Cos’è dunque successo? Perché nel mentre se n’è sentito parlare molto e ascoltato poco, con un solo passaggio radiofonico nello show curato da James Blake giustappunto un paio di anni fa? Più che un problema di impegni e calendari, preferiamo pensare che i due artisti si siano guardati in faccia capendo quanto i tempi non fossero sufficientemente maturi per un tale risultato, tra esotiche, surreali contorsioni pop, lievi spruzzate funk e psichedelia portata all’eccesso. A posteriori risulta chiaro anche il ruolo di Dust, dei due è il più sensibile al tema dell’orecchiabilità, con la sua one-man band LA Priest e il relativo debutto dello scorso anno, l’ottimo Inji. Mostrando il frutto di alcuni semi che soltanto adesso riusciamo a cogliere e apprezzare, stava preparando perle quali Lying Has To Stop e Alive Without Medicine.

A questo punto una precisazione è d’obbligo: le otto tracce di questo album non sono difficili, né indigeribili; sono però pericolose come può esserlo la melassa. Si appiccano addosso colando piano ma inesorabilmente, ti paralizzano e nemmeno capisci quando è successo né perché. Sarà la sensualità febbricitante di In Love o l’inquietante dialogo tra falsetto e voce grave in Relaxed Lizard? Sarà che non riusciamo più a premere STOP sul lettore.

Commenti

Ultime recensioni Musica
a-crow-mount-eerie
Mount Eerie

A Crow Looked At Me

7

Geneviève Castrée, in arte Woelv e Ô Paon, ci ha lasciati il 9 luglio dello scorso anno...
a1257961858_10
Flowers Must Die

Kompost

8.5

Forse non diventeranno mai famosi come i Goat – e i Dungen prima di loro – ma...
homepage_large.77a617e0
Arca

Arca

8.5

I precedenti dischi di Arca, Xen e Mutant, esponevano il talento di un produttore visionario, che all’influenza...
sleaford_mods_english_tapas_grande
Sleaford Mods

English Tapas

7

Premessa: devo dire che li adoro. Più della musica in sé, la formula: due mosche da pub...
d166aff3-ccc5-45fd-8422-947a77c8b156
Grandaddy

Last Place

8

“Why would we ever move? / Damned if we do / Dumb if we don’t / End...
Noveller-A-Pink-Sunset-For-No-One
Noveller

A Pink Sunset For No One

8

Che il progetto da solista dietro cui si cela Sarah Lipstate sia figlio tanto di Glenn Branca...
LoyleCarner-YesterdaysGone-3000x3000_600_600
Loyle Carner

Yesterday's Gone

8.5

Guardandola attraverso i suoi video, l’esistenza che racconta Loyle Carner vi sembrerà di averla già vista vivere...
thexx-iseeyou
The xx

I See You

9

Non hanno rivali, oggigiorno, negli ascolti da cameretta delle ragazze e dei ragazzi: la “generazione xx”. C’è...
baustelle cover-album
Baustelle

L'amore e la violenza

8

Preparatevi: è un album fuori di testa, L’amore e la violenza. Come oggigiorno manda fuori di testa...
jaar
Nicolas Jaar

Sirens

8.5

Frutto di un’elaborazione sofferta, e perciò non facile all’ascolto, il secondo album “ufficiale” del 26enne produttore newyorkese,...
romare
Romare

Love Songs: Part Two

8

La scorsa estate ho trascorso qualche giorno a Parigi in compagnia di un’amica, abbiamo visitato il Centro...
fiori
Alessandro Fiori

Plancton

8.5

“Ma il sole rimane dietro”, recita lo spettrale semi-ritornello di Aaron, brano introdotto dalle dichiarazioni dell’attivista informatico...